Vaccini Informa

Vaccini: l’epidemia americana di AFM e la “falsa polio”, rei i vaccini?

Vaccini: l’epidemia americana di AFM e la “falsa polio”, rei i vaccini?

Vaccini: l’epidemia americana di AFM e la “falsa polio”, rei i vaccini?
Ottobre 23
08:02 2018

In America, continuano le strane “Epidemie” attuali di falsa polio: sarà forse il risultato degli effetti collaterali delle vaccinazioni?

a cura di Vacciniinforma

Il misterioso caso dei molteplici danni da  Enterovirus D68  ed enterovirus A71 (EV-A71) 

 

una bambina in un letto d'ospedale con animali imbalsamati

In America, dovete sapere che ci sono diverse nonché “strane” epidemie. Lo stesso CDC assieme ad altre “autorità” mediche , si riferiscono a loro come a delle”malattie misteriose” ma in seguito sono state tutte identificate e per molti dottori sono considerate non proprio misteriose. 

I bambini sono i più colpiti. Il virus protagonista è l’ “enterovirus”, come pure il virus della poliomielite, ma non vengono definiti “poliomielite”. Attualmente si registra un altro focolaio di enterovirus in diversi reparti aziendali. I sintomi sono simili alla polio, inclusa la paralisi per questo sono stati identificati come  mielite flaccida acuta (AFM).

Diverse le riviste americane che hanno  riportato per la prima volta questi focolai nel 2014, fornendo informazioni che non è probabile che possano leggere sui media aziendali. Osserviamo con attenzione i dati sulle coperture del 2014:

Aumento di decessi per Enterovirus D68, i vaccini saranno contaminati?

Ricordiamo che l’Enterovirus D68 (conosciuto anche con la sigla EV-D68) è uno degli oltre 100 enterovirus non-polio a oggi conosciuti. Poiché provoca malattie respiratorie, il virus può essere trovato in secrezioni respiratorie come muco, saliva o espettorato di un soggetto infetto. Si ritiene che l’EV-D68 si diffonda da persona a persona quando un soggetto infetto tossisce, starnutisce o tocca un oggetto o una superficie che viene poi toccata da altri. Moltissimi i Sintomi e le malattie associate.

Ma cos’è l’infezione da enterovirus D68 (EV D68)?

L’Enterovirus D68 (conosciuto anche con la sigla EV-D68) è uno degli oltre 100 enterovirus non-polio a oggi conosciuti. Venne identificato per la prima volta in California (Stati Uniti) nel 1962. In generale risultano essere più a rischio di contrarre l’infezione da Enterovirus D68 i neonati e i bambini, poiché le difese del  loro sistema immunitario sono ancora in via di formazione e fortificazione; tuttavia anche gli adulti possono infettarsi con questo virus (l’infezione, nel caso degli adulti, è accompagnata da una sintomatologia più leggera e non di rado asintomatica). I bambini con asma possono incorrere in complicazioni respiratorie in seguito a un’infezione da EV-D68.

Lyn Redwood, presidente della Children’s Health Defense, affronta gli attuali focolai e fornisce anche informazioni che non sono visibili (ovviamente) dai media “mainstream”, sponsorizzati dalle multinazionali, che generalmente ignorano tutti i fattori ambientali, compresi i vaccini, come possibili cause.

La nuova e preoccupante”simil polio”

Negli ultimi cinque anni, un focolaio di questa rara e grave malattia “simile alla poliomielite”, chiamata mielite flaccida acuta (AFM) o paralisi flaccida acuta (AFP), fa la sua comparsa in diverse zone degli Stati Uniti, soprattutto nei bambini (vedesi caso del Minnesota – https://www.cbsnews.com/news/acute-flaccid-myelitis-afm-minnesota-children-contract-rare-illness/ ).

MA I FOCOLAI SI FERMANO IN AMERICA? ASSOLUTAMENTE NO!

Sono stati segnalati casi di AFM / AFP in Europa , India e altri paesi. L’AFM colpisce un’area del midollo spinale (la sostanza grigia) e può causare invalidità permanente e talvolta la morte.

Gli esperti di salute pubblica considerano la paralisi flaccida acuta come “la manifestazione clinica più comune  della poliomielite paralitica” e quando l’analisi di laboratorio indica il poliovirus come la causa di quei sintomi, a quella persona viene diagnosticata la ” poliomielite “.

Tuttavia, quando non vi è alcun coinvolgimento confermato di poliovirus, gli operatori sanitari invece diagnosticano la condizione come “AFM” o “AFP”, anche se il quadro clinico è identico alla poliomielite.

Un neurologo di Stanford ammette che AFM:

“Assomiglia alla poliomielite , ma quel termine infastidisce davvero I RESPONSABILI della salute pubblica”.

L’attuale aumento dei casi di AFM negli Stati Uniti sembra essere iniziato intorno all’agosto 2014, con 362 casiconfermati dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) da quel momento.

Sedici stati hanno segnalato dozzine di casi nel 2018 in neonati e bambini, compresi 3 CASI in Pennsylvania, 6 casi in Minnesota e 6 a Washington , Illinois (9 casi) e Colorado (14 casi).

Gli epidemiologi ritengono che il numero di casi identificati probabilmente sottostima il numero di casi reali.

 

Dato che le probabilità di AFM sono – adetta loro- ” circa una su un milione “, un neuroepidemiologo del CDC ha dichiarato “notevole” questi recenti dati, ma ciò che è “notevole” è che i funzionari della sanità pubblica ignorano attentamente i possibili fattori ambientali che includono la vaccinazione .

La POLIO: una partita a scacchi

Il poliovirus è un enterovirus, un virus che abita il tratto gastrointestinale ma è in grado di viaggiare verso il sistema nervoso. Dal punto di vista del paraocchi del CDC, solo il poliovirus è in grado di causare la condizione paralitica etichettata come “polio”.

Tuttavia, i primi ricercatori della poliomielite dipinsero un’immagine diversa di questa malattia.

In uno studio che descriveva un’epidemia di poliomielite del 1958 nel Michigan (pubblicata sul Journal of American Medical Association o JAMA ), gli autori riferivano che “in un gran numero di pazienti paralitici e non-paralitici il poliovirus non era la causa ” .

I ricercatori della JAMA  hanno anche notato che le loro analisi di laboratorio non solo hanno identificato due diversi “tipi immunologici del poliovirus” ma anche altri tipi di enterovirus e ” non ci sono state evidenti differenze cliniche ” tra loro .

La dottoressa Suzanne Humphries, che cita lo studio JAMA , ha osservato che il poliovirus esisteva da millenni come “comune” e “insignificante” abitante dell’intestino – non causando paralisi fino al XX secolo.

La Humphries suggerisce che fattori dietetici e ambientali (inclusa l’esposizione a tossine come arsenico, piombo e DDT) così come l’avvento di “procedure mediche invasive” (come “iniezioni intramuscolari di molti tipi, tra cui i vaccini”) indebolirono tutto il 20 ° secolo,  favorendo l’epidemia di questa paralisi “attribuita uniformemente alle infezioni da poliovirus”.

Le spiegazioni del CDC

A differenza della visione unidirezionale della polio paralitica, il CDC e altri ricercatori contemporanei concordano sul fatto che l’AFP abbia una ” vasta gamma di potenziali eziologie”.

Alcune notizie hanno toccato il probabile ruolo delle tossine ambientali , ma praticamente tutta la ricerca pubblicata su AFM è rimasta lontana da questa possibilità.

Invece, i ricercatori sono stati impegnati a dimostrare che i due enterovirus da incolpare sono :

enterovirus D68 (EV-D68) e enterovirus A71 (EV-A71) – 

Gli studi dal Colorado pubblicati su Lancet Infectious Diseases ( 2018 ) e il Morbidity and Mortality Weekly Report ( 2016 ) del CDC non solo stabiliscono un legame tra i due enterovirus e l’AFM ma descrivono anche altri misteriosi esiti neurologici “di eziologia sconosciuta” che sono apparsi di tardi nei bambini colpiti in Colorado.

Un aspetto sconcertante di EV-D68 (un enterovirus identificato per la prima volta negli anni ’60) è che, come il poliovirus millenario, i ceppi geneticamente più vecchi di EV-D68 “non erano mai stati noti per causare paralisi” prima del 2014, essendo principalmente associati in individui  sani con sintomi simili a quelli del raffreddore .

Dopo il 2014, i ricercatori che hanno isolato ceppi EV-D68 mai scoperti in precedenza da casi di AFM pediatrici , hanno ipotizzato che “la recente evoluzione del virus genetico ” potrebbe essere responsabile per l’improvvisa ” neurovirulenza ” dell’EV-D68 .

Il caso del vaccino antipolio orale

“Neurovirulenza” è un termine molto familiare a coloro che hanno studiato l’insorgenza di poliomielite associata al vaccino in paesi che usano il vaccino polio orale vivo (OPV). Il vaccino OPV è riconosciuto come ” geneticamente instabile ” e capace di evolvere “nell’intestino umano per riguadagnare le caratteristiche di neurovirulenza e di replicazione dei suoi ceppi “.

Studi in paesi come il Ghana e la Cina hanno identificato il poliovirus derivato dal vaccino in bambini con paralisi, in regioni con un’elevata copertura di OPV.

Ricercatori indiani hanno recentemente descritto la relazione tra i tassi di “paralisi flaccida acuta non polio” (NPAFP) e la pratica di “immunizzazione della polio ” (vaccinazione periodica OPV di tutti i bambini sotto i cinque anni).

Il numero di cicli di poliomielite “aveva un’alta correlazione con il tasso di NPAFP” e il tasso di mortalità nei pazienti NPAFP era “il doppio del tasso di mortalità per la polio selvatica”.

Quando i ricercatori hanno calcolato che “il numero di bambini paralizzati ogni anno  superavano i numeri attesi” per il periodo dal 2000-2017, hanno scoperto che c’erano “altri 491.000 bambini paralizzati” oltre il previsto numero di 149.000.

Data la forte associazione tra paralisi al  numero di dosi di OPV  , i ricercatori hanno ipotizzato che:

“… le dosi ripetute del virus vaccinale vivo , possono colonizzare l’intestino e alterarne il microbioma virale , e questo può portare a deformazioni degli enteropatogeni. È possibile che nuovi enterovirus neurotropici [ attaccano preferenzialmente il sistema nervoso] colonizzando l’intestino possano indurre la paralisi. “

Evitare la parola “P” e la parola “V”

ANCHE I RAPPORTI DEL LANCET SONO STATI SEPOLTI PER TIMORE DI UNA REAZIONE CONTRARIA ALLE VACCINAZIONI

 

Gli Stati Uniti usano il vaccino IPV ( inattivato ), che non colonizza nell’intestino. L’IPV, quindi, non può causare lo spostamento dei ceppi virali nel modo ipotizzato dai ricercatori indiani in relazione al vaccino OPV.

Tuttavia, ci sono molti altri motivi per sospettare i meccanismi di causalità correlati al vaccino per l’AFM negli Stati Uniti, uno dei primi è che la LETTERATURA SCIENTIFICA LO ATTESTA DA ANNI.

Un rapporto del 1950 su The Lancet che descriveva un’epidemia di poliomelite in Australia osservò una relazione tra la poliomielite paralitica e la precedente vaccinazione contro la pertosse ed un “considerevole aumento della gravità della paralisi negli  arti  di quei bambini sotto i tre anni vaccinati  entro trentacinque giorni dall’inizio della poliomielite. ”

Un sopravvissuto al focolaio che aveva saputo del documento del Lancet scoprì che il rapporto era stato sepolto a causa dei” timori di una reazione contraria all’immunizzazione “.

In una recente Newsletter, il dott. Gary Kohls, medico di famiglia in pensione, descrive scrupolosamente gli studi che riguardano la paralisi post-vaccinazione, alcuni pubblicati abbastanza di recente ( 1998 , 2003 , 2013 , 2014 , 2016 ).

Cita anche il pediatra in pensione Allan Cunningham, che ha discusso del noto fenomeno della polio paralitico dopo la vaccinazione intramuscolare in una lettera al BMJ nel 2015 – e, a proposito dell’AFM, ha dichiarato:

“Se negli Stati Uniti circola un virus simile alla poliomielite, deve essere presa in considerazione la possibilità della sua provocazione da parte di uno o più vaccini”.

Cunningham ha spiegato: “È un tabù suggerire un ruolo per i vaccini, ma alcuni veterani ricordano ‘provocazione poliomielite’ [PP] o ‘paralisi provocatoria’ … seguendo iniezioni intramuscolari, tipicamente con vaccini.

La PP è stata documentata in modo molto convincente durante l’epidemia di polio britannica del 1949 quando il rischio di polio paralitico è aumentato di 20 volte tra i bambini che avevano ricevuto l’iniezione di DPT .

Osservazioni simili sono state fatte  a New York City; la loro revisione della letteratura ha citato casi sospetti già nel 1921 “.

Un caso clinico del 2018 di un paziente AFP di cinque anni a Taiwan ha rilevato che il bambino “ha avuto improvvisi esordi di paralisi flaccida acuta (AFP) che coinvolge il braccio sinistro, dopo febbre e sintomi respiratori avuti per 3 giorni”.

Un decennio fa, i virologi cinesi descrivevano il tronco cerebrale come uno dei principali bersagli dell’infezione con EV71 (uno dei due enterovirus sospettati di causare la paralisi della poliomielite), ma hanno notato che la ricerca precedente non aveva definito la “via di neurotrasmissione” dell’enterovirus.

Con la ricerca sui topi, questi ricercatori hanno scoperto che l’iniezione intramuscolare di EV71 “ha provocato infezione cerebrale, paralisi flaccida, disfunzione polmonare e morte dei stessi topi in soli 7 giorni”.

Lo studio, che ha confrontato l’iniezione intramuscolare con la somministrazione orale di EV71, ha anche osservato che i topi erano “notevolmente più suscettibili” all’inoculazione intramuscolare o orale.

Costruendo il supporto per una “teoria del trasporto assonale retrograda”, i ricercatori hanno ipotizzato che EV71 si diffonde “dal muscolo al [sistema nervoso centrale] attraverso i percorsi neuronali e il flusso sanguigno in determinati momenti durante l’infezione.” Il trasporto assonale retrogrado potrebbe anche spiegare come una iniezione al momento di un’infezione possa creare un’opportunità per batteri o virus di entrare nel cervello.

La maggior parte dei vaccini contro l’IPV negli Stati Uniti sono vaccini combinati contenenti alluminio .

I Ricercatori francesi hanno dimostrato che le particelle di alluminio nei vaccini svolgono un ruolo chiave in un’altra misteriosa condizione chiamata miofascite macrofagica (MMF).

I ricercatori della MMF hanno affermato che quando “particelle iniettabili di alluminio scarsamente biodegradabili, vengono iniettate nei muscoli, possono successivamente “diffondersi  in tutto il corpo e lentamente accumularsi nel cervello”.

Studi condotti sugli animali hanno dimostrato che i vaccini contenenti alluminio contribuiscono a “un processo neurodegenerativo della materia grigia del midollo spinale” ed alla ” paralisi degli arti posteriori ” oltre ad altri cambiamenti neuropatologici.

In uno studio di 12 paesi condotto da ricercatori europei,  su 29 casi di AFM, due dei 29 pazienti sono deceduti e il recupero completo è stato “raro” in coloro che sono sopravvissuti.

Eppure, invece di porre domande sulla paralisi post-vaccinazione, l’industria farmaceutica sta sviluppando più vaccini.

Sostenuto da un affrettato consenso sul fatto che EV-D68 ed EV-A71 siano i pericolosi virus du jour e ” le principali cause di AFP “, l’industria ha già sviluppato un vaccino EV-A71 “efficace”, mentre “un vaccino EV-D68 potrebbe essere all’orizzonte . ”

Se i vaccini che i bambini stanno già ricevendo hanno un ruolo causale nell’aiutare questi enterovirus ad entrare nel cervello o causare la paralisi attraverso altri meccanismi, quale sarà il destino  dell’industria farmaceutica e dei funzionari della sanità pubblica ?

 

 

CORRELATI

 

  1. https://www.eurosurveillance.org/content/10.2807/1560-7917.ES.2018.23.3.17-00310
  2. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30111741
  3. 3 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3473960/
  4. https://www.eurosurveillance.org/content/10.2807/1560-7917.ES.2018.23.3.17-00310
  5. https://www.theatlantic.com/health/archive/2014/10/the-mysterious-polio-like-disease-affecting-american-kids/381869/
  6. https://www.cbsnews.com/news/paralyzing-illness-acute-flaccid-myelitis-striking-more-us-kids/
  7. https://www.cdc.gov/acute-flaccid-myelitis/afm-surveillance.html
  8. https://pittsburgh.cbslocal.com/2018/10/10/acute-flaccid-myelitis-polio-upmc-childrens-hospital-confirmed-cases/
  9. https://www.cbsnews.com/news/acute-flaccid-myelitis-afm-minnesota-children-contract-rare-illness/
  10. https://www.cnn.com/2018/10/10/health/acute-flaccid-myelitis-illinois-colorado-bn/index.html
  11. https://www.theatlantic.com/health/archive/2014/10/the-mysterious-polio-like-disease-affecting-american-kids/381869/
  12. https://www.cbsnews.com/news/acute-flaccid-myelitis-afm-minnesota-children-contract-rare-illness/
  13. https://www.bmj.com/content/350/bmj.h308/rr
  14. https://medical-dictionary.thefreedictionary.com/enterovirus
  15. https://jamanetwork.com/journals/jama/article-abstract/327642
  16. https://jeffreydachmd.com/wp-content/uploads/2014/12/Suzanne_humphries_dissolving_illusions_disappearance_polio.pdf
  17. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4126112/
  18. https://edition.cnn.com/2018/10/10/health/acute-flaccid-myelitis-illinois-colorado-bn/index.html
  19. https://www.cdc.gov/acute-flaccid-myelitis/about-afm.html
  20. https://www.cdc.gov/non-polio-enterovirus/about/ev-d68.html
  21. http://outbreaknewstoday.com/colorado-investigates-acute-flaccid-myelitis-cases-viral-infections-neurologic-illness-children-46576/
  22. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29482893
  23. https://www.cdc.gov/mmwr/volumes/67/wr/mm6736a5.htm#contribAff
  24. https://www.sciencedaily.com/releases/2018/01/180122091243.htm
  25. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29959591
  26. https://www.eurosurveillance.org/content/10.2807/1560-7917.ES.2018.23.3.17-00310
  27. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29959591
Share Button

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti

Like Us On Facebook

Facebook Pagelike Widget