Tutti gli articoli di E. Vacciniinforma

MEDICO-ARRESTO

Messina, arrestati tre medici,responsabili di falso materiale e falso ideologico, peculato e truffa aggravata

Messina, falsi tumori al seno per giustificare le plastiche: arrestati tre medici

Agli arresti sono finiti Letterio Calbo, ex direttore del Reparto di Endocrinochirurgia del Policlinico, Massimo Marullo, vicedirettore dello stesso reparto, ed Enrico Calbo, specializzando.

Articolo di “La Repubblica”.

ima di http://www.strettoweb.com/wp-content/uploads/2016/06/arresti-polizia.jpg
ima di http://www.strettoweb.com/wp-content/uploads/2016/06/arresti-polizia.jpg

 

La polizia ha posto agli arresti domiciliari tre medici, ritenuti responsabili , commessi nell’esercizio delle loro funzioni di dirigenti del Policlinico universitario di Messina tra il 2011 e il 2013. Agli arresti sono finiti Letterio Calbo, 68 anni, all’epoca dei fatti direttore del Reparto di Endocrinochirurgia del Policlinico, Massimo Marullo, 59 anni, vicedirettore dello stesso reparto, ed Enrico Calbo, 40 anni, in qualità di specializzando.

Gli inquirenti hanno scoperto che venivano dissimulati degli interventi di chirurgia estetica additiva (mastoplastica), certificando l’esistenza di patologie oncologiche, di origine traumatica o malformativa.

In alcuni casi si era poi reso necessario un secondo intervento per la sostituzione delle protesi difettose, impiantate nello specifico da Marullo ed Enrico Calbo, il quale, pur essendo ancora uno specializzando, operava talvolta anche da solo. All’alterazione della documentazione clinica avrebbe partecipato Letterio Calbo, padre di Enrico, nella qualità di direttore del reparto di Endocrinochirurgia.

Alle pazienti veniva richiesto il pagamento delle protesi impiantate per importi di qualche migliaio di euro, di cui i medici si appropriavano, omettendo di dichiarare all’azienda sanitaria sia l’indebito compenso ricevuto sia l’impiego di una diversa tipologia di protesi, rispetto a quelle in uso alla farmacia del Policlinico, in violazione del protocollo sanitario. Cio’ era possibile grazie all’apposizione sulle cartelle cliniche di etichette non corrispondenti a quelle delle protesi impiantate.

Il danno economico arrecato all’azienda, secondo gli inquirenti, non si limitava pero’ al mancato versamento delle somme corrisposte dalle pazienti. A un secondo livello si sarebbe infatti verificata la truffa ai danno del servizio sanitario regionale, cui venivano segnalati falsamente come casi coperti dall’assistenza interventi non coperti in tutto o in parte dal Servizio sanitario Regionale, per i quali non era quindi dovuto il rimborso.

 

FONTE

http://palermo.repubblica.it/cronaca/2016/06/25/news/messina_falsi_tumori_al_seno_per_giustificare_le_plastiche_arrestati_tre_medici

Share
dollari

AIFA: i dati sull’uso dei farmaci in età pediatrica nel 2015

Vacciniinforma condivide con i lettori questo interessante rapporto OsMed 2015, il quale mette a fuoco un dato aberrante.
“Il Rapporto OsMed 2015 dedica anche quest’anno un focus all’utilizzo dei farmaci in età pediatrica. I dati evidenziano che nell’anno,la fascia di età che ha fatto registrare i maggiori consumi è quella dai 0 ai 2 anni con 82,2 dosi giornaliere ogni mille abitanti”.

Questione di guadagno o speculazione? Leggiamo insieme “sull’immissione di medicinali innovativi ad alto costo ed in particolare dei nuovi farmaci ad azione antivirale diretta di seconda generazione (DAAs) per la cura dell’epatite C cronica, la spesa pubblica ha fatto registrare un significativo aumento dei costi”.  

Poi qualcuno dovrebbe illuminarci in merito alla pericolosità dell’Epatite e sopratutto sulle nuove terapie salva tasche (non certo dei pazienti).

FONTE AIFA (alla fine dell’articolo).

L’uso dei farmaci in Italia – Rapporto OsMed 2015

PINOCCHIO BEDDU

I dati dell’edizione 2015 sono, più che mai, indicativi dei successi conseguiti nell’ambito della ricerca farmacologica e riflettono scelte e politiche attuate nell’ottica di garantire al cittadino il più ampio e sicuro accesso alle cure, con particolare attenzione ai medicinali innovativi e per il trattamento di malattie rare. Nel 2015, a seguito dell’immissione sul mercato di medicinali innovativi ad alto costo ed in particolare dei nuovi farmaci ad azione antivirale diretta di seconda generazione (DAAs) per la cura dell’epatite C cronica, la spesa pubblica ha fatto registrare un significativo aumento dei costi. E’ emblematico, al riguardo, il balzo, in termini di spesa, dalla quinta alla prima posizione, fatto registrare dalla categoria terapeutica degli antimicrobici, cui afferiscono questi farmaci, che per la prima volta è riuscita a spodestare i farmaci cardiovascolari.

Il Rapporto quest’anno si è ulteriormente arricchito di due nuovi indicatori di appropriatezza d’uso, volti a valutare i profili d’utilizzo dei farmaci e quelli dell’aderenza al trattamento nell’ambito della fibrillazione atriale e della trombosi venosa profonda. Inoltre,viene riportata, per la prima volta, per ciascun indicatore, anche una valutazione del valore regionale con lo scopo di evidenziare la distanza in termini di appropriatezza delle cure erogate in ogni singola Regione rispetto ad un valore di riferimento. Presente per la prima volta, inoltre, un’analisi sull’utilizzo e la spesa per la categoria dei farmaci impiegati per il trattamento dell’epatite C, con approfondimenti per sottocategoria terapeutica, molecola e a livello regionale.

Il Rapporto OsMed 2015 dedica anche quest’anno un focus all’utilizzo dei farmaci n in età pediatrica. i dati evidenziano che nell’anno considerato la fascia di età che ha fatto registrare i maggiori consumi è quella dai 0 ai 2 anni con 82,2 dosi giornaliere ogni mille abitanti. Nello specifico, è stato osservato un maggiore utilizzo di questa classe di medicinali per i maschi rispetto alle femmine, ad eccezione della fascia d’età 14-17 anni.

L’attenzione ai farmaci utilizzati in pediatria è in linea con le direttive promosse dall’Agenzia Europea dei Medicinali, concretizzatesi con il recente avvio di una consultazione pubblica sulla necessità di raccogliere ulteriori evidenze scientifiche al fine di promuovere un migliore impiego dei medicinali in ambito pediatrico.

Per l’analisi dell’utilizzo dei farmaci in età pediatrica (<18 anni) sono stati utilizzati i dati provenienti da 40 ASL e 8 Regioni, distribuite tra Nord, Centro e Sud Italia, a cui afferisce una popolazione di circa 38,7 milioni di assistibili.

La categoria maggiormente utilizzata è quella dei farmaci dell’apparato respiratorio (35,6%) e dei farmaci dell’apparato gastrointestinale (25,5%).
Nella lista dei primi 30 principi attivi per consumo quasi la metà appartengono alla categoria dell’apparato respiratorio (13 principi attivi), seguono per numerosità i farmaci appartenenti alla categoria degli antimicrobici (6 principi attivi).

I primi tre principi attivi per consumo sono rappresentati dal colecalciferolo, beclometasone e dall’amoxicillina associata ad acido clavulanico. Non si evidenziano differenze rilevanti nella distribuzione dei consumi delle diverse categorie di farmaci tra generi se non per i farmaci del sistema genito-urinario, che presentano un maggior uso nelle femmine rispetto ai maschi”.

 

FONTE

http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/content/aifa-i-dati-sull%E2%80%99uso-dei-farmaci-et%C3%A0-pediatrica-nel-2015

http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/content/luso-dei-farmaci-italia-rapporto-osmed-2015

 

Share
news

Vittima da vaccino: ancora una volta, lo Stato non paga l’indennizzo

Ancora una vittima ignorata dal nostro Governo. Ancora una volta,la Stampa di regime si indigna.

TRIBUNALE

Ancora una vittima della 210/92 nonostante le dure frasi condivise da “La Repubblica” stamane.

Il giornale citato,dichiara quanto segue :

“I vaccini non sono sicuri al 100 per 100, in casi molto rari possono provocare la stessa malattia che dovrebbero prevenire o una sua complicanza ma problemi diversi, come appunto l’autismo, sono esclusi dagli esperti di tutto il mondo.”

Questo paradosso non è più credibile . Esperti? Non ci risulta ci sia stato un simposio con la presenza di TUTTA la comunità scientifica,per quanto continueremo con le affermazioni di parte?

Uno schiaffo non alla scienza (come afferma la stessa Repubblica citando il giudice siciliano, reo di voler vedere la verità dei fatti) ma all’intelligenza di tutti noi.

Come al solito la stampa di regime si schiera a favore della causa.

La loro.

Aberrante è leggere determinate controverse affermazioni.

“I vaccini o sono sicuri o non lo sono”.  Per il resto,ricordiamo sempre di guardare le evidenze, con la speranza che le toghe facciano il loro mestiere e che ognuno stia al suo posto.

Rispetto per le famiglie dei danneggiati e per i professionisti che svolgono con passione ed etica il proprio lavoro,rispettando il principio per cui hanno giurato.

Riportiamo fedelmente l’articolo del giornale di Sicilia, che ha scritto su questa vicenda irreale.

“Disturbi dopo il vaccino, maxi-risarcimento da 250 mila euro a una famiglia a Palermo”.

PALERMO. Oggi ha 16 anni e soffre di gravi problemi di salute. Il suo sviluppo, comportamentale e cognitivo – come ha sancito il tribunale del Lavoro nel 2011 – sarebbe stato irrimediabilmente compromesso dopo la somministrazione, da bambino, del vaccino tetravalente contro la difterite, la pertosse, l’ epatite B ed il tetano. Per questo il ministero della Salute è già stato da tempo condannato e in via definitiva a versare ai suoi genitori, P. A. e D. M., un indennizzo di 250 mila euro.

I soldi, però, ad oggi non sono mai arrivati. È molto probabile però che, ad oltre dieci anni dalla prima richiesta assistenziale avanzata dalla famiglia, arrivino adesso. Perché l’ avvocato Girolamo Rubino è riuscito a vincere un’ ennesima causa davanti al Tar, che non solo ha condannato nuovamente il ministero a pagare entro sessanta giorni, ma ha anche nominato un commissario ad acta – come richiesto dal legale – che in caso di ulteriore inadempienza, interverrà in via sostitutiva e liquiderà la somma al massimo entro altri due mesi.

Il tutto maggiorato dello 0,50 per cento di quanto complessivamente dovuto per ogni mese di ritardo aggiuntivo”.

 

FONTE

http://palermo.gds.it/2016/06/26/disturbi-dopo-il-vaccino-maxi-risarcimento-da-250-mila-euro-a-una-famiglia

CORRELATI

Agrigento, ragazzo autistico dopo vaccino, Tar: il ministero della Salute deve pagare

Se non verrà rispettata la sentenza, vi sarà un commissariamento ad act

Il Tar ha imposto al ministero della Salute di risarcire un ragazzo autistico di Agrigento che nel 2000 fece il vaccino tetravalente (contro difterite, tetano, pertosse ed epatite B). Il tribunale civile nel 2014 aveva riscontrato un rapporto di causa-effetto tra medicinale e patologia e riconosciuto alla famiglia un danno di 250mila euro, ma il ministero non ha pagato. Ora se non verrà rispettata la sentenza, vi sarà un commissariamento ad acta.

 

Fonte

http://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/sicilia/ragazzo-autistico-dopo-vaccino-tar-ministero-salute-deve-pagare_3016794-201602a.shtml

 

Share
Teenage girl getting flu shot needle vaccination in arm

Gardasil e vaccinazione HPV, lo scandalo medico di tutti i tempi

Pensare di vaccinarsi con un vaccino che nulla ha a che fare con la prevenzione è raccapricciante.

“1 soggetto su 10.000 donne, sviluppa il cancro cervicale”

attenzione_manipolazione

“Gardasil diventerà il più grande scandalo medico di tutti i tempi”.

Danni successivi al vaccino?

“Casi di sindrome di Guillain-Barré, paralisi degli arti inferiori, MS indotti dal vaccino e l’encefalite “.  Afferma questo il Dr. Bernard Dalbergue che continua dichiarando quanto segue:

“Questo vaccino diventerà il più grande scandalo medico di tutti i tempi,poiché non cura affatto il cancro al collo dell’utero. Verrà ampiamente dimostrato quello che è già palese: questo vaccino, non ha assolutamente alcun effetto sul cancro del collo dell’utero. La sua tossicità e la voglia degli stesse produttori di generare profitti è scandalosa”.

Troppo tutto questo interesse finanziario per il papilloma virus umano (Dr. Bernard Dalbergue ,medico ed in passato,collaboratore per un’ industria farmaceutica, ci spiega la sua posizione in un’intervista pubblicata nel numero di aprile 2014 della rivista francese Principes de Santé).

“Nessun produttore di vaccini sarà responsabile per i danni arrecati dagli stessi” ( Presidente Ronald Reagan , firmatario del National Act Childhood Vaccine Injury (NCVIA) . Così a partire dal 1986, le aziende farmaceutiche saranno sollevate da ogni loro errore, nonostante questo porterà al decesso e alla disabilità,  centinaia di migliaia di individui nel mondo.

Ma non bastano quelli che utilizziamo vero?

Assolutamente no, infatti , “i 271 vaccini in fase di sviluppo abbracciano una vasta gamma di malattie, e saranno impiegate nuove interessanti strategie e tecnologie scientifiche.

Questi potenziali vaccini  ( gli studi clinici sono sotto revisione da parte della Food and Drug Administration / FDA) si suddividono nella seguente maniera:

– 137 per le malattie infettive;

– 99 per il cancro (grande paradosso) ;

-15 per le allergie;

-10 per i disturbi neurologici.

Recentemente è stato pubblicato sul  Duluth News Tribune, un articolo che vanta la sicurezza e l’efficacia della vaccinazione contro il papilloma virus umano (HPV). L’efficacia del Gardasil ( della Merck,Gardasil 9,vaccino quadrivalente)e del bivalente della Glaxo,ovvero il Cervarix sono tutte da dimostrare,affermare il contrario è antiscientifico.

L’articolo, scritto da un pediatra, è venuto meno a quello che si definisce  “dovere etico e medico”. Lo stesso infatti ha tralasciato di  informare pienamente i suoi lettori sugli aspetti negativi dei vaccini. Tutti i vaccini hanno potenzialmente effetti collaterali, ricordiamoci che sono farmaci e questo senza menzionare i diversi adiuvanti,coadiuvanti materiali neurotossici come l’alluminio,  fetotossici e teratogeni (specialmente quando viene iniettato nel tessuto muscolare) etc.

L’alluminio è incluso in molti vaccini dove agisce come coadiuvante, che lo rende reo dei problemi cerebrali  nei neonati ( e feti) immunologicamente immaturi, perché incide negativamente sulla barriera ematoencefalica. Ricordiamo come i coadiuvanti siano aggiunti ai vaccini (non tutti) per migliorare la loro risposta immunitaria .

Tragicamente, tali risposte possono trasformarsi effettivamente in reazioni iperimmuni, sfociando nella cronicità,diventando incurabili come ad esempio il  pre-diabete, il diabete di tipo 1, diabete di tipo 2, problemi e disturbi del fegato (fegato ingrossato = NASH = steatoepatite non alcolica), l’autismo o disturbi dello spettro, asma, allergie alimentari, una varietà di malattie autoimmuni organo-specifiche (come la tiroidite, vasculiti e malattie reumatiche autoimmuni come lupus eritematoso sistemico [il lupus], l’artrite reumatoide, psoriasi e sarcoidosi), sindrome da stanchezza cronica, sindrome metabolica (= obesità, diabete di tipo 2 / insulino-resistenza, ipertensione, dislipidemia e), Sindrome della guerra del Golfo, POTS, e altri. (Vedere Global Research .)

Continua così  il Dr. Bernard Dalbergue :

“Si può supporre quindi che i co-autori non abbiano nemmeno letto il foglietto illustrativo del nuovo Gardasil come pure la stessa letteratura medica relativa ai “problemi” del cancro al collo dell’Utero, il quale non è una pandemia come invece viene fatto credere ai cittadini. E ‘una realtà triste ma vera quella della mancanza di volontà e di tempo dei dottori nel fare ricerca e nell’informarsi riguardo agli effetti collaterali.

Purtroppo, gran parte delle informazioni provenienti da Big Pharma (essenzialmente propaganda che a loro piace chiamare educazione del medico o del paziente),  e dai loro siti web , o una qualsiasi delle molte associazioni professionali (come l’AMA, AAP, APA , AAFP, ecc) sono pro-farmaco, pro-vaccino , contro ogni forma di medicina olistica)

A causa del mio profondo interesse per il tema delle malattie iatrogene (questi sono i disturbi causati da farmaci da prescrizione, vaccini, dispositivi medici o interventi chirurgici somministrati o prescritti da un medico), sono stato profondamente consapevole dei molti effetti collaterali trascurati dai medici. Ho personalmente letto la sezione avversa reazione del foglietto illustrativo Gardasil. Esorto tutti i medici che prescrivono il medesimo vaccino a fare lo stesso”.

Parole impegnative e sincere quelle del disinteressato Dr.Bernard Dalbergue, il quale, ritiratosi dalla pratica attiva, ha tutto il tempo necessario per approfondire l’operato di Big Pharma.

Gardasil non è il vaccino sicuro ed efficace,come invece viene definito. I pazienti hanno il diritto di conoscere i relativi effetti collaterali.

Il problema esiste in tutto il mondo, a parte per il Giappone il quale ha deciso fermamente di ritirare il mandato per le vaccinazioni Gardasil.

Gli Stati Uniti possono permettersi di essere più disinvolti, a causa dell’immunità che coinvolge gli stessi produttori di vaccini.

La FDA dovrebbe realmente agire per il bene e la sicurezza dei cittadini, e nel loro interesse,ma è palese che in realtà così non è.

 

RICORDIAMO IL COMUNICATO

Al momento non ci sono 28 stati membri dell’Unione Europea. Questa richiesta di  moratoria è stata indirizzata a tutti loro.

Leggi il comunicato stampa completo qui:

http://sanevax.org/gardasil-international-scandal/

 

CORRELATI

Articoli del  Dr. Bernard Dalbergue

http://dissidentvoice.org/2015/04/aluminum-deceptions-and-academic-misconduct/ ;

https://www.transcend.org/tms/2016/03/duty-to-warn-big-pharmas-nefarious-control-of-health-care-and-the-vaccine-injury-compensation-program/ ;

http://www.medicalveritas.org/MedicalVeritas/Current_Childhood_Vaccine_Programs.html ;

https://www.transcend.org/tms/2016/02/duty-to-warn-why-we-need-to-be-more-cautious-about-americas-over-vaccination-program/ .

 

https://healthimpactnews.com/2014/mercks-former-doctor-predicts-that-gardasil-will-become-the-greatest-medical-scandal-of-all-time/

http://sanevax.org/hpv-not-cause-cervical-cancer/

 

Tematica GARDASIL e HPV

http://www.vacciniinforma.it/?s=GARDASIL

http://www.vacciniinforma.it/?s=HPV

Traduzione e collegamento fonti, Vacciniinforma

Share
pandermix

Irlanda, vaccini e narcolessia: quando lo Stato non risponde agli stessi danneggiati.

Lo Stato combatte le famiglie che hanno denunciato la correlazione narcolessia- vaccino antinfluenzale

 

Pandemrix vaccino contro l'influenza suina (Foto: PA)

Pandemrix  (Foto: PA)

Notizie dal mondo.

Lo Stato dell’Irlanda, continua a scontrarsi con le famiglie vittime di danni da vaccino successivi alla vaccinazione contro l’influenza, continuando a negare loro risarcimenti.

Questo, nonostante una dettagliata relazione del governo che palesa la correlazione tra narcolessia e vaccinazione Pandemrix (i bambini sottoposti a questo vaccino, sono maggiormente a rischio di sviluppare la malattia).

La prima fase giuridica dei casi, inizierà  dinnanzi alla High Court la prossima settimana, quando verranno messi agli atti gli stessi documenti del Dipartimento della Salute e dello stesso produttore del vaccino  (GSK ).

Michael Boylan, responsabile del Medical Negligence Group,da molti anni si batte per la causa;  ad oggi, lui rappresenta 60 dei bambini danneggiati.

Ieri stesso ha rivelato di essere molto scosso per il comportamento dello stesso Stato irlandese il quale sta negando la giustizia a queste vittime innocenti.

 

“Stanno negando tutto e questa è una ulteriore prova. Rifiutare questo da parte dello Stato è criminoso e molto radicale”.

Mr. Boylan ha dichiarato che il gruppo di esperti irlandesi ha trovato in termini di incidenza, un aumento della malattia di ben 14 volte in più confronto i bambini che non hanno ricevuto il suddetto vaccino.

La pandemia si è rivelata molto più mite di quello che si temeva ma i genitori sono stati fortemente sollecitati dai medici dello stesso Dipartimento della Sanità; ovviamente l’operato dei media non poteva mancare nel creare panico,così come pure gli “esperti” di salute pubblica.

Tuttavia, circa 80 bambini sottoposti a questo tipo di vaccinazione hanno contratto in seguito la narcolessia.

La malattia, induce il soggetto a sentirsi continuamente in uno stato di sonnolenza. Si verifica frequentemente  una perdita di forza muscolare e conseguentemente delle cadute. Questo può essere attivato da stimoli “leggeri” come ad esempio una risata.

Tutti i giovani, molti dei quali ora sono adolescenti o giovani adulti, sono farmaco-dipendenti  per rimanere svegli durante il giorno e dormire solo durante la notte. Ad ogni modo,la loro vita è compromessa e non di poco.

Mr Boylan ha dichiarato che i bambini si sono fatti carico della negligenza di uno Stato e della stessa ditta GSK  in circostanze  discutibili, in quanto il medesimo vaccino non è stato testato.

Tutto normale? assolutamente no, sopratutto se i genitori non erano al corrente di questo.

Al momento il vaccino pare non abbia colpa e lo stesso Mr Boylan ha dichiarato:

“Altri paesi come la Svizzera, l’America, la Polonia e l’Australia non darebbero mai una licenza per questo vaccino. Non è chiaro il motivo per cui il processo di produzione del vaccino a Quebec in Canada (dove non c’è alcun caso di narcolessia) era diverso da quello dello stabilimento di farmaci a Dresda.”

I bambini inoltre, in altri stati hanno già ricevuto risarcimenti della cifra di 1 milione, sopratutto nei Paesi Bassi . Soldi a parte ,lo Stato ha ammesso le proprie colpe,cosa che qui non accade.

 

 

 

La maggior parte di questi danneggiati,sono soli. La narcolessia porta ad incidenti anche molto gravi e questi soggetti, necessitano per tanto di un aiuto sempre presente ( molti hanno subito incidenti come cadere dalle scale o rimanere bloccati in bagno etc etc).

Mairead Hilliard, il cui figlio Alex (11 anni) ha sviluppato narcolessia dopo la vaccinazione, ha dichiarato ieri la condizionedel proprio figlio,lasciando intendere che questa patologia è davvero invalidante e che i farmaci aiutano fino ad un certo punto.

 

 

Grazie a J.J. per l’articolo.

Traduzione Vacciniinforma

 

CORRELATI

 

Perchè Pandemrix, un vaccino usato durante la stagione influenzale 2009/2010 per la prevenzione della pandemia influenzale H1N1, sembra innescare un aumento sconcertante di quasi 1.300 casi di narcolessia in Europa, mentre il vaccino H1N1, Focetria, no?

Per rispondere a queste domande, un team internazionale di ricercatori ha analizzato i sieri di individui che erano stati vaccinati con uno dei due vaccini, alcuni dei quali aveva sviluppato la narcolessia in seguito alla vaccinazione. I ricercatori hanno concluso, in un rapporto del 1° luglio pubblicato nella rivista scientifica Science Translational Medicine, che le differenze nelle proteine virali utilizzate per rendere efficaci i vaccini potrebbero spiegare l’associazione tra narcolessia e il vaccino Pandemrix.

“I risultati suggeriscono che le infezioni naturali possono innescare una risposta autoimmune che coinvolge il mimetismo molecolare” – una somiglianza tra un antigene e una struttura ipocretina legata nel cervello, ha affermato S. Sohail Ahmed, MD, un reumatologo e co-autore dello studio con Lawrence Steinman, MD, professore di pediatria e neurologia e scienze neurologiche presso la Stanford University School of Medicine, e dei loro colleghi.

  • USA: NUOVE PROVE RAFFORZANO IL COLLEGANTO TRA NARCOLESSIA E VACCINO PANDEMRIX DI GSK

Nel corso del 2013, gli scienziati ed i governi hanno stimato che ci sono stati quasi 800 casi narcolessia legati alla somministrazione del vaccino contro l’influenza suina Pandemrix di GlaxoSmithKline.
Ora, finalmente, un team di scienziati della Stanford University ritiene di avere scoperto il collegamento.
In uno studio pubblicato su Science Translational Medicine , Lawrence Steinman e colleghi hanno affermato che una proteina contenuta nel virus H1N1 è stata rinvenuta in quantità elevate nella vaccino GSK ed in livelli molto più bassi nel vaccino di Novartis che è stato utilizzato anche nella pandemia di influenza suina 2009/2010.
Nonostante il massiccio uso di entrambi, i casi di narcolessia sono stati collegati unicamente al prodotto GSK.

 

 

Share

AUTOGOAL: critici vaccinali e loro associazioni si rifiutano di analizzare le fiale dei vaccini

Ci uniamo alle riflessioni di Autismo&Vaccini e condividiamo  la raccolta fondi che spiegheremo alla fine di questo articolo.

Un ringraziamento particolare a tutti quei genitori come lo stesso Gabriele Milani, che portano avanti la causa in maniera coscienziosa e corretta, mantenendo fedeltà alla propria persona e ai propri valori, al contrario di chi ci lucra in ogni maniera. Ad ognuno il suo.

“Abbiamo bisogno di alberi sani e non di mele marce”.

la-verita-spaventa

“Quando c’è da andare a vedere la partita di calcio in trasferta, oppure il concerto dei propri beniamini, la TV esalta eroici tifosi e fans che non si fermano davanti ai “sacrifici” economici, di tempo e di disagio, per raggiungere il luogo dell’evento: ovvero, il loro obbiettivo.

Al contrario, quando si deve raggiungere un obbiettivo fondamentale nell’ambito Sociale eSanitario [in questo caso l’analisi di fiale di vaccini], che tra l’altro interessa prevalentemente neonati e bambini, c’è chi ritira le manine benché gridi a gran voce la necessità di rimanere uniti e fare fronte comune. Ed inoltre critica coloro che non partecipano al giochetto del “così è se vi pare, decidiamo tutto noi“.

Così ho voluto analizzare il fenomeno, prettamente dal punto di vista sanitario, ed ho ritenuto doveroso dare una risposta ferma e decisa a certe personcine molto abili ad utilizzare il motto “armiamoci e partite“.

Orbene, la prima cosa che una persona impara in un reparto ospedaliero è che non c’è mai tempo. Mai tempo per ascoltare, mai tempo per essere ascoltati, mai tempo per finire tutto. Oggi è sempre peggio. Tuttavia, questa cosa mi ha sempre lasciato perplesso, soprattutto quando ho riversato il discorso nella delicata questione riguardante l’autismo e i danni vaccinali.

Quando leggo le esternazioni dei tanti paladini che criticano le vaccinazioni, rimango sempre più perplesso. E’ un dato di fatto che, da più di un lustro, i loro “dirigenti” si perdono in chiacchiere, mentre col trascorrere del tempo mi sono accorto di potere dare vita a numerose attività mirate in molto meno tempo.

Pertanto, ritengo che la scelta di non fare un’attività,che ha l’obiettivo di mettersi avanti, spetta esclusivamente al singolo e non al gruppo di cui ne fa parte o porta avanti discutibilissime linee di condotta.

Ho potuto constatare che molti gruppi di critici vaccinali sono in perenne corsa non permettersi avanti ma per fare il minimo richiesto.

Sono consapevole delle varie dinamiche di gruppo e dei vari problemi organizzativi che si possono incontrare, oltre al fatto che si devono mantenere dei livelli d’intervento che non siano svantaggiosi da un punto di vista economico. Sono consapevole di tutto ciò. Ma ciò che non accetto è che vi siano persone, con figli danneggiati inesorabilmente, che coprono e addirittura sostengono dei personaggi autoreferenziali che ritengono i bambini autistici “un grande business“.

Ricordate che l’organizzazione di un gruppo è fatta di persone che ne determinano la linea e le priorità con la loro singola volontà, ed è per questo che si deve investire sulle idee dei singoli che possono contribuire moltissimo a raggiungere l’obbiettivo reclamato a gran voce da un enorme insieme di persone.

Tra le altre cose bastano davvero pochi istanti per entrare in empatia con una finalità, e il tempo per essere propositivi è esattamente lo stesso che si impiega per essere scortesi e arroganti.

Quello che può cambiare in termini di tempo è che per occuparsi dei danni da vaccino, o per essere espliciti, per aderire a singoli progetti mirati è semplicemente necessario investire del tempo in questo, e al massimo 1 euro per coloro che ragionano solo in quattrini, anziché abbandonarsi alle chiacchiere da bar e proseguire a dimostrare di arrampicarsi sugli specchi delle idiozie per evitare di fare analisi che costituirebbero un’arma potentissima contro il malaffare e la malasanità.

La raccolta fondi, la seconda che ho attivato in prima persona per analizzare nuovamente fiale vaccinali http://bit.ly/1Yyvqwk , sta mettendo a nudo il grande bluff di personaggi autoreferenziali che attuano scelte molto discutibili sulla pelle dei bambini autistici.

Le associazioni dei danneggiati [e non solo!] dovrebbero agire molto concretamente partecipando e finanziando indagini così approfondite sui costituenti vaccinali per individuare senza ombra di dubbio “il corpo del reato“. Se ai singoli cittadini, come alle associazioni dei danneggiati, stesse veramente a cuore la soluzione di questo problema [che non è solo politico ma di ordine pubblico] dovrebbero partecipare tutti ad azioni concrete come quella che sto conducendo, insieme a poche fidate persone, per inchiodare alle proprie responsabilità un’amministrazione che “non vede, non sente, non parla e insabbia per convenienza la più cristallina delle evidenze“.

Questa proposta genera molto fastidio perché non vi sono giustificazioni che tengano, e vengono accampate le scuse più assurde,  come la necessità d’approvazione di un fantomaticoComitato Etico per effettuare le analisi sulle fiale oppure contestare in modo infantile il promotore [cioè il sottoscritto] perché ha deciso di non prestare alcuna forma di collaborazione con talune persone e enti che, per tutto ciò che ho visto negli ultimi cinque anni, non soddisfano alcun criterio di affidabilità.

La proposta a cui aderisco da sempre è di una semplicità cristallina: cercare gl’inquinanti particolati nei vaccini, se non altro perché l’équipe della Nanodiagnostics di Modena [diretta dai Dottori Antonietta Gatti e Stefano Montanari] li trova con una costanza del 100%, almeno limitatamente a quelli per uso umano. Per analizzare delle fiale non serve l’approvazione di un Comitato Etico. E se si decide che la cosa non interessa, perché si preferisce continuare a fare chiacchiere o scrivere libri, non sono fatti che mi riguardano.

Il sottoscritto svolge la propria Professione sanitaria a favore della promozione della Salute, quella che purtroppo si scontra con le transazioni economiche e le mercificazioni della pauraa danno del cittadino. E così come critico il poderoso business effettuato sulla pelle dei cittadini da parte delle multinazionali del farmaco, nel promuovere calendari vaccinali demenziali ed irrispettosi delle suscettibilità immunitarie dei neonati, allo stesso modo critico coloro che pensano di marciare sui danni indotti dalle vaccinazioni perché pensano di avere a che fare con dei fessi.

Statene certi, questo è solo l’inizio, perché tutti noi del Movimento Contro Autismo pensiamo che chi gioca sulla pelle dei bambini va castigato duramente. Come diceva Giovanni Verga neiMalavoglia: “Una mela fradicia guasta tutte le altre”. Avete poche speranze. Se è marcia è marcia! La vera rivoluzione, la vera efficienza si ottiene, nel caso della Salute, lavorando in maniera preventiva sulle Mele e non pensando di poterle curare una volta che sono marcite.

Ricordate anche che i leaders devono sempre e comunque rispondere a chi sta sopra di loro. “Sharing“, “Stretching“, “Empowering” e “Coaching” sono le quattro direttrici del leader del secondo millennio e, guarda caso, sono tutti elementi che possono compiersi solamente se ileaders pongono attenzione e si sacrificano per le proprie Mele.

In questa brutta vicenda, invece, funziona esattamente tutto al contrario a causa dell’egoismo dei leaders [Mele Marce] che si circondano di Mele Sane [ma le fanno marcire velocemente] e di altre Mele Marce in cerca di notorietà, raccattate qua e là, pur di svettare e di avere visibilità in un contesto che non conviene ai bambini, ma solo ai loro interessi ed anche a quelli delle multinazionali del farmaco che costoro fingono di combattere.

Infondo, è un dato di fatto che sono più di 5 anni, da quando hanno cercato di coinvolgermi in tutte le salse, che costoro agiscono in maniera non efficace, esattamente come quelli che promuovono l’uso sconsiderato dei vaccini come fossero caramelle. Ma, mentre a quest’ultimi fa comodo perché ci guadagnano, ai sedicenti critici non dovrebbe fare comodo. A meno che non vi sia sotto qualche transazione economica poco edificante.

Il mio concittadino Giorgio Gaber recitava: “Cercare oggi di cambiare le condizioni di vita del Paese con qualsiasi tipo di politica, è come fare un po’ di pulizie a bordo del Titanic che sta affondando.

La grandezza di Gaber risiedeva nel fatto che non si limitava a criticare il “sistema” ma dispensava, anche, soluzioni illuminanti. E la conclusione della seconda parte della stessa canzone suggeriva un approccio coerente con quanto ho scritto fino a questo momento: “Si potrebbe forse cominciare a pensare o anche a operare nel senso di un cambiamento sostanziale dell’animale uomo. Una specie di… mutazione antropologica.”

Parafrasando Crozza scrivo semplicemente “CIAONE a tutti quei fessi che stanno andando dietro a un’illusione in cui la mela è marcia a partire dai suoi leaders“.

https://autismovaccini.org/2016/06/19/autogoal-critici-vaccinali-e-loro-associazioni-si-rifiutano-di-analizzare-le-fiale-dei-vaccini/

 

Come scritto all’inizio,ricordiamo che la raccolta fondi e la relativa petizione è postata al seguente indirizzo.

Autismo § Vaccini ,in collaborazione con Vacciniinforma (che ha creduto nel progetto in soggetto e ha voluto contribuirne alla diffusione, creando la petizione sulla piattaforma change) condividono con voi questa azione concreta.
La pagina in rappresentanza,così come la stessa petizione ha il titolo “VACCINI SICURI? ANALIZZIAMOLI”!

La medesima condivide una RACCOLTA FONDI che ha come scopo quello di ottenere un ricavato sufficiente per poter analizzare almeno tre fiale di lotti vaccinali.

PETIZIONE :
https://www.change.org/p/autismo-vaccini-vacciniinforma-rac…

RACCOLTA FONDI
https://www.gofundme.com/analisi_vaccini

 

https://autismovaccini.org/2016/06/19/autogoal-critici-vaccinali-e-loro-associazioni-si-rifiutano-di-analizzare-le-fiale-dei-vaccini/

https://autismovaccini.org/2016/06/19/autogoal-critici-vaccinali-e-loro-associazioni-si-rifiutano-di-analizzare-le-fiale-dei-vaccini/

Share

MEDICI PAGATI DALLE CASE FARMACEUTICHE: L’ELENCO ONLINE CON NOMINATIVI E COMPENSI

Svolta epocale dal punto di vista della trasparenza sul lavoro dei medici e sulla prescrizione dei farmaci. Dal 30 giugno saranno online gli elenchi dei compensi che le aziende farmaceutiche avranno rilasciato ai medici e alle società scientifiche per ricerche, congressi, seminari e consulenze.

peddy

Gli elenchi saranno pubblicati sui siti web delle aziende farmaceutiche in Italia e in altri 32 Paesi europei, con Turchia e Russia incluse. Il codice di trasparenza ‘Disclosure Code’ è stato voluto e presentato da Farmindustria.

La stessa Farmindustria ha già reso noto che 7 medici su 10 hanno dato il consenso alla pubblicazioni dei dati relativi al 2015, ma l’obiettivo è che le adesioni arrivino al 100%. Si tratta di una rivoluzione davvero importante per i cittadini che nel momento in cui si rivolgono al medico diventano utenti-pazienti che possono avere bisogno di assumere farmaci e che sperano che il medico li prescriva con onestà e non per ricevere favori dalle case farmaceutiche.

Il fatto che il 70% dei medici abbia già firmato il consenso per la pubblicazione dei propri dati è considerato incoraggiante, un vero e proprio passo avanti verso la trasparenza. E’ giusto che i cittadini che si affidano ad un medico di base o ad uno specialista sappiano se una parte della relativa attività di lavoro e di ricerca sia legata alle case farmaceutiche e in che modo.

Secondo Farmindustria, dato che questo sistema è regolato da transazioni economiche, è giusto che il tutto sia reso trasparente, soprattutto con l’obiettivo di contrastare la cultura del sospetto e del pregiudizio. In Francia e negli Stati Uniti esiste già un simile sistema di trasparenza e dalla fine di questo mese lo avremo a disposizione anche in Italia e in Europa.

 

Dal 30 giugno 2016 avverranno le pubblicazioni dei primi elenchi online, che riguarderanno i pagamenti che le case farmaceutiche hanno versato ai medici nel 2015. Certo, i cittadini dovranno armarsi di pazienza e ricercare i dati sui medici di proprio interesse sui singoli siti delle case farmaceutiche, ma per quanto riguarda una maggiore informazione e trasparenza ci sembra davvero un passo avanti importante, se alla base ci sarà l’onestà.

 

Articolo e fonte di Greenme

http://www.greenme.it/vivere/salute-e-benessere/20603-medici-pagati-case-farmaceutiche

Share

Conosciamo gli effetti dei metalli pesanti nello sviluppo dei nostri figli?

L’esposizione precoce di neonati e bambini alle tossine non influenza solo la loro crescita individuale, ma la società nel suo complesso, secondo quanto affermano il Dr. Bruce Lanphear, ricercatore in ambito medico, e la Simon Fraser University, che hanno coprodotto un filmato su questo tema.

studio

Il filmato intitolato “Little Things Matter” (Le piccole cose contano, ndt), mostrato alla conferenza del 20-21 Novembre all’Università di Ottawa, illustra gli effetti delle tossine sui bambini e sottolinea il fatto che anche minimi livelli di sostanze chimiche possono causare danni irreversibili al cervello ed ostacolare lo sviluppo neurologico.

Lanphear, un esperto nel suo campo, è stato nominato ricercatore principale per il suo studio più recente che esamina esposizioni fetali e durante la prima infanzia alle maggiori tossine ambientali quali piombo, pesticidi, mercurio, alcol, PCB e fumo di sigaretta.

 

I ritardanti di fiamma tendono a disperdersi nell’ambiente contaminando le persone

Il progetto ha appena ricevuto ulteriori fondi che hanno permesso a Lanphear di studiare i bambini della coorte di nascita iniziale sino ai cinque anni di età, analizzando l’efficacia del controllo dei rischi sui livelli di piombo del sangue dei bambini ed il loro rischio di sviluppare disturbi di apprendimento e di comportamento.

 

In “Little Things Matter,” Lanphear spiega che le sostanze chimiche sono biologicamente attive anche a bassi livelli, in qualche caso influenzando il quoziente intellettivo (Q.I.) dei bambini. I PBDE, o ritardanti di fiamma, non sono chimicamente legati alle plastiche, alle schiume o ai tessuti nei quali sono utilizzati, perciò sono in grado di disperdersi esponendo le persone e l’ambiente.

 

Un Q.I. più basso nei bambini è direttamente correlato all’esposizione chimica precoce

Il punteggio medio di Q.I. nei bambini è compreso fra circa 85 e 115, mentre solo il 2,5% dei bambini (cioè 6 milioni) ha un QI pari o superiore a 130, che li classifica come “dotati”. Dall’altro lato della distribuzione, un altro 2,5% ha un Q.I. inferiore a 70, che li classifica come “ritardati.”

Gli studi mostrano che quando il carico corporeo di PBDE aumenta nelle donne in gravidanza, le abilità intellettuali del loro bambino diminuiscono. Quando i livelli di PBDE aumentano da 10 parti per miliardo (PPB) a 100 ppb, il Q.I. di un bambino diminuisce di ben 5 punti.  Uno scherma simile si riscontra quando i bambini sono esposti ai pesticidi organofosfati in età precoce.

 

Il piombo, che è stato trovato nel sangue del 100% dei soggetti in esame, causa danni simili.

 

Man mano che il livello di piombo nel sangue dei bambini aumenta da zero a 100 ppb, i quozienti intellettivi crollano di 6 punti circa. I Q.I. scendono di altri 2 punti quando i livelli di piombo aumentano da 100 ppb a 200 ppb, e diminuiscono di 1 punto ancora quando raggiungono i 300 ppb.

 

Un crollo di 5 punti nel Q.I. causato dall’esposizione al piombo comporta un aumento del 57% nel numero di bambini che vengono considerati ritardati, aumentando da 6 milioni a 9,4 milioni. Il numero dei bambini dotati scende da 6 milioni a 2,4 milioni.

 

“Esistono prove inconfutabili che i disturbi dell’apprendimento e punteggi inferiori nei Q.I. possono essere attribuiti a bassi livelli di esposizione a metalli pesanti quali piombo e mercurio, tossine persistenti come i policlorobifenili (PCB) e ad altre tossine che comprendono i pesticidi organofosfati (OP)  e i composti utilizzati come ritardanti di fiamma.  Queste tossine sono molto comuni nei nostri ambienti quotidiani,” afferma Lanphear. “I bambini sono esposti continuamente a moltissime tossine e a parecchie sostanze chimiche non testate. Queste sostanze sono biologicamente attive a dosi molto basse. Non possiamo continuare ad ignorare l’impatto delle tossine sul cervello in fase di sviluppo e sull’abilità di apprendimento dei bambini

 

Come ridurre l’esposizione alle tossine

“Molte aziende negli USA e in Canada inseriscono sostanze tossiche nei prodotti di consumo, rilasciandole nell’ambiente prima di testarne gli effetti” spiega Lanphear, aggiungendo che si dovrebbero mettere in atto regolamentazioni più restrittive al fine di proteggere i nostri bambini, come avviene ad esempio nell’Unione Europea dove le sostanze chimiche devono essere testate prima della loro messa in commercio.

 

Ci sono molte cose che si possono fare singolarmente per proteggere i propri bambini, tra cui mangiare cibo biologico, evitare l’uso di pesticidi in casa, controllare i livelli di piombo e pulire costantemente i pavimenti e le superfici per rimuovere particelle chimiche indesiderate.

 

Bibliografia

https://www.epa.gov/assessing-and-managing-chemicals-under-tsca

http://www.ecy.wa.gov/programs/hwtr/RTT/pbt/pbde.html

 

Articolo di Informasalus.

Fonte

http://www.informasalus.it/it/articoli/inquinanti-chimici-declino-qi.php

Share

Vaccini e danni permanenti: condannato il Ministero della Salute

Vaccini: danni permanenti da esavalente, avvocato pugliese fa condannare il ministero della Salute

Francesco Terruli ha rappresentato un ragazzo di Tivoli che venne vaccinato mentre era in terapia cortisonica e ora soffre di encefalopatia, epilessia e sindrome autistica

Quando aveva quattro mesi, il bimbo era in terapia a base di cortisone. Aveva preso la bronchite. Proprio in quel periodo, però, doveva essere sottoposto al vaccino esavalente.

I genitori chiesero che si posticipasse il vaccino, il medico lo fece ugualmente.

Poi, i successivi richiami.

Il bambino, progressivamente, ebbe problemi sempre più gravi. Ora è un ragazzo di 17 anni che vive allo stato vegetativo e la sua famiglia, di Tivoli, si era rivolta all’avvocato perché riteneva ci fosse una correlazione fra quel vaccino e le condizioni del ragazzo. Condizioni irreversibili: sindrome autistica, encefalopatia immunomediata, epilessia. Danni permanenti. Secondo la consulenza tecnica d’ufficio, questo ha provocato il vaccino esavalente.

francesco terruliL’avvocato è un pugliese, Francesco Terruli (foto a sinistra) di Martina Franca che ha fatto condannare il ministero della Salute, in sede di giudizio civile. Il ministero deve, fra l’altro, corrispondere al ragazzo un mensile vita natural durante a far data da febbraio 2010, aumentato di sei volte per la specificità del danno subìto, come previsto dalle leggi in materia (210/1992 e 229/2005).

Francesco Terruli, che da decenni ormai si occupa di vicende di questo genere, chiarisce i termini della questione: non è una messa in discussione generalizzata dei vaccini.

Non deve essere, però, generalizzato neanche l’uso dei vaccini. Bisogna valutare caso per caso, prima di procedere con le vaccinazioni.

 

 

Articolo di Noinotizie.

Fonte

http://www.noinotizie.it/19-06-2016/vaccini-danni-permanenti-da-esavalente-avvocato-pugliese-fa-condannare-il-ministero-della-salute/

Share

Benvenuta dittatura. Sb277? Sarà realtà in California, nessuna libertà di scelta o esenzione

SB277? Tra poco più di un mese diverrà realtà

Nonostante le ultime parole pronunciate in Senato da parte degli stessi Allen e Pan, i quali si erano pronunciati quasi favorevolmente sulla libertà del medico curante per l’esenzione vaccinale, iniziamo a comprendere che non vi è soluzione né cambiamento da parte dello stesso governo.

Questi discorsi però si scontrano con la dura realtà.Ve la ricordate la famosa SB277? Purtroppo tra un mese diverrà realtà.

Ecco quindi che si avvicina rapidamente  la resa dei conti  per i genitori della California. Lo stato si è ufficialmente schierato contro gli stessi in questa lotta,i quali non hanno alcuna voce in capitolo nonostante le costanti manifestazioni .

Poco importa a questo punto se siamo arrivati ad una condizione dittatoriale per demerito di una classe politica mondiale, intenta solo a guadagnare e a far guadagnare le lobby farmaceutiche sulla pelle nostra e dei nostri figli.

Poco importa se la stessa classe medica ha perso integrità e autorevolezza agli occhi degli stessi cittadini e contribuenti che mantengono questo sistema nonostante non lo condividano.

Tra meno di un mese ( 1 luglio ) il Dipartimento di Sanità Pubblica di Santa Barbara in California utilizzerà la stessa legge per costringere i genitori a vaccinare i propri figli per l’anno scolastico 2016/17.

Inizialmente si conferma l’accettazione dell’esenzione medica; ricordiamo in aula, le parole dei senatori RichardCrazy Legs  ovvero il fuggitivo” (il quale ha deciso di non visionare il film VAXXED) Pan e Ben Allen ( video precedentemente postato) i quali hanno promosso i seguenti punti :  ” l’esenzione medica è interamente lasciata al giudizio del medico . ” –

Ma Richard ” Crazy Legs ” Pan si sofferma sulla stessa esenzione,la sua importanza e sulla voglia di ampliare la medesima .

Ma questo è stata solo una menzogna. La verità è che tra poco meno di un mese,nessuna esenzione medica avrà valore.

Una lettera proveniente dal Dipartimento di Salute di Santa Barbara che circola attualmente tra i sovrintendenti scolastici, i presidi e direttori dei centri di assistenza all’infanzia, fornisce le seguenti osservazioni per “tutte le esenzioni mediche (permanenti o temporanee) presentate per l’anno scolastico 2016-2017 al programma di immunizzazione”. Ciò consentirà una revisione completa di ogni esenzione da parte del personale responsabile sulla Salute e sul programma di immunizzazione.

” I genitori che hanno usufruito dell’esenzione per i propri figli,sanno che è questione di tempo prima di essere sottoposti a giudizio per la valutazione della medesima. La lettera del Dipartimento di Sanità Pubblica afferma che il loro scopo è quello di ” CONTROLLARE CHE LE ESENZIONI RISPETTINO GLI STANDARD E I CRITERI DELLA STESSA SB277 ” e ” fornire informazioni utili per i medici che emettono tali esenzioni“.

SB2771

 

COME INTERFERIRE, INTERAGIRE E CONVINCERE I MEDICI AD ADOTTARE UNA LINEA GUIDA GOVERNATIVA.

Dal momento che tutti i medici possono emettere esenzioni ( è di loro competenza) il Dipartimento della Sanità non dovrebbe fornire queste “informazioni utili ” ma restare fuori da tutte le scelte mediche.

Questa lettera, viola i  diritti educativi, familiari e la stessa legge sulla privacy (FERPA). 

Secondo SEC. 6. Sezione 120375 del codice della sanità e sicurezza [SB277] :

120375. (a) L’autorità di governo [consiglio di amministrazione di ogni distretto scolastico] di ogni scuola o istituto, richiede la  prova documentata dello stato di immunizzazione di ogni studente“.

Inoltre, il California Department of Public Health afferma quanto segue in materia di informativa SB277 e tenuta dei registri:

le scuole dovranno registrare le effettuate (e future) vaccinazioni di tutti gli studenti che si iscriveranno . La Relazione sullo stato di immunizzazione di tutti gli studenti, i punti di controllo di cura dei bambini, dalla scuola materna, fino al 7 ° grado“.

Infine, lo scopo di questo progetto pilota che riguarda la scelta e il controllo delle esenzioni,ha palesato che è suo interesse  quello di “raccogliere e analizzare i dati ” grazie ai servizi scolastici, violando però i principi dello stesso Dipartimento di Salute e Servizi Umani politica (HHS) per la protezione dei soggetti.

Il HHS definisce un soggetto umano come ” un individuo vivente sul quale un ricercatore può condurre una ricerca per ottenere informazioni private identificabili .” La ricerca è definita da HHS come ” indagine sistematica, compreso lo sviluppo di ricerca, sperimentazione e valutazione, progettato per contribuire alla conoscenza.

Dal momento che le informazioni raccolte saranno utilizzate per la ricerca, la lettera che circola tra le scuole e gli istituti,non solo viola la politica HHS ma lo stesso CONSENSO INFORMATO.

Con questa “semplice” lettera, i politici, i servizi sanitari, le agenzie governative e distretti scolastici conformi alla SB277 hanno rapidamente perso la fiducia e l’integrità agli occhi dei genitori e come dar loro torto.

Tra meno di un mese il disegno di legge entrerà ufficialmente in vigore.  Siamo vicini alle famiglie californiane,le quali continuano a battersi in maniera ardua verso quello che è la lesione dei diritti fondamentali dell’uomo.

 

 

Si ringrazia Jefferey Jaxen per l’articolo e per la collaborazione.

Share

Benvenuta dittatura. La Carta italiana per la “promozione” delle vaccinazioni ne è la prova

La delirante proposta  firmata dallo stesso Ministro Beatrice Lorenzin da cui ci dissociamo come cittadini e contribuenti.

Chiediamo a gran voce che venga ascoltata TUTTA la comunità scientifica e a tal proposito, ribadiamo che da tempo il nostro operato è mirato ad informare tutti coloro che risiedono al governo,nel nostro parlamento; coloro che sono pagati da noi cittadini,noi contribuenti.

Rendere partecipi del suddetto materiale inconfutabile,inoltrandolo a chi dovrebbe conoscerlo, non è un reato.

REATO è ciò che gli organi governativi cercano di mettere in atto in maniera dittatoriale,senza il nostro consenso.

 

Condividiamo questo documento denominato  “Carta italiana per la promozione delle vaccinazioni” ovvero, come eliminare ogni forma di contraddittorio in medicina e porre le basi per una dittatura sanitaria.

libertà finita

Condividiamo e supportiamo le osservazioni in merito alla censura e alla reale disinformazione che da anni viene perpetrata a danno dei cittadini.

Dal sito del Dr. Tancredi Ascani riprendiamo quanto segue (cliccare su questo link per scaricare la carta)

“In un periodo in cui sempre più cittadini, medici e scienziati esprimono, con motivazioni logico-scientifiche ed esperienza clinica, le loro perplessità verso l’attuale calendario vaccinale (e verso un’obbligatorietà che gran parte dei Paesi europei ha ormai superato) e pretendono un costruttivo e imparziale confronto tra le parti, ecco invece la “chiamata all’azione” di TeamWaxItalia con la “La carta italiana per la promozione delle vaccinazioni”.

Il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin pare avere già appoggiato in maniera entusiasta la Carta. Qualcuno tra noi medici o tra i cittadini è stato interpellato in merito? Nella Carta si parla di non dare lo stesso spazio mediatico a rappresentanti di differenti correnti di pensiero perché non esisterebbe una controversia nella comunità scientifica in merito alle vaccinazioni. Allora qualcuno mi dovrebbe spiegare come mai sento di continuo di colleghi specializzati nei più diversi campi della “medicina tradizionale” (pediatri, otorini, medici di base ecc.) che, in scienza e coscienza e dopo aver visitato i loro pazienti, sconsigliano una o più vaccinazioni, applicando quello che dovrebbe essere uno dei capisaldi della Medicina tutta ovvero, l’individualizzazione del trattamento sulla persona nel pieno rispetto della sua volontà.

Leggendo la Carta, dopo l’esposizione di un improbabile piano informativo colossale, che dovrebbe partire addirittura dai bambini (vedi sotto: punto 3.5) per estendersi a tutte le figure professionali (quanto costerà? Pagato da chi?), completamente mirato a convincere sulla assoluta bontà e necessità delle vaccinazioni e all’annullamento di ogni atteggiamento critico, si arriva al principio 4 che sembra un vero e proprio attentato alla libertà di cura prevista nella Costituzione e alla libertà decisionale del medico che, in scienza e coscienza, dovrebbe agire solo nell’interesse del paziente che si affida alle sue cure.

Il punto 4 può essere riassunto così: eliminare ogni forma di contradditorio e di par condicio e contrastare con ogni mezzo lecito (?) la diffusione di notizie che non siano totalmente favorevoli alle vaccinazioni, anche con minacce disanzioni disciplinari e contrattuali.

Il quadro che si delinea è inquietante.
La linea di pensiero sulle vaccinazioni deve essere una soltanto, è tutto perfetto così, non vi sono margini di miglioramento e chi non è d’accordo non solo non merita alcuno spazio, fosse anche un medico, ma deve essere disincentivato anche con minacce alla sua professione. Per quanto riguarda la direzione, in termini di salute, che si vuol dare ai propri figli, sembrerebbe che anche quella sarà demandata a personale appositamente addestrato (da TeamWaxItalia o chi ne fa le veci?), onde evitare che un genitore possa sbagliare a pensar con la propria testa o con quella del medico al quale ha liberamente scelto di affidarsi, nel caso quest’ultimo non segua alla lettera quanto indicato nella Carta.

“La carta italiana per la promozione delle vaccinazioni”

Principio 3 Informazione

3.5 Impegnarsi in attività di alfabetizzazione alla salute (“Health literacy”), nella divulgazione scolastica della conoscenza del metodo scientifico e nella formazione dei bambini/adolescenti sul tema del corretto reperimento delle informazioni in rete.

Principio 4 Contrasto alla Disinformazione

La diffusione di informazioni non corrette sulle vaccinazioni, sempre più presente in vari ambiti comunicativi, ha portato a gravi danni ai singoli e alle comunità. Tale disinformazione va contrastata.

4.1 Disincentivare il sostegno diretto o indiretto delle amministrazioni comunali ai gruppi di oppositori alla pratica vaccinale (ad esempio non concedendo patrocini gratuiti per l’organizzazione di incontri con la popolazione).
4.2 Impegnarsi a non creare e diffondere false informazioni o teorie pseudo scientifiche riguardanti i vaccini.
4.3 Favorire la ricognizione delle violazioni possibili del supporto alla pratica vaccinale da parte dei medici e del personale dipendente convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale.
4.4 Adottare/favorire l’adozione di sanzioni disciplinari o contrattuali qualora ne venga ravvisata la possibilità/ necessità.
4.5 Impegnarsi a sostenere e diffondere la corretta informazione a favore della scienza, contrastando l’errore dell’errata par condicio in materia vaccinale (vedi sotto).
4.6 Impegnarsi nelle attività di contrasto ai falsi miti che riguardano i vaccini ( Debunking – vedi sotto).

A proposito di DEBUNKING
Il Debunker (in italiano “demistificatore”) è colui che, attraverso ricerche, scritti o conferenze, mette in dubbio o smentisce affermazioni false, esagerate, antiscientifiche.

Ecco la foto che rappresenta l’assurdità di ciò che accade (fonte postata precedentemente a inizio articolo).

Immagine

“Se non mettiamo la Libertà delle Cure mediche nella Costituzione, verrà il tempo in cui la medicina si organizzerà, piano piano e senza farsene accorgere, in una Dittatura nascosta. E il tentativo di limitare l’arte della medicina solo ad una classe di persone, e la negazione di uguali privilegi alle altre “arti”, rappresenterà la Bastiglia della scienza medica”.
Benjamin Rush, firmatario della Dichiarazione d’Indipendenza USA, 17 Sett 1787

Costituzione della Repubblica Italiana, 1947/32
Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario, se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”.

Ringraziamo il Dr. Tancredi Ascani per le sue precise osservazioni e ringraziamo tutti quei medici che onorano il proprio camice e che si prendono realmente cura dei pazienti.

Ricordiamo infine che i debunkers non avranno vita facile. Ogni giorno lo Staff di Vacciniinforma subisce privatamente da certi studentelli ineducati insulti,diffamazioni e minacce.

Persino dagli stessi siti “mantenuti” da quegli organi che dovrebbero essere “super partes”.

Un esempio?

Ecco delle foto relative alla reale diffamazione.

diffamazioni vacciniinforma

SCREEN-BUFALE

Denunciamo tutto questo.

Non siamo disinformatori e nemmeno negazionisti.

I reali NEGAZIONISTI sono coloro che non sanno confrontarsi con tesi scientifiche.

Consigliamo a queste persone di spendere il loro tempo in maniera costruttiva. Il nostro lavoro di volontariato ha delle basi solide e non saranno gli insulti a fermare la nostra lotta.

Purtroppo,dovrete farvene una ragione.

Share