Vaccini Informa

Calo della mortalità e il Mito dei Vaccini:Chi ne è l’artefice in realtà?

Calo della mortalità e il Mito dei Vaccini:Chi ne è l’artefice in realtà?

Marzo 08
08:35 2015
Il Calo della Mortalità è correlato strettamente al “mito” dei Vaccini?
Quali sono i grafici che attestano ciò?
L’incidenza dell’igiene e di altri fattori introdotti hanno contribuito a tale calo

QUALE CAMPANA NON ABBIAMO ASCOLTATO? QUALE VERITA’ NON CI HANNO PERMESSO DI VEDERE?

verità-441641_621x300

IL SEGUENTE DOCUMENTO MOSTRA COME IL CALO DELLA MORTALITA’ NON SIA CORRELATO ALL’INTRODUZIONE DELLE VACCINAZIONI DI MASSA.

LA SEGUENTE DOCUMENTAZIONE E’ UNA REVISIONE ECCELLENTE DEL  1970.

LE MALATTIE NOTEVOLI PRESENTI E RAPPRESENTANTI IL 20° SECOLO NON SONO STATE ERADICATE DALLA VACCINAZIONE.

 I vaccini NON sono stati responsabili nell’eradicazione delle principali malattie nel 20 ° secolo.
(Di seguito potrete scaricare la documentazione in merito cliccando sul link)
Scarica Review Paper: Il contributo discutibile di misure mediche per il declino della mortalità negli Stati Uniti nel XX secolo.

Il pensiero all’inizio di questo studio e recensione tratta da Rene Dubos (R. Dubos, Mirage di salute , di New York: Perennial Biblioteca 1959, p 23), che riassume bene la realtà dei fatti:

“… Dalla medicina di laboratorio,entrò efficacemente in scena il lavoro portato verso il completamento dai filantropi e riformatori sociali del XIX secolo… Quando la marea si sta ritirando dalla spiaggia è facile avere l’illusione che si possa svuotare l’oceano rimuovendo l’acqua con un secchio“..

Alcuni dei dati statistici rappresentati in forma grafica in questo documento.

I primi segni e tassi del declino di mortalità con l’indicazione del tempo di intervento medico (vaccini o antibiotici).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il secondo grafico,mostra i dati complessivi delle principali malattie del 20 ° secolo correlate alla mortalità da malattie croniche .

 

 

 

 

 

 

 

 

Si può vedere nel grafico precedente che le principali malattie infettive erano in sostanziale e drastico calo PRIMA dell’ intervento e uso medico di antibiotici e vaccini .

Una citazione finale della documentazione che stiamo illustrando:

In generale, le misure mediche  sembrano aver contribuito poco al calo generale della mortalità negli Stati Uniti dal 1900 circa,poichè il calo è avvenuto prima dell’intervento medico delle medesime.

In particolare, con riferimento alle condizioni di influenza, polmoniti , difterite,pertosse  e poliomielite per le quali, il calo della mortalità appare sostanziale.Si è stimato che al massimo il 3,5 per cento del declino totale della mortalità dal 1900, potrebbe essere attribuito a misure mediche introdotte per le malattie considerate precedentemente.

Queste conclusioni, a sostegno della tesi introdotta inizialmente, comportano ovviamente delle problematiche significative e per lo più strategiche per i ricercatori e per chi si occupa a livello legislativo della cura della nostra salute.

Implicazioni politiche profonde non confermano né rifiutano questa tesi.

Se si condivide l’opinione dell’inesorabile scomparsa ed eradicazione delle malattie a causa di interventi medici, allora ci può essere poco impegno per il cambiamento sociale, riguardante anche il riordino delle priorità in spese mediche (la quale non avviene).

  • Se una malattia X sta scomparendo principalmente a causa della presenza di un particolare intervento o servizio Y, allora chiaramente Y deve essere lasciato intatto, o, più preferibilmente, essere ampliato.

Il suo contributo dimostrabile giustifica la sua presenza.

Ma, se si può dimostrare in modo convincente, che la maggior parte del declino della mortalità non è correlata alle attività di assistenza medica, poi qualche impegno per il cambiamento sociale potrebbe accadere (anzi dovrebbe).

  • Se la scomparsa di X è ampiamente indipendente dalla presenza di Y, o addirittura si verifica in assenza di Y, allora chiaramente l’espansione e anche il mantenimento di Y può essere ragionevolmente messo in discussione.

La sua inefficacia dimostrabile giustifica qualche rivalutazione del suo significato.

Degno di menzione e di riferimento è il lavoro di Thomas Mckeown.

Pionieristico il suo lavoro portato avanti per tre decenni dagli anni ’50 agli anni ’80.

Tale lavoro ha contribuito a stabilire il fatto che:
c”I cambiamenti soprattutto sociali hanno determinato il declino della mortalità dalle 
malattie; in particolare una migliore nutrizione , una migliore igiene e miglioramenti generali a livello di vita”.

 

ASTRATTO E BIBLIOGRAFIA DELLA FONTE PRINCIPALE

References Alderson, M. 1976. An Introduction to Epidemiology. London: Macmillan Press. pp. 7-27. Barker, D.J.P., and Rose, G. 1976. Epidemiology in Medical Practice. London: Churchill Livingstone. p. 6. Bolduan, C.F. 1930. How to Protect Children From Diphtheria. New York: N.Y.C. Health Department. Dubos, R. 1959. Mirage of Health. New York: Harper and Row. Dubos, R. 1965. Man Adapting. New Haven, Connecticut: Yale University Press. Dubos, R. 1968. Man, Medicine and Environment. London: Pall Mall Press. Dunn, H.L., and Shackley, W. 1945. Comparison of cause of death assignments by the 1929 and 1938 revisions of the International List: Deaths in the United States, 1940 Vital Statistics-Special Reports 19:153-277, 1944, Washington, D.C.: U.S. Department of Commerce, Bureau of the Census. Fuchs, V.R. 1974. Who Shall Live?. New York: Basic Books. p.54. Griffith, T. 1967. Population Problems in the Age of Malthus. 2nd ed. London: Frank Cass. Contribution of Medical Measures to Mortality Decline 427 Habakkuk, H.J. 1953. English Population in the Eighteenth Century. Economic History Review, 6. Hill, A.B. 1971. Principles of Medical Statistics. 9th ed. London: Oxford University Press. Hill, A.B. 1955. Snow-An Appreciation. Proceedings of the Royal Society of Medicine 48: 1008- 10 12. Illich, I. 1976. Medical Nemesis. New York: Pantheon Books. Inman, W.H.W., and Adelstein, A.M. 1969. Rise and fall of asthma mortality in England and Wales, in relation to use of pressurized aerosols. Lancet 2: 278-285. Kass, E.H. 1971. Infectious diseases and social change. The Journal of Infectious Diseases 123 (1): 1 10-1 14. Krueger, D.E. 1966. New enumerators for old denominators-multiple causes of death. In Epidemiological Approaches to the Study of Cancer and Other Chronic Diseases, edited by W. Haenszel. National Cancer Printing Office. pp. 431-443. Lee, W.W. 1931. Diphtheria Immunization in Philadelphia and New York City. Journal of Preventive Medicine (Baltimore) 5:211-220. Lilienfeld, A.M. 1976. Foundations of Epidemiology. New York: Oxford University Press. pp. 51-1 11. McKeown, T. 1976a. The Modern Rise of Population. London: Edward Arnold. McKeown, T. 1976b. The Role of Medicine: Dream, Mirage or Nemesis. London: Nuffield Provincial Hospitals Trust. McKeown, T.; Brown, R.G.; and Record R.G. 1972. An interpretation of the modern rise of population in Europe. Population Studies 26:345-382. McKeown, T., and Record R.G. 1955. Medical evidence related to English population changes in the eighteenth century. Population Studies 9: 119-141. McKeown, T., and Record. R.G. 1962. Reasons for the decline in mortality in England and Wales during the nineteenth century. Population Studies 16:94-122. McKeown, T.; Record, R.G.; and Turner, R.D. 1975. An interpretation of the decline of mortality in England and Wales during the twentieth century, Population Studies 29:39 1-422. McKinlay, J.B., and McKinlay, S.M. A refutation of the thesis that the health of the nation is improving. Forthcoming. Magill, T.P. 1955. The immunologist and the evil spirits. Journal of Immunology 74: 1-8. 428 John B. McKinlay and Sonja M. McKinlay Moriyama, I.M.; Baum, W.S.; Haenszel, W.M.; and Mattison, B.F. 1958. Inquiry into diagnostic evidence supporting medical certifications of death. American Journal of Public Health 48: 1376-1387. Moriyama, I.M., and Gustavus, S.O. 1972. Cohort Mortality and Survivorship: United States Death-Registration States, 1900-1968. National Center for Health Statistics, Series 3, No. 16. Washington, D.C.: U.S. Government Printing Office. Pfizer, C. and Company. 1953. The Pneumonias, Management with Antibiotic Therapy. Brooklyn. Powles, J. 1973. On the limitations of modern medicine. Science, Medicine and Man. 1:2-3. Reid, O.D., and Rose, G.A. 1964. Assessing the comparability of mortality statistics. British Medical Journal 2: 1437-1439. Rutstein, D. 1967. The Coming Revolution in Medicine. Cambridge, Massachusetts: MIT Press. Shryock, H., et al. 1971. The Methods and Materials of Demography. Washington, D.C.: U.S. Government Printing Office. The Times (London). 1977. The Doctors Dilemma: How to cure Society of a Life Style That Makes People Sick. Friday, January 21. U.S. Department of Health, Education and Welfare. 1964. The Change in Mortality Trend in the United States. National Center for Health Statistics, Series 3, No. 1. Washington, D.C.: U.S. Government Printing Office. U.S. Bureau of the Census. 1906. Mortality Statistics 1900-1904. Washington, D.C.: Government Printing Office. Weinstein, L. 1974. Infectious Disease: Retrospect and Reminiscence, The Journal of Infectious Diseases. 129 (4):480-492. Wilson G.S., and Miles A.A. 1946. In Topley and Wilson’s Principles of Bacteriology and Immunity. Baltimore: Williams and Wilkins. Witte, J.J., and Axnick. N.W. 1975. The benefits from ten years of measles immunization in the United States. Public Health Reports 90 (3): 205-207. This paper reports part of a larger research project supported by a grant from the Milbank Memorial Fund (to Boston University) and the Carnegie Foundation (to the Radcliffe Institute). The authors would like to thank John Stoeckle, M.D. (Massachusetts General Hospital) and Louis Weinstein, M.D. (Peter Bent Brigham Hospital) for helpful discussions during earlier stages of the research. Address reprint requests to: John B. McKinlay, Department of Sociology, Boston University, 96 Cummington Street, Boston, MA 02215.

 

ALLEGATI

 

 

Share Button

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti

0 Commenti

Ancora nessun commento!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Only registered users can comment.

Like Us On Facebook

Facebook Pagelike Widget