Vaccini Informa

Vaccino HPV: la denuncia di Marie-Océane Bourguignon

Vaccino HPV: la denuncia di Marie-Océane Bourguignon

Vaccino HPV: la denuncia di Marie-Océane Bourguignon
settembre 15
07:45 2018

Gardasil in Francia: l’esperienza di Marie-Océane Bourguignon

Traduzione a cura di Vacciniinforma

Prima delle iniezioni di Gardasil

I genitori di Marie-Océane, Jean-Jacques e Yveline Bourguignon, hanno finalmente concesso il permesso di pubblicare la storia della figlia sperando che possano aiutare le persone a capire quali rischi vi si celino dietro alla vaccinazione HPV. Jean-Jacques e Yveline dicono che Océane era una ragazza in salute e piena di vita, questo fino al suo 15 ° compleanno.  Da li, tutto è cambiato..

Océane aveva 15 anni quando andò dal suo dottore di famiglia per avere un semplice certificato medico sportivo, mentre il professionista iniziò a parlarle del GARDASIL per la prevenzione del cancro cervicale.

 

I suoi genitori si fidarono del loro medico di famiglia e acconsentirono alla vaccinazione. Non si rendevano conto che questa decisione avrebbe innescato una catena di eventi inimmaginabile per tutta la loro famiglia.

Nel 2010, Marie-Océane Bourguignon ha ricevuto due iniezioni di Gardasil; la prima l’ 11 ottobre ° e la seconda il 13 dicembre ° . Due settimane dopo la prima iniezione, la ragazza inizia ad avere  problemi sensoriali e motori agli arti superiori.

Due mesi dopo, dopo la seconda iniezione, arrivarono vomito e forti capogiri. Tre mesi dopo la seconda iniezione, sui 13 ° di marzo 2011, Marie-Océane è stata ricoverata presso il Centre Hospitalier de Dax per il deterioramento delle sue condizioni generali di salute, disturbi cerebro-vestibolari e svalutazioni senso-motorio (atassia – incapacità di coordinare volontaria muscolare movimenti e vertigini).

Il 15 marzo 2011, una risonanza magnetica del suo cervello ha rivelato lesioni nella sostanza bianca. L’anno 2011 è stato una discesa all’inferno per i genitori di Océane. Passavano il loro tempo viaggiando tra casa e ospedale. Gli attacchi di Océane sono stati devastanti. Poteva sembrare in buona salute la sera prima di andare a letto e vomitare non appena si svegliava la mattina dopo. I suoi genitori non sapevano  quale nuovo sintomo avrebbero dovuto gestire .

Un ictus l’aveva lasciata su una sedia a rotelle senza vista o udito a causa dell’encefalomielite acuta.

Per due anni, Océane non ha potuto frequentare la scuola. Sedie a rotelle, paralisi facciale, vertigini e grande stanchezza l’hanno costretta nella sua casa .

Una delle tante visite in ospedale

Inizialmente i medici pensavano che Marie soffrisse di sclerosi multipla o di encefalomielite acuta disseminata (ADEM). Dopo diversi ricoveri successivi, è stato determinato che aveva sviluppato la sclerosi multipla, una malattia cronica, tipicamente progressiva che comporta danni alle guaine delle cellule nervose nel cervello e nel midollo spinale con sintomi quali intorpidimento, menomazione della parola e coordinazione muscolare, visione offuscata, e grave affaticamento. Marie-Océane vivrà con questa condizione per il resto della sua vita. Non esiste una cura conosciuta. Sua madre ha dovuto lasciare il suo lavoro per stare con Océane durante il suo momento di bisogno. La madre e il padre di Océane vivevano nel costante timore di perdere la loro “perla preziosa”.

Nonostante l’esitazione dei dottori, gli stessi hanno  concluso che l’encefalomielite era il risultato delle vaccinazioni HPV. Importante è stato prendersi cura del caso e sopratutto tenere conto dell’associazione temporale tra i sintomi di Océane e Gardasil.  Questa infatti, è stata rapidamente portata alla luce dai suoi medici, così i genitori di Marie hanno evitato il “vagabondaggio medico” che molti genitori francesi invece sono stati costretti a sopportare quando le loro figlie stavano male dopo la vaccinazione Gardasil.

Durante i due anni, i medici stavano cercando di decidere una diagnosi finale per Marie, i suoi genitori hanno richiesto un parere esperto della Commissione regionale per gli incidenti medici in Aquitania. Essi conclusero che la patologia era coerente con un danno da vaccino ma che poiché suo padre (50 anni) aveva il diabete di tipo 2, c’era probabilmente una suscettibilità genetica sottostante.

Di conseguenza, i suoi genitori hanno presentato una richiesta di risarcimento a suo nome presso il CRCI, Tribunale regionale per l’arbitrato e il risarcimento delle lesioni mediche a Bordeaux il 28 gennaio 2012.

A Bordeaux, il 18 settembre 2013, il giudice Patrick Mairé ha emesso una decisione in cui dichiarava che Gardasil fosse responsabile al 50% della lesione permanente di quest’adolescente francese che aveva ricevuto due iniezioni del vaccino HPV. L’altro 50% è stato attribuito ad una predisposizione genetica per i disturbi autoimmuni. (Il giudice Mairé presiede le cause legali depositate presso una filiale regionale della CRCI in Francia, che è l’equivalente del tribunale del Vaccine Injury Compensation Program (VICP) negli Stati Uniti).

Sanofi, che vende Gardasil per conto di Merck in Europa, ha dovuto presentare una proposta di risarcimento. L’azienda non ha accettato la responsabilità per l’infortunio nonostante il primo giudizio e le relazioni di due esperti medici. Rimasero in segno di diniego e alludevano all’arroganza della famiglia per aver osato sostenere che le condizioni della figlia erano un danno da vaccino. Sanofi ha persino tentato di far passare i genitori come anti-vaccino ( di questo non c’è da stupirsi).

Ma questa famiglia sapeva che nonostante il risarcimento, occorreva aiutare altre famiglie che vivevano quell’incubo. Loro non erano gli unici ad aver avuto la vita sottosopra dopo  il vaccino HPV, Gardasil. Sapevano che la decisione della CRCI non sarebbe stata ampiamente pubblicizzata per mettere in guardia le altre famiglie sui potenziali rischi connessi all’uso dei vaccini HPV. In breve, sapevano che accettare l’indennizzo non gioverebbe a nessuno se non alla propria famiglia.

Di conseguenza, hanno deciso di rifiutare l’indennizzo e portare il loro caso in un tribunale penale  in cui l’esito dell’aggiudicazione potrebbe essere reso pubblico. Hanno deciso che una decisione giusta per la loro famiglia avrebbe giovato alla comunità.

La nostra famiglia

La famiglia Bourguignon sapeva che c’erano più di 700 famiglie in Francia che avevano anche figlie che soffrivano di serie nuove condizioni mediche dopo la somministrazione di Gardasil (fonte: Agence Nationale Sécurité Médicament in Francia), ma credevano che le autorità sanitarie lo nascondessero e lo minimizzassero con la complicità dei laboratori.

Di fronte a questa ingiustizia, hanno deciso di mediare il caso. Nel novembre 2013, il loro avvocato, il signor Coubris, ha presentato una denuncia penale contro Sanofi Pasteur e l’Agenzia francese per i medicinali a nome della loro famiglia e di altre 50 famiglie come la loro.

Nel novembre 2015 hanno scoperto che questa denuncia era stata seppellita dalla procura di Parigi che affermava che non vi era alcun legame diretto tra Gardasil e le patologie del sistema nervoso sperimentate dalle ragazze rappresentate nella denuncia di Coubris. Ciò è stato fatto senza consultare nessuna delle 50 famiglie che si erano unite alla famiglia Bourguignon nella loro denuncia penale.

Nessuna delle famiglie è stata coinvolta, ascoltata. Siamo all’assurdo.

L’avvocato Coubris ha immediatamente presentato un ricorso e le famiglie hanno deciso di presentare anche un procedimento civile con il decano dei giudici inquirenti a Parigi. Vogliono che la verità su questo vaccino sia resa pubblica. Le famiglie hanno promesso di combattere fino alla fine. Accetteranno di intervenire a dibattiti scientifici completamente onesti e aperti. Per ottenere ciò, hanno richiesto l’assistenza di diverse associazioni indipendenti per facilitare i simposi sull’argomento all’interno della comunità medico-scientifica, indipendentemente da ciò che i tribunali decidono.

Oggi, Marie-Océane sta ancora combattendo per ricostruire la sua vita. A 20 anni, non è stata in grado di seguire la carriera da lei scelta in architettura. A 22 anni, ha superato il CAP di un pasticciere e vuole creare la propria attività vendendo dolci artigianali e prodotti locali.

È ancora giovane, nonostante abbia perso la sua adolescenza. Sarà sempre un soggetto affetto da malattia cronica, incapace di lavorare per un capo. Per avere un futuro, Marie dovrà essere il suo capo in modo che possa lavorare al suo ritmo. I suoi genitori la aiutano molto in questo.

La famiglia Bourguignon continua a combattere non solo per la loro figlia ma per tutte le altre famiglie francesi che stanno ancora soffrendo. Lottano per i genitori che hanno perso i loro figli. Lottano per aiutare le famiglie francesi ad ottenere giustizia per i sacrifici che hanno dovuto fare semplicemente perché si sono fidati dei consigli dei loro medici.

Informazioni sulla battaglia legale in corso:

Nessuna famiglia dovrebbe provare questo

Dopo una sentenza a nostro favore sul Crci de Bordeaux e un’imputazione che seguì il Gardasil, nel novembre 2013 abbiamo presentato una denuncia penale contro Sanofi e l’agenzia per la droga con l’aiuto del maestro Coubris de Bordeaux.

Questa procedura è stata seguita da circa 50 famiglie e reclami.

Dopo due anni, senza indagini, perché le famiglie non erano nemmeno state ascoltate, un procuratore del polo sanitario di Parigi ha chiuso il dossier.

Abbiamo quindi ripresentato una nuova denuncia penale attraverso il giudice per beneficiare di un’indagine approfondita .

Siamo stati convocati solo una volta da questo giudice a Parigi. Riteniamo che nessuno voglia aprire questa cartella e questo vaso di Pandora.

Nel febbraio 2018 è stata presentata una nuova denuncia, questa volta al tribunale civile di Dax per chiedere danni al laboratorio Sanofi.

Questo reclamo è ancora sotto inchiesta. Stiamo aspettando una convocazione con il giudice di Dax.

Quest’ultimo numero si basa sulle due relazioni di esperti che abbiamo avuto nel 2012 e nel 2012 sul caso CrC di Bordeaux.

 

Ringraziamo Sanevax per aver dato ascolto alla testimonianza della famiglia Bourguignon e auguriamo a Marie-Océane un futuro diverso da quello che tutti si aspettano.

Forza piccola Marie.

 

Share

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti