Vaccini Informa

GARDASIL: 336 i decessi e 47.463 le reazioni avverse segnalate negli USA

GARDASIL: 336 i decessi e 47.463 le reazioni avverse segnalate negli USA

GARDASIL: 336 i decessi e 47.463 le reazioni avverse segnalate negli USA
aprile 11
06:29 2018

Un vaccino contro o “a favore” del  papilloma virus umano? Più di un decennio di controversie

Traduzione e testo a cura di Vacciniinforma

Ricordate la lettera del Prof. Lee alla stessa EMA, la quale non diede alcuna risposta? La storia si ripete ma questa volta, in campo abbiamo un altro professionista e ci spostiamo in Europa, precisamente in Spagna.

Il medico in questione si chiama Juan Gérvas ed è un medico in pensione appartenente al team CESCA. Ex Professore alle università di Valladolid, Autónoma de Madrid e Johns Hopkins. Attualmente insegna presso la National School of Health di Madrid. Egli ritiene che l’efficacia dei vaccini attualmente commercializzati non sia stata scientificamente dimostrata.

Juan Gérvas, dottore in pensione e visiting professor presso la National School of Health di Madrid.
“Migliaia di operatori sanitari in Spagna hanno chiesto la sospensione dell’applicazione del vaccino.”Juan Gérvas

E la storia si ripete..

Il vaccino contro l’HPV (Human Papilloma Virus) è la proposta della medicina tradizionale per prevenire la comparsa di cancro cervicale e altre possibili lesioni cancerose. Supportato e promosso come “sicuro” dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il vaccino ha due opzioni commercializzate in tutto il mondo; Gardasil e Cervarix, prodotti rispettivamente dai laboratori Merck Sharp & Dohme e GlaxoSmithKline.

Nell’ultimo decennio solo negli Stati Uniti Sono stati segnalati 336  decessi e 47.463 reazioni avverse a causa dell’applicazione del vaccino. D’altra parte, mentre il governo giapponese ha rimosso il vaccino dal proprio calendario sanitario nel 2013 a causa delle molteplici segnalazioni di reazioni avverse, oggi, paesi come Argentina e Cile lo includono nei loro programmi di vaccinazione obbligatoria per i bambini in età scolare.

Sebbene le organizzazioni come l’OMS e gli stessi Ministeri della Salute dei paesi che richiedono l’applicazione del vaccino contro il virus, non siano consci delle complicazioni che tutto ciò comporta, continua la mobilitazione delle associazioni in diverse parti del mondo, come pure dei membri della comunità medica e degli stessi genitori dei bambini colpiti da questi due vaccini : GARDASIL e CERVARIX.

“Nei vari decenni trascorsi, non sono stati condotti  abbastanza studi , soprattutto per quanto riguarda l’efficacia e la sicurezza di questi vaccini” dichiara il dott.Gervas, aggiungendo che:

“Questi, sono VACCINI SPERIMENTALI  e vale la pena discutere circa gli innumerevoli casi di reazione avversa e gli effetti negativi come l’insufficienza ovarica, le malattie autoimmuni, uveite, lupus, diabete, alterazioni neurologiche, embolia polmonare e morte “.

In foto, il Presidente del Cile, Michelle Bachelet, è stato chiamato per la vaccinazione contro l’Human Papilloma Virus 2015 / Governo Flickr.com/ del Cile

Ma Gérvas non è l’unico professionista in Spagna che ha questa  questa visione riguardo ai vaccini HPV attualmente in commercio: “Nel 2009 migliaia di medici  in Spagna hanno chiesto la sospensione del Gardasil. Noi non troviamo giusto questo business sulla pelle dei nostri azienti” termina il professore.

Senza alcuna risposta

Il 5 marzo 2016, Natalia Bezi, una madre argentina della provincia di Chaco, ha portato la figlia di 11 anni, Delfina, in una clinica pediatrica. Il medico le disse che mancava alla ragazza il vaccino contro l’HPV e che avrebbe dovuto provvedere . Una volta vaccinata nell’Ospedale pediatrico pubblico e senza ricevere alcun CONSENSO INFORMATO madre e figlia, tornano a casa.

Il giorno seguente, mentre Delfina faceva educazione fisica iniziò a sentirsi male e chiese ad un amico di accompagnarla in bagno. La ragazza sentì un dolore intenso intenso al collo , tanto da chiedere aiuto. Delfibna ad un certo punto ha iniziato a “non sentire più le sue gambe” raccontava, finoa  che non svenne.

Da quel giorno in poi, la vita di Delfina e quella di tutta la sua famiglia sono cambiate per sempre: è stata internata e sottoposta regolarmente a studi invasivi a causa degli svenimenti ricorrenti, dei dolori intensi e della difficoltà a camminare. Bezi attribuisce i problemi di Delfina al vaccino:

“Mia figlia era in buona salute e dopo che è stata vaccinata ha iniziato ad avere sintomi molto strani, senza alcuna spiegazione.”

Natalia Bezi, madre di Delfina, figlia danneggiata dal vaccino HPV.
“Delfina è stata gravemente danneggiata dal GARDASIL”. Natalia Bezi, madre di Delfina, danneggiata dal vaccino HPV.

Sul sito web , molte le madri le quali hanno riportato le loro esperienze, tutte somiglianti alla storia della figlia Delfina. ” Non abbiamo ricevuto risposta dai medici”  confessa la madre della ragazza.

Delfina soffre di dolore neuropatico, sincope vasovagale, emicrania vestibolare, vesciche alle mani e ai piedi, bruciore in tutto il corpo e problemi al sistema digestivo e urinario. I suoi genitori si sono rivolti alla medicina alternativa perché – secondo Bezi – la medicina convenzionale viene fermata da una serie di attività poco chiare. Come darle torto.

“I medici non spiegano, non ti parlano degli effetti negativi”, dice e nonostante le successive richieste  sulla quantità di effetti avversi  del vaccino contro il papilloma umano alla National Administration of Medicines, Food and Medical Technology, l’agenzia ufficiale argentina che ha approvato la commercializzazione dei vaccini Cérvarix e Gardasil non fornito le informazioni richieste.

LE FAMIGLIE DANNEGGIATE SONO STATE ABBANDONATE DALLO STATO

  • Dall’altra parte dell’Oceano Atlantico, in Spagna, il vaccino non è obbligatorio. Tuttavia, Alicia Capilla, presidente dell‘AAVP, l’associazione che aiuta le famiglie come quelle di Delfina, ha recentemente dichiarato in un comunicato stampa che le autorità sanitarie spagnole non fanno abbastanza per mettere in guardia sui pericoli del vaccino o per sostenere le sue vittime.

” Dopo 9 anni di somministrazione di questi vaccini, ancora non vi è alcun riconoscimento sugli effetti negativi avuti a seguito dei medesimi”, ha dichiarato Capilla, la quale denuncia la grave situazione di abbandono delle famiglie.

La lotta inizia appena

Il collettivo dei cittadini coscenziosi sulla vaccinazione contro l’HPV – Uruguay, è un gruppo che oggi riunisce quasi 14.000 persone; creato nel 2016, quando il Ministero della sanità pubblica (MSP) ha annunciato l’intenzione di rendere obbligatorio l’applicazione del vaccino HPV per tutte le ragazze del paese per le ragazze tra gli 11 ei 12 anni.

Dopo le dichiarazioni del Ministo della Salute Direttore inizia la vera mobilitazione. Questo gruppo, ha presentato tutti i relativi casi allo stesso Istituto nazionale per i diritti umani e al relativo ufficio del difensore civico (INDDHH), nonché allo stesso Senato e al Ministero della sanità pubblica.

Cecilia Muñiz, membro del collettivo cittadino per il vaccino non obbligatorio contro VPH-Uruguay.
“Stiamo studiando tutte le relative azioni legali da intraprendere” dichiara Cecilia Muñiz, membro del collettivo cittadino per il vaccino non obbligatorio contro VPH-Uruguay.

Poiché in Uruguay è necessaria una legge affinché un vaccino diventi obbligatorio, gli sforzi del collettivo e l’attenzione generata dalla sua mobilitazione hanno impedito all’iniziativa di avanzare nella sfera legislativa. Tuttavia, il 2 aprile di quest’anno, la MSP ha avviato una campagna di vaccinazione contro l’HPV nelle scuole del paese , senza informare sulla natura non obbligatoria della domanda o sui possibili effetti avversi.

“Ora ciò che viene fatto è obbligatorio in realtà, perché si sta svolgendo in tutte le scuole del paese”.

Il ministero non avverte che il vaccino non sia obbligatorio e l’autorizzazione che invia ai genitori, non è un consenso informato perché non riporta alcun fattore di rischio, controindicazione o possibili effetti avversi “, afferma Cecilia Muñiz.

Questo costituisce una immensa “violazione dei diritti”.  D’altra parte, Cecilia Muñiz sospetta che dal ministero stiano applicando il vaccino HPV “camuffato” insieme al vaccino contro la difterite, il tetano e la pertosse, obbligatorio in Uruguay.

Reazione avversa

“Ero la classica madre che vaccinava, tranquilla e sicura delle istituzioni sanitarie” dichiara Mónica León del Río, un avvocato colombiano della città di Bogotá, la cui figlia, Alejandra, ha sofferto di gravi effetti negativi dopo la somministrazione  di Gardasil.

Mesi dopo l’inizio dei problemi fisici di Alejandra, scoppiò uno scandalo nel municipio di El Carmen de Bolívar, una città a poco più di 100 chilometri dalla città di Cartagena, che aprì gli occhi di Monica la quale si rese conto di ciò che in realtà era accaduto a sua figlia: in un periodo di circa tre mesi, più di 700 ragazze hanno avuto reazioni avverse al vaccino Gardasil, applicato nella scuola obbligatoria, secondo i requisiti del Ministero della Salute della Colombia.

Essendo una città dove tutti conoscono tutti ed essendoci un unico ospedale, tutte le ragazze con effetti negativi arrivarono al centro di salute e si è capito che qualcosa di strano stava succedendo. I sintomi presentati dai bambini erano sincopi, perdita di coscienza per una o due ore, debolezza muscolare, svenimento e tutta una serie di sintomi neurologici.

Mónica Léon del Río, avvocato e presidente dell'Associazione Reconstruyendo Esperanza.
“Siamo migliaia di genitori che si lamentano nel mondo e nessuno vuole ascoltarci.” Mónica Léon del Río, avvocato e presidente dell’Associazione Reconstruyendo Esperanza.

Prima dello scandalo, che stava raggiungendo proporzioni nazionali, il governo ha deciso di condurre un’indagine per determinare cosa fosse successo a El Carmen de Bolívar.

I DANNEGGIATI TRATTATI DA “ISTERICI”

“ISTERIA COLLETTIVA” , questa la risposta del governo a ciò che era accaduto; il tutto “Senza studi clinici e test medici” dichiara León del Río, il quale sostiene che questa è una teoria assurda poiché gli effetti avversi non erano simultanei , ma progressivi.

“Ci sono ragazze, ad esempio, che hanno avuto effetti avversi alla prima dose, altre alla seconda, altre alla terza e altre ancora, qualche tempo dopo la terza dose” dichiara Léon.

Cause e sentenze non adempiute

Grazie all’unione delle famiglie grazie anche alle pagine social, molti danneggiati hanno potuto capire cosa gli è in realtà accaduto. Raccontiamo di seguito il caso di una donna incinta, anche lei danneggiata da vaccino Gardasil, la quale ha dovuto optare per un taglio cesareo.

A causa infatti dell’urgenza della sua situazione, dal momento in cui la giovane donna sarebbe potuta morire se avesse scelto il parto naturale, il suo avvocato ha presentato un reclamo, vincendolo  ( di seguito il pdf che vi consigliamo di scaricare).

 “INFORME BROTE CARMEN DE BOLIVAR FINAL” 

Dopo il successo avuto, l’avvocato ha iniziato a ricevere decine di richieste di aiuto dei casi di El Carmen de Bolívar. Grazie agli sforzi del legale in questione e delle madri dei ragazzi danneggiati, le reazioni avverse del gardasil ora, non vengono più smentite nel paese, ricevendo sempre più attenzioni.

Oltre alla diffamazione da parte delle autorità sanitarie, di alcune organizzazioni femministe e dei media stessi, León del Río ha deciso di continuare la lotta a livello giudiziario.

“Ho iniziato a difendere gli interessi di persone che forse non mi conoscevano, difendendo l’intero gruppo di persone colpite da El Carmen de Bolívar e io agisco per loro”, ha detto.

Dopo aver vinto una seconda e una terza causa, tra cui la figlia e dieci ragazze di El Carmen de Bolivar, le sentenze hanno ordinato una immediata attenzione alle vittime e un’indagine sugli effetti avversi del vaccino.

Mónica León del Río e Alicia Capilla, insieme ad altre associazioni al simposio, il vaccino HPV. Tokyo, Giappone, 24 marzo 2018 / Per gentile concessione di Medwatcher Japan

Grazie a questi sforzi la percentuale di vaccinazione di oltre il 90% durante il primo anno, oggi è scesa al 16%.

Attualmente l’avvocato che ha lavorato alla class action depositata presso le autorità civili contro Merck Sharp & Dohme, responsabile per la produzione di Gardasil, agisce a nome di tutti i danneggiati. Lion River chiarisce che nelle famiglie colpite, molte madri hanno smesso di lavorare per seguire a pieno i propri figli.

“La malattia non ha una cura definitiva. Questo è stato dimostrato dalle molte vittime che hanno ricevuto la pensione di invalidità”, continua.

Oltre alla resistenza da parte delle organizzazioni ufficiali o delle stesse compagnie farmaceutiche a riconoscere gli effetti avversi del vaccino, León del Río ritiene che il problema sia più profondo e che influisca direttamente sul corpo sociale nel suo insieme: “Siamo migliaia di genitori a lamentarci ma nessuno vuole ascoltarci … Il mondo non vuole sentire questo … “.

 

 

 

Grazie a SANEVAX

Fonte di Ignacio Fernández Albano

Share

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti