Vaccini Informa

EMA a Milano? Codacons attacca l’Agenzia europea del farmaco per i suoi conflitti d’interesse

EMA a Milano? Codacons attacca l’Agenzia europea del farmaco per i suoi conflitti d’interesse

novembre 19
07:00 2017

EMA: CODACONS CONTRO CANDIDATURA MILANO

SCEGLIERLA VORREBBE DIRE ARRECARE GRAVE DANNO ALL’EUROPA, IN ITALIA RECORD DI CONFLITTI DI INTERESSI TRA ISTITUZIONI, DIRIGENTI E AZIENDE FARMACEUTICHE

ema

Il Codacons torna ad attaccare la candidatura di Milano come sede dell’Agenzia europea del farmaco, a pochi giorni della decisione definitiva prevista per lunedì.
Abbiamo già scritto alla Commissione Ue chiedendo di bocciare la candidatura di Milano, spiegando nel dettaglio i motivi per cui l’Italia appare del tutto inadeguata ad ospitare un ente così importante – spiega l’associazione – Scegliere Milano come sede dell’Agenzia vorrebbe dire arrecare un enorme danno all’Europa, dal momento che il nostro paese registra il record di conflitti di interesse tra istituzioni, dirigenti sanitari e aziende farmaceutiche, con quest’ultime che finanziano e sostengono in modo assolutamente dubbio soggetti con cui non dovrebbero avere alcun tipo di rapporto e che decidono in tema di sanità pubblica.
Il rischio concreto insito nella scelta di Milano è di assoggettare l’Agenzia europea all’influenza della lobby dei farmaci, che in Italia trova terreno fertile ed estende i propri interessi come in un nessun altro paese Ue, con la conseguenza di privare l’ente della necessaria oggettività e imparzialità che deve contraddistinguere il suo operato – conclude il Codacons.

Ricordiamo che..

Lunedì 20 il consiglio Affari generali dell’Ue sceglierà la città che ospiterà l’Ema dopo l’uscita di Londra per la Brexit. Milano è favorita su Amsterdam, Lille e Copenaghen.

(Articoli di Sole 24 Ore e Corriere della Sera )

 

Secondo il bookmaker britannico Ladbrokes, Milano è ancora favorita per l’assegnazione dell’Agenzia Europa dei Medicinali (Ema) in vista del voto di lunedì 20 novembre per trasferire la sede delle agenzie comunitarie con base a Londra dopo la Brexit. Ma la corsa è incerta, con Bratislava e Amsterdam che in tre giorni sono riuscite a recuperare terreno sul capoluogo lombardo.

La decisione verrà presa dal consiglio Affari generali. I 27 dovranno decidere quale delle 19 città che si sono candidate a ospitare l’agenzia è la più adatta. Ogni Paese avrà a disposizione 6 voti, di cui 3 andranno alla sua prima scelta, 2 alla seconda e 1 alla terza. Vince chi riceve 3 voti da almeno 14 Paesi. Altrimenti le tre candidature che avranno ottenuto il maggior numero di voti complessivi andranno al secondo turno, dove ogni Paese avrà 1 voto ciascuno e quindi vince chi ne avrà almeno 14. In caso contrario, terza votazione con ballottaggio finale fra le prime due classificate o fra 3 (o più) in caso di parità.

“Siamo tutti in attesa, mi auguro che ci sia una risposta positiva. Milano è una città europea che svolgerebbe molto bene questo ruolo”, ha dichiarato la presidente della Camera, Laura Boldrini parlando ieri a margine di un convegno a Milano. “Sarebbe una buona opportunità per questa città che è già molto aperta e che ha delle ‘expertise’ riconosciute”. “Milano ha le carte in regola e la sua candidatura è forte”, ha aggiunto il premier Paolo Gentiloni.

‘Ema intanto si prepara a collaborare fin da subito con la nuova città che l’accoglierà, dopo il trasloco da Londra per la Brexit, scrive Il Sole 24 Ore. A partire da lunedì Ema avrà meno di 17 mesi per concludere il suo trasferimento ed essere operativa per fine marzo 2019. Sotto il profilo pratico si dovranno trovare posti negli istituti scolastici per i circa 600 figli dei dipendenti dell’Agenzia Ue. Inoltre da febbraio 2018 la città ospitante dovrà diffondere informazioni sulle soluzioni abitative, visto che serviranno 890 alloggi di qualità, a costi accessibili, e ben collegate col trasporto pubblico. La scelta di Milano ha il vantaggio di offrire una sede già pronta – il Pirellone – e infrastrutture all’avanguardia, tali da non far perdere neppure un giorno di lavoro ai dipendenti dell’agenzia.

Valutazioni sui benefici per l’indotto

La posta in palio è altissima, scrive Il Corriere della Sera. “Con i suoi oltre 600 funzionari, il suo potere di controllo e regolazione dell’intera industria farmaceutica europea, l’Ema è perno del mercato unico dei medicinali e catalizzatore della ricerca biomedica. Di più, secondo stime conservative, l’agenzia genera un indotto per la città ospite pari a oltre 1,5 miliardi di euro l’anno”.

Indotto economico stimato che potrebbe sfiorare anche i 2 miliardi di euro, secondo Money.it. “Innanzitutto, si stima che gli investimenti nel settore farmaceutico italiano – secondo in Europa con una valore di circa 30 miliardi di euro – risentirebbero di una crescita di circa l’8%. Questo perché le multinazionali del farmaco, la maggior parte delle quali hanno già sedi logistiche e commerciali nel nostro Paese, sarebbero invogliate a trasferire qui anche laboratori e parte della loro produzione. Tradotto: più investimenti sul territorio e più posti di lavoro. Nella sede dell’Ema, inoltre, sono impiegate circa 800 persone, che ovviamente dovrebbero trasferirsi nel capoluogo lombardo con le rispettive famiglie, le quali – secondo uno studio dell’Università Bocconi – potrebbero arrivare a spendere circa 40 milioni di euro all’anno, con un impatto positivo sui consumi. A questo dato, dovrebbero aggiungersi anche un indotto occupazionale di oltre 900 unità e le ricadute economiche dirette sulle aziende che potrebbero anche superare i 30 milioni annui.Infine, c’è da considerare anche l’impatto che l’Agenzia avrebbe sul turismo: grazie alle centinaia di eventi che organizza ogni anno, l’Ema porterebbe a Milano 60 mila visitatori l’anno per un giro d’affari stimato in circa 25 milioni di euro“.

“L’Italia fin qui ha fatto un percorso netto – aggiunge il quotidiano di via Solferino – La candidatura di Milano è stata giudicata quella tecnicamente migliore: rapidità dell’entrata in funzione, accessibilità, scuole, sanità, accesso al mercato del lavoro e servizi sociali per figli e partner dei dipendenti, collegamenti, fattore geografico, su ognuno dei criteri di valutazione la capitale lombarda è risultata al top. Per una volta, abbiamo fatto sistema. Anche il Financial Times e Le Monde hanno riconosciuto che Milano ha messo insieme il miglior dossier del lotto. Mentre i bookmaker londinesi la danno ampiamente favorita. In realtà non basta”.

I POLITICI OVVIAMENTE SONO CONCORDI MA I GENITORI?

 

Share

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti