Vaccini Informa

Vaccini: Codacons denuncerà l’ass.ne nazionale Presidi

Vaccini: Codacons denuncerà l’ass.ne nazionale Presidi

Vaccini: Codacons denuncerà l’ass.ne nazionale Presidi
agosto 10
08:26 2018

CODACONS PRONTO A DENUNCIARE L’ASSOCIAZIONE NAZIONALE PRESIDI

 

POSIZIONE DEI DIRIGENTI SCOLASTICI INACCETTABILE, LEDE I DIRITTI DELLE FAMIGLIE E POTREBBE COSTITUIRE VIOLENZA AD ORGANO COLLEGIALE

Comunicato codacons

scuola

Sull’Associazione nazionale presidi incombe una denuncia in Procura. Il Codacons ha deciso infatti di denunciare l’organizzazione che rappresenta i dirigenti scolastici dopo le gravi affermazioni rilasciate in tema di vaccini, per la possibile fattispecie di violenza ad organo collegiale.
Con motivazioni che non comprendiamo, né condividiamo, i presidi sono scesi in campo per contestare i sacrosanti provvedimenti approvati dalla Commissione Affari Costituzionali, finalizzati a garantire vaccinazioni più eque e il diritto all’istruzione dei bambini – spiega il Codacons – Le criticità della legge Lorenzin sono oggettive e note a tutti, e qualsiasi modifica alla norma che non inficia la salute pubblica ma permette ai bambini di frequentare le scuole senza l’odiosa “caccia alle streghe” introdotta dal precedente Ministro della salute e dai suoi discepoli, è doverosa.
Riteniamo il comportamento dell’Associazione nazionale presidi una forma di violenza alla stessa Commissione parlamentare e per tale motivo abbiamo deciso di rivolgerci alla magistratura con un esposto in cui si chiede di accertare la correttezza dell’operato dell’ente alla luce della possibile fattispecie di violenza ad organo collegiale.
Non solo. Se l’organizzazione darà indicazione ai propri associati di non ammettere a scuola bambini muniti di autocertificazione delle vaccinazioni obbligatorie, il Codacons non esclude una ulteriore denuncia per istigazione a commettere reato.

Share

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti