Tutti gli articoli di E. Vacciniinforma

decesso-esavalente

Bimba accusa malore dopo esavalente,immediato il decesso. Indagati sei medici e un’infermiera

Bimba accusa malore dopo vaccino, muore all’ospedale di Lagonegro

Sette sanitari, sei medici e un’infermiera, sono indagati

Articolo condiviso da  La Gazzetta del Mezzogiorno
Ovviamente si troverà ragione del decesso in qualcosa che nulla ha a che fare con l’avvenuta vaccinazione.
Nonostante la stampa di regime continui a negare ,negare ,negare,noi cerchiamo  di capire realmente i fatti, le storie e le osservazioni mediche con i relativi studi, di chi (come vedrete per il caso del medico legale, dr.Miedico) non hanno alcun motivo di omettere o distorcere la realtà.
QUANDO IL GOVERNO DECIDERA’ DISCUTERE DELL’ARGOMENTO,INVITANDO TUTTA LA COMUNITA’ SCIENTIFICA?
Questo episodio purtroppo è uno dei molteplici studiati e discussi in tutto il mondo da diversi esperti.
Vi ricordate della dr.Viera Scheibner e dello studio scientifico relativo alla SIDS, ad episodi di apnea (cessazione della respirazione) e ipopnea (anormalmente respirazione superficiale) sono stati riscontrati prima e dopo la vaccinazione DPT?
Alla fine dell’articolo gli allegati.
Le condizioni della piccola sono precipitate dopo che è stata vaccinata il 15 settembreGoogle
Bimba morta, indagati sette sanitari

 

Lagonegro. La loro bambina, di soli quattro mesi, è morta in ospedale, dove era stata portata perché accusava difficoltà respiratorie. E ora non riescono a darsi pace. Il decesso della piccola ha gettato nel dolore più profondo i genitori, lui di Napoli, lei di Praia a Mare. Ma ora, più di tutto, vogliono sapere la verità e cosa sia successo veramente durante il ricovero della piccola nell’ospedale di Lagonegro.

La coppia ha presentato una denuncia perché venga fatta chiarezza. La tragedia è avvenuta domenica scorsa. Tre giorni prima la bimba era stata sottoposta al vaccino esavalente, ma si era sentita subito male. Febbre alta e gonfiori ad un braccio, cui si sono aggiunte, domenica, le difficoltà respiratorie, tanto che i genitori hanno deciso di portarla nell’ospedale di Lagonegro dove la piccola è morta qualche ora dopo, nonostante i tentativi per rianimarla.

I genitori hanno presentato denuncia, ritenendo che non sia stata curata bene. La Procura di Lagonegro ha aperto un’inchiesta e notificato a sette persone (sei medici e un’infermiera) un avviso di conferimento d’incarico per l’autopsia, eseguita ieri pomeriggio dal dottor Adamo Maiese che si è preso 60 giorni di tempo per depositare i risultati degli esami.

Indagati cinque medici in servizio nell’ospedale di Lagonegro (il primario del reparto di anestesia, due anestesisti, un pediatra e un medico del pronto soccorso), il medico che a Praia a Marea ha sottoposto la piccola alla vaccinazione multipla e l’infermiera che lo ha assistito. L’accusa per tutti è quella di omicidio colposo in concorso. L’inchiesta della Procura è volta a stabilire con certezza le cause della morte della bimba, per far luce su eventuali responsabilità da parte dello staff dell’ospedale.

Ma i magistrati di Lagonegro indagano anche sull’ipotesi di un legame tra la vaccinazione e il decesso. Saranno gli accertamenti autoptici a stabilire se effettivamente ci possa essere un nesso tra la morte del piccolo e la profilassi.

Gli indagati sono cinque medici dell’ospedale di Lagonegro, un medico di Praia a Mare, che alcuni giorni prima del decesso della piccola le aveva somministrato il vaccino esavalente, e l’infermiera che lo ha assistito.

L’accusa per gli indagati- come si legge su La Gazzetta del Mezzogiorno- è di omicidio colposo in concorso. Al vaglio degli inquirenti l’ipotesi di un nesso causale tra la vaccinazione e la morte della bambina e la condotta dei sanitari che l’hanno avuta in cura. Nel pomeriggio di martedì 20 settembre è stata effettuata l’autospia sul corpicino della neonata per stabilire la causa esatta del decesso.

decesso-esavalente

Fonte

http://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/potenza/805379/bimba-morta-indagati-sette-sanitari.html

http://basilicata.basilicata24.it/cronaca/bimba-mesi-muore-allospedale-lagonegro-indagati-medici-21969.php

 

 

CORRELATI

Sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS)

SIDS e vaccini: C’è una connessione?

Uno studio condotto dal Dr. Viera Scheibner

sids

Uno studio scientifico relativo alla SIDS, ad episodi di apnea (cessazione della respirazione) e ipopnea (anormalmente respirazione superficiale) sono stati riscontrati prima e dopo la vaccinazioneDPT.

Il “Cotwatch” (un preciso monitoraggio respiratorio) è stato utilizzato,analizzando in seguito tutti i risultati dati dalle stampe generate dal computer ( densità apnea-ipopnea – Wahd).

I dati indicano chiaramente che la vaccinazione ha causato uno straordinario aumento degli episodi di apnea ( la respirazione si è quasi fermata completamente).

Questi episodi hanno continuato per mesi dopo le vaccinazioni.

Il Dr. Viera Scheibner, l’autore dello studio, ha concluso affermando che “la vaccinazione è la causa più diffusa delle morti infantili”.

http://www.vacciniinforma.it/?p=2302

 

DECEDUTO DOPO IL VACCINO: INDAGINI SUL CASO DEL BIMBO CATANESE E NON SOLO

http://www.vacciniinforma.it/?p=4654

Share
catania

Deceduto dopo il vaccino: indagini sul caso del bimbo catanese e non solo

Muore a 18 mesi dopo il vaccino nel Catanese, la magistratura apre un’inchiesta. Ma è l’unico caso? assolutamente no; interessante infatti esaminare anche il caso del bimbo di Fucecchio,ricoverato per meningite nonostante l’avvenuta vaccinazione.

Ovviamente si troverà ragione del decesso in qualcosa che nulla ha a che fare con l’avvenuta vaccinazione.

Ricordiamo (gira voce che sia stato il PARACETAMOLO),che molti medici prima di vaccinare,consigliano l’assunzione della tachipirina addirittura prima  del vaccino e subito dopo.

Chiediamoci quindi la negligenza e la malasanità da quale pate continua a mietere vittime.

catania

COME DICEVAMO,NON E’ L’UNICO CASO

fucecchio

 

Nonostante la stampa di regime continui a negare ,negare ,negare,noi cerchiamo  di capire realmente i fatti, le storie e le osservazioni mediche con i relativi studi, di chi (come vedrete per il caso del medico legale, dr.Miedico) non hanno alcun motivo di omettere o distorcere la realtà.

CREDIAMO SIA UTILE CHE I GENITORI SI INFORMINO SU QUANTO SEGUE.

Aggiornamento delle Linee Guida Internazionali

Linee guida sul vaccino anti-meningococco e alcune riflessioni sulla meningite da meningococco C

http://www.vacciniinforma.it/?p=1773

Il vaccino è sicuro? Guardando i dati,la risposta è “NO”.

La seguente Fig.  illustra l’andamento della meningite da meningococco C in Italia: è evidente come la malattia si sia mantenuta costante dal 1994 al 2001, abbia registrato un incremento significativo dal 2002 al 2005, seguita, dal 2006  da brusca riduzione, poi lievi oscillazioni del numero dei casi. I dati del 2015 sono identici a quelli del 2008. Non è possibile attribuire la riduzione dei casi segnalata dal 2006 all’introduzione della vaccinazione dal momento che solo dal 2009-2010 il vaccino è offerto gratuitamente a tutti i nuovi nati e che solo dal 2012 è stato inserito nel Piano Nazionale Vaccinazioni.

meningococco2

Immunogenicità? Di quale percentuale parliamo? Il vaccino non è efficace al 100%?

Tra gli effetti collaterali del vaccino antimeningococco C sono stati segnalati, oltre a febbre, mal di testa, orticaria, parestesia, tumefazione nella sede della puntura, sindrome di Guillane-Barré, anemia emolitica, encefalomielite acuta disseminata, porpora di Schonlein-Henoc e casi di meningite comparsi immediatamente dopo la somministrazione del vaccino e da questo causate. In realtà quello di cui abbiamo bisogno, quello che i giornali non dicono, quello che le istituzioni mediche spesso trascurano, è la creazione, anche per le vaccinazioni antimeningite, così come per tutti i vaccini, di un sistema di sorveglianza che valuti obiettivamente efficacia e sicurezza.

Toscana,la regione nel mirino dei casi di meningite in soggetti VACCINATI.

Innanzitutto ricordiamo che la meningite è un’infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale. La malattia è di origine infettiva o virale(detta meningite asettica ,non ha gravi conseguenze e si risolve nell’arco di una decina di giorni). I batteri più spesso responsabili sono Neisseria Meningitidis (meningococco) il quale è un ospite frequente nelle prime vie respiratorie,ed’è giusto dire che esiste un consistente numero di soggetti nella popolazione che presenta questo batterio nel rinofaringe (il “nuovo test” ovvero l’Abbott RealTime, serve proprio a questo,è bene che se ne parli e che si dica apertamente).

Sono stati identificati 13 sierogruppi ma 5  (A,B,C,W135,Y) quelli chemaggiormente causano meningite e altre malattie gravi; i sierogruppi B e C sono i più frequenti in Europa (da qui, la pressione dei governi per l’iperimmunizzazione di massa verso i suddetti,nonostante le linee guida contrarie sulla vaccinazione contro il meningococco B da parte dello stesso AAP, a cui nei correlati troverete il riferimento).

Si,avete letto bene,lo stesso American Academy of Pediatrics(notizia di gennaio 2015) NON raccomanda la vaccinazione di routine dei bambini tra i 2 mesi e i 10 anni di età a meno che non vi siano dei rischi di malattie meningococcica; forse ai media è sfuggita volutamente questa importante notizia?

Ricordiamo per ultimo ma non meno importante,che dal 2% al 30% dei bambini sani in periodo non endemico ,vengono definiti come PORTATORI ASINTOMATICI, e questo dato di fatto,non è correlato ad alcun reale rischio di meningite e dell’epidemia volutamente messa in piedi per speculare sulla vaccinazione e sul fantomatico nuovo test che, proprio nuovo, non è.

Oltre alla distorsione reale dei fatti,l’ignoranza regna sovrana poichè pare che nessuno sappia delle raccomandazioni e la pubblicazione su PEDIATRICS dello studio (febbraio 2015) inerente all’aumento significativo del rischio di malattia pneumococcica e di un esito fatale tra i bimbi con comorbilità rispetto ai bambini sani.

american pediatrics

Gli autori dello studio concludono “i sierotipi non inclusi nel vaccino coniugato attualmente disponibile,sono più frequenti e rappresentano la causa della malattia”(http://www.medscape.com/viewarticle/839127).

Non dimenticando gli effetti indesiderati,alleghiamo le importanti reazioni al vaccino,quale La sindrome di Guillain Barre’ ,conosciute bene dal CDC e dalla stessa FDA (http://fda.gov/NewsEvents/Newsroom/PressAnnouncements/2005/ucm108494.htm ).

Ricordiamo infine che nessun vaccino è del tutto sicuro o sempre efficace, e che le reazioni avverse sono sempre presenti, come per qualsiasi altro farmaco. Consultando i dati del Vaers, Vaccine Adverse Event Reporting System, il sistema di vaccino vigilanza americano, ne abbiamo la conferma. Lo stesso CDC nella sua pagina scrive che nessun vaccino è sicuro al 100%(http://www.vacciniinforma.it/?p=3587 )

Ricordiamo in ultimo che la rivista medica JAMA ha pubblicato le reazioni avverse riportate in USA durante i primi due anni (2000-2002) di utilizzo di massa del vaccino antipneumococcicoeptavalente (quello in uso anche in Italia). Si tratta di oltre 4154 reazioni avverse presentate da bambini e adolescenti, con un’incidenza di 13,2 segnalazioni ogni 100.000 dosi distribuite.

Le segnalazioni più frequenti riguardano: febbre, reazione nel punto di inoculo, pianto anomalo e prolungato, rash cutaneo, orticaria, dispnea, disturbi gastrointestinali, artrite pseudosettica. Reazioni gravi sono state segnalate nel 14,6%, con 117 morti e 34 casi di infezione invasiva da pneumococchi, che con alta probabilità denotano, l’inefficacia della vaccinazione per quei soggetti. 

Da parte dei nostri GIORNALAI,assistiamo sempre alla stessa distorsione dei fatti? Ebbene si.

Addirittura si parla di “MINIMA PARTE” e di “IMMUNIZZAZIONE” (VACCINARE,NON EQUIVALE AD IMMUNIZZARE). Avrebbero dovuto parlare del fallimento della TEORIA vaccinale,ma comprendiamo l’assoluta mancanza di informazioni in tal senso.

fucecchio2

Troviamo scandaloso che l’informazione venga fatta in questa maniera ma troviamo ancor più aberrante l’assoluta mancanza della ministra Lorenzin in merito alla corruzione che travolge la stessa AIFA.

Il caso del bimbo di RAGUSA, lo hanno dimenticato?

4 marzo 2015

<<Il bimbo di 3 mesi è morto per meningite, era stato vaccinato la scorsa settimana

Una strana coincidenza se si considera che la scorsa settimana il bambino , figlio di una coppia di Francavilla Fontana, era stato sottoposto al vaccino proprio della meningite.

“Non ci sono correlazioni tra i due eventi- chiarisce il direttore sanitario dell’ospedale Perrino di Brindisi Angelo Greco- Così dicono da Bari. Si è trattato di una coincidenza. Probabilmente l’infezione covava già da tempo”…>>

A tal proposito,condividiamo le osservazioni del dr.Miedico (medico legale e fondatore di Medicina Democratica).

“Gentile lettrice,

come hai potuto vedere pochi giorni fa a Ragusa è morto un bimbo di due mesi subito dopo la vaccinazione.
Sicuramente ci sarà stata una autopsia ma credo probabile che si concluderà con l’esclusione della responsabilità del vaccino.
In tutti questi casi, infatti, le autopsie, anche quelle disposte dalla magistratura, hanno come unico obiettivo quello di escludere la responsabilità dei vaccini e per questo si rivolgono quasi sempre a medici (anatomopatologi) del tutto ignoranti sulle problematiche dei vaccini che dopo accertamenti grossolani concludono come desiderava la asl.
Ho potuto partecipare recentemente a due autopsie per sospetto danno da vaccino ed in entrambe l’anatomopatologo non ha voluto eseguire i test da me richiesti, nè il magistrato glieli ha imposti.
Anche la prassi di utilizzare la formalina per la conservazione dei campioni gioca a questo fine poichè la formaldeide distrugge tutti i virus, mentre se i campioni fossero congelati ci sarebbero maggiori possibilità di individuare germi o virus o loro frammenti anche dopo molto tempo.
Questo è avvenuto solo nel caso del piccolo Emiliano di Padova dove ho potuto dimostrare con assoluta certezza la responsabilità del vaccino antimorbillo nel decesso solo perchè il CTU ha accolto le mie richieste di esame ed ha conservato correttamente i campioni.
In quel caso, per il Ministero, si trattava di una caso di meningite e nonostante sia stato smentito non lo ha mai inserito nei casi di reazione avversa grave a vaccino antimorbillo.
Peggio ancora la ASL che ha fatto vaccinare contro la meningite tutti i compagni di asilo del piccolo senza che vi fosse la necessità.
Per questo è necessario aprire un dibattito tra le associazzioni e sviluppare una sorta di decalogo da fornire alle famiglie che, anche quando effettuano la scelta di vaccinare i propri figli, siano informate sui loro diritti se succede una reazione avversa e sappiano cosa fare immediatamente, a chi rivolgersi e quali sono i meccanismi che devono avviare subito per evitare che dopo il danno subiscano anche la beffa di non vedersi riconosciuto il raapporto con la vaccinazione e quindi alcun diritto, situazione che oltretutto continurebbe a negare la giusta informazione a tutti.
Con rabbia per una giustizia ingiusta ma anche con soddisfazione per il vostro impegno ed i successi ottenuti (prova ne è l’accanimento con cui cercano di osteggiarvi) nel nord est d’italia un cordiale saluto

Dr. Dario Miedico

 

 

CORRELATI

http://www.brindisioggi.it/il-bimbo-di-3-mesi-e-morto-per-meningite-era-stato-vaccinato-la-scorsa-settimana/

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/09/16/catania-bimbo-di-18-mesi-muore-3-giorni-dopo-il-vaccino-anti-meningite-aperta-inchiesta-e-bloccato-il-lotto-in-attesa-di-verifiche/3038247/

http://medicinademocraticalivorno.it/index.php?option=com_content&view=article&id=586%3Aancora-bambini-morti-per-vaccino

 

Toscana,la regione nel mirino dei casi di meningite in soggetti VACCINATI.

Innanzitutto ricordiamo che la meningite è un’infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale. La malattia è di origine infettiva o virale(detta meningite asettica ,non ha gravi conseguenze e si risolve nell’arco di una decina di giorni). I batteri più spesso responsabili sono Neisseria Meningitidis (meningococco) il quale è un ospite frequente nelle prime vie respiratorie,ed’è giusto dire che esiste un consistente numero di soggetti nella popolazione che presenta questo batterio nel rinofaringe (il “nuovo test” ovvero l’Abbott RealTime, serve proprio a questo,è bene che se ne parli e che si dica apertamente).

Sono stati identificati 13 sierogruppi ma 5  (A,B,C,W135,Y) quelli chemaggiormente causano meningite e altre malattie gravi; i sierogruppi B e C sono i più frequenti in Europa (da qui, la pressione dei governi per l’iperimmunizzazione di massa verso i suddetti,nonostante le linee guida contrarie sulla vaccinazione contro il meningococco B da parte dello stesso AAP, a cui nei correlati troverete il riferimento).

Si,avete letto bene,lo stesso American Academy of Pediatrics(notizia di gennaio 2015) NON raccomanda la vaccinazione di routine dei bambini tra i 2 mesi e i 10 anni di età a meno che non vi siano dei rischi di malattie meningococcica; forse ai media è sfuggita volutamente questa importante notizia?

Ricordiamo per ultimo ma non meno importante,che dal 2% al 30% dei bambini sani in periodo non endemico ,vengono definiti comePORTATORI ASINTOMATICI, e questo dato di fatto,non è correlato ad alcun reale rischio di meningite e dell’epidemia volutamente messa in piedi per speculare sulla vaccinazione e sul fantomatico nuovo test che, proprio nuovo, non è.

Finita la premessa,a nostro avviso ,fondamentale per la comprensione della malattia,torniamo ai dati.

Come giustamente dichiarato dal Dr.Serravalle,ricordiamo chel’epidemia meningococcica (questa è la definizione dell’Organizzazione Mondiale della sanità) può essere definita tale quando si verificano un numero > di 100 casi/100.000 abitanti/anno, e sicuramente non riguarda il nostro paese.

“Nel 2015 in Toscana sono stati notificati 38 casi di meningococco di cui 31 appartenenti al sierogruppo C (e questa è una vera anomalia), 5 al sierogruppo B, 1 al sierogruppo W, 1 caso non risulta tipizzato, con 7 decessi di cui 6 riconducibili al sierogruppo C e 1 al sierogruppo B. I casi hanno riguardato in particolare le aree metropolitane di Firenze ed Empoli, per poi spostarsi verso le aree costiere (Pisa, Viareggio, Massa) nei mesi estivi e tornare nelle aree metropolitane in autunno. Insomma, si parla di epidemia dimenticando che queste, sono zone con maggiore densità abitativa. Altrettanto vero è che se non vi erano stati casi nel Senese invece,la tv ha trovato il modo per non risparmiare  l’epidemia mediatica infatti, anche in quel territorio è stato proclamato un “Vaccino day-Meningite “il 27 febbraio 2016, e non solo li.

I 31 casi di meningite da meningococco C su 3.750.511 abitantiindicano che l’incidenza è di 0,83 casi su 100.000 toscani, il che colloca la regione nel range più basso tra i paesi, dopo Belgio, Danimarca, Grecia, Irlanda, Islanda, Lituania, Lussemburgo, Malta, Olanda, Norvegia, Portogallo, Regno Unito, Spagna, Turchia, ma anche Austria Bulgaria, Croazia, Cipro, Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Francia, Lettonia, Serbia, Slovacchia e Slovenia.

Si può perciò dichiarare tranquillamente che da noi non vi è alcuna epidemia.

I casi di meningite da pneumococco in Toscana nello stesso periodo sono stati 42, quelli da Listeria monocytogenes, un germe che può contaminare ortaggi, verdure, carni, formaggi molli, cibi preparati come hamburger e hot dog, paté di carne, salumi, burro sono stati  4.

Ma questi fanno poca notizia. Non se ne parla,come mai?

La paura e l’allarmismo, dove non serve.

La colpa della vaccinazione di massa qual è? L’aumento di infezioni provocate da alcuni sierotipi è correlabile al grande utilizzo del vaccino?

In Italia, sempre nel 2015, i casi totali di meningite da meningococco sono stati 174, in Lombardia sono stati 46. I casi totali da pneumococco sono stati 647, di cui 181 in Piemonte e 113 in Emilia-Romagna, senza per questo suscitare particolare allarmismo. Su scala nazionale, i casi di meningite da Listeria nel triennio 2011-2014 sono stati sempre abbondantemente superiori a quelli da meningococco C (Fig. 1), eppure tutti siamo spaventati solo da quest’ultimo…

continua

http://www.vacciniinforma.it/?p=4185

 

RIFERIMENTI 

Meningococcal Vaccines: WHO position paper, November 2011.Weekly Epidemiological Record 2011:521–540.

Jafri et al.: Global epidemiology of invasive meningococcal disease. Population Health Metrics 2013 11:17.

http://sienafree.it/salute-e-benessere/257-salute/78858-meningite-vaccino-day-sabato-27-febbraio-sul-territorio-della-provincia-di-siena-modalita-della-giornata

http://www.iss.it/binary/mabi/cont/Report_MBI_20151223_v4.pdf

http://www301.regione.toscana.it/bancadati/atti/Contenuto.xml?id=5110281&nomeFile=Delibera_n.85_del_16-02-2016-Allegato-1

Rosenstein NE, Perkins BA, Stephens DS et al – Meningoccal disease – N Engl J Med 344, 1378-88, 2001

Christensen H, May M, Bowen L, Hickman M, Trotter C L. Meningococcal carriage by age: a systematic review and meta-analysis. Lancet Infect Dis. 2010 Dec;10(12):853-61.

Soriano-Gabarró M, Wolter J, Hogea C, Vyse A. Carri age of Neisseria meningitidis in Europe: a review of studies undertaken in the region n. Expert Rev Anti Infect Ther. 2011 Sep;9(9).

Dominique A. Caugant, Georgina Tzanakaki & Paula Kr iz. Lessons from  meningococcal carriage studies. FEMS Microbiol Rev  31 (2007) 52–63

Stephens D S. Biology and pathogenesis of the evolutionarily successful, obligate human bacterium Neisseria meningitidis. Vaccine, 2009, 27 (Suppl. 2):B71–77

The immunological basis for immunization series: module 15 – meningococcal disease. Geneva, World Health Organization, 2010. (Available from http://whqlibdoc.who.int/publications/2010/9789241599849_eng.pdf).

http://www301.regione.toscana.it/bancadati/atti/Contenuto.xml?id=5110282&nomeFile=Delibera_n.85_del_16-02-2016-Allegato-2

Il Tirreno 7 settembre cronaca di Pisa

http://www.ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/salute/2015/10/24/meningite-un-caso-a-pisa-profilassi-per-pendolari-treno_69b4442c-3e5e-486e-b221-ec671008f9f8.html

http://www301.regione.toscana.it/bancadati/atti/Contenuto.xml?id=5110279&nomeFile=Delibera_n.85_del_16-02-2016

http://www.epicentro.iss.it/problemi/meningiti/meningite.asp

http://pediatrics.aappublications.org/content/pediatrics/early/2014/07/23/peds.2014-1383.full.pdf

http://pediatrics.aappublications.org/content/pediatrics/early/2014/07/23/peds.2014-1383.full.pdf

Bechini A1Levi MBoccalini STiscione EBalocchini ECanessa CAzzari CBonanni P.Impact on disease incidence of a routine universal and catch-up vaccination strategy against Neisseria meningitidis C in Tuscany, Italy.Vaccine. 2012 Oct 5;30(45):6396-401. doi: 10.1016/j.vaccine.2012.08.019. Epub 2012 Aug 23.

Borrow R et al. Antibody persistence and immunological memory at age 4 years  after meningococcal group C conjugate vaccination in children in the United Kingdom. Journal of Infectious Diseases, 2002, 186: 1353–1357.

Perrett K P et al. Antibody persistence after serogroup C meningococcal conjugate immunization of United Kingdom primary-school children in 1999–2000 and responseto a booster: A phase 4 clinical trial. Clinical and Vaccine Immunology, 2010,50:1601–1610.

http://www.phac-aspc.gc.ca/publicat/cig-gci/p04-meni-eng.php#a3

http://www.torrinomedica.it/farmaci/schedetecniche/Menjugate.asp#ixzz41NxHbWsV

http://www.torrinomedica.it/farmaci/schedetecniche/Menveo_Im_1_Fl_1_Sir_0_5_Ml.asp#axzz41NwpLvPI

Larrauri A et al. Impact and effectiveness of meningococcal C conjugate vaccine following its introduction in Spain. Vaccine, 2005, 23:4097–4100.

https://casellario.inail.it/cs/cci/comunicazione/news-ed-eventi/istat-non-si-ferma-il-calo-degli-incidenti-e-dei-feriti-i-dati-sono-stati-forniti-dallultimo-rapporto-aciistat.html

ttp://www.epicentro.iss.it/discussioni/meningiti/lizioli.asp

http://www.epicentro.iss.it/discussioni/meningiti/meningiti.ap

Versione on-line di Green n°13 aprile-maggio 2008. 10 domande sulla meningite meningococcica http://www.incaweb.org/green/n0013/index.htm)

http://www.assis.it/la_meningite_in_toscana/

 

 

Share
lorenzin

Lorenzin e il dietrofront sul decreto taglia-esami

Abrogato il decreto taglia-esami

Lorenzin, lavoro condiviso con i medici, resta appropriatezza prescrittiva

 

Articolo condiviso da ANSA

ansa.it/saluteebenessere/notizie/rubriche/salute

il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin

 

ROMA – Niente sanzioni per medici e libertà di prescrivere secondo necessità e coscienza, ma l’appropriatezza prescrittiva resta. E’ dietrofront sul decreto taglia-esami. Prevista nei nuovi Livelli essenziali di assistenza (Lea), la novità frutto di un lavoro condiviso tra ministero della Salute e professionisti, è stata annunciata in una conferenza stampa dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

“Sulle condizioni di erogabilità e appropriatezza si introduce un regime prescrittivo concordato con medici e società scientifiche basato sulla responsabilità”, ha spiegato Lorenzin. Con il dpcm sui nuovi Lea, che attende il via libera del Mef, viene infatti abrogato il Decreto pensato per limitare le prescrizioni inutili ma che, dalla sua presentazione, non aveva cessato di creare polemiche.

“Nato con l’obiettivo di creare una cultura diversa che permettesse di responsabilizzare i professionisti nel prescrivere in modo appropriato, – ha spiegato Lorenzin – quel metodo applicato non ha dato i risultati sperati. Con i nuovi Lea frutto di un lavoro condiviso con i medici, abbiamo superato quel provvedimento”. L’accordo “inaugura un nuovo metodo di lavoro con tavolo insieme alle categorie coinvolte” e garantisce “libertà di prescrizione ma con un occhio alla sostenibilità del sistema”.

Non ci sarà monitoraggio della singola prescrizione ma dell’operato dei prescrittori. E le prestazioni ‘a rischio inappropriatezza’ si riducono a pochissime e per lo più relative a test genetici.

Share
aifa1

Vertici AIFA e Ministero della Salute sotto accusa: nel mirino ancora Pani e Melazzini

Pani e Melazzini sotto accusa. Durissima interrogazione di Barani (AL-A) sulla vicenda degli emolumenti extra e per un contributo di 50mila euro a Comunione e Liberazione

Articolo condiviso da Quotidiano sanità

www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento

panimelazzini

Il senatore, presidente del gruppo Alleanza Liberalpopolare-Autonomie (verdiniani), si scaglia contro i vertici dell’Aifa e chiede anche le dimissioni di Lorenzin. Al centro i 647mila euro che Pani dovrebbe restituire all’erario ma anche i rapporti tra Melazzini e CL dopo la decisione di Aifa di elargire un contributo in occasione dell’ultimo meeting dell’organizzazione cattolica di cui lo stesso Melazzini è un esponente di spicco. 

Clicca qui per leggere IL TESTO DELL’INTERROGAZIONE.

14 SET – La vicenda dei presunti emolumenti extra del direttore dell’Aifa Luca Pani, per un totale calcolato in 647mila euro e che il direttore dell’Aifa dovrebbe restituire all’erario, è al centro di una durissima interrogazione ai ministri dell’Economia e della Salute (atto ispettivo n. 3-03117) firmata dal senatoreLucio Barani, presidente del gruppo Alleanza Liberalpopolare-Autonomie di Denis Verdini e pubblicata ieri sul sito del Senato.

Sotto accusa non solo Pani ma anche il presidente Mario Melazzini per, scrive Barani, aver “ostacolato di fatto per mesi la restituzione dei 647.000 euro da parte del dottor Pani, coinvolgendo surrettiziamente nella decisione prima l’ufficio legale dell’Agenzia, poi, con nota del 2 agosto 2016, il capo di gabinetto del Ministero della salute, dottor Giuseppe Chinè, al solo fine di bloccare la delibera di restituzione dell’ingente somma, già assunta all’unanimità dal consiglio di amministrazione nella seduta del 29 aprile 2016“.

A Melazzini, inoltre, il senatore Barani imputa anche la decisione di Aifa di aver elargito un contributo di 50mila euro a favore di Comunione e Liberazione in occasione del recente meeting nazionale dell’organizzazione cattolica, di cui è membro lo stesso Melazzini.

Tornando all’affaire Pani, Barani ricorda anche che il direttore dell’area amministrativa dell’Agenzia, Giovanni Torre, lo scorso 29 agosto avrebbe provveduto a notificare a Pani la nota di debito di 647.000 euro, “intimandogli la restituzione della somma entro il termine tassativo di 15 giorni, pena la riscossione forzata dell’importo”.

“Con nota del 31 agosto 2016 – si legge ancora nell’interrogazione – il presidente Melazzini avrebbe provveduto a contestare l’operato del dottor Torre, giudicando ‘intempestiva’ la notifica della nota di debito al dottor Pani, nonostante questa fosse stata trasmessa 4 mesi dopo la delibera votata all’unanimità dal consiglio di amministrazione, invocando nuovamente l’intervento del capo di gabinetto del Ministero della salute, dottor Giuseppe Chinè;in data 1° settembre 2016, il dottor Torre sarebbe stato allontanato dall’Agenzia, mediante revoca unilaterale da parte dell’Aifa del comando triennale disposto dall’istituto di provenienza (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia)”.

Alla luce di tutto questo, Barani chiede a Padoan e Lorenzin, “se non ravvedano nei loro comportamenti (di Pani e Melazzini, ndr) profili inerenti a propri interessi privati in atti d’ufficio, tali da indurre a richiederne le immediate dimissioni”, se in qualità di organi deputati alla vigilanza sull’Aifa, “siano al corrente del finanziamento, pari a 50.000 euro, al meeting di Comunione e Liberazione e come considerino tale elargizione”, se e quali misure ritengano di dover assumere relativamente all’allontanamento del dottor Torre dall’Aifa”.

E ancora, se siano a conoscenza di quali rapporti intercorrano, relativamente ai fatti esposti, tra il capo di gabinetto del Ministero della salute, il direttore dell’Aifa ed il presidente del consiglio di amministrazione del medesimo ente”, e se il Ministro della salute non ritenga opportuno dimettersi dall’incarico ricoperto, “considerata, secondo l’interrogante, l’inadempienza nell’esercitare l’attività istituzionale di vigilanza e controllo sull’operato dell’Aifa”.

 

CORRELATI

http://www.doctor33.it/politica-e-sanita/aifa-interrogazione-al-senato-chiede-le-dimissioni-dei-vertici

Share
glifosato

VACCINI E GLIFOSFATO,UNA STRETTA E PERICOLOSA RELAZIONE

GLIFOSFATO NEI VACCINI?

“ABBATTE LA BARRIERA EMATOENCEFALICA E NON SOLO” affermano gli scienziati.

TRADUZIONE E CORRELATI A CURA DI VACCINIINFORMA.

Perché dovremmo essere preoccupati per il glifosate nei vaccini? 

Perché gli stessi organi FDA e CDC parlano di eventuali test sui vaccini per proteggerci?

All’inizio di quest’anno, un gruppo di mamme americane ( Moms Across America) hanno provveduto a far analizzare ben 5 vaccini in un laboratorio privato.

I risultati sono sconcertanti. Tutti sottoposti a screening per il glifosato.

E bene, tutti i 5 questi vaccini,sono risultati positivi al glifosato, anche se il vaccino  MMR,  mostra  livelli 25 volte superiori rispetto agli altri vaccini.

“Ora attendiamo che i corrotti e i disinformatori,smentiscano persino le seguenti immagini, affermando persino quanto il glifosfato faccia bene al nostro organismo”.

312_Honeycutt__Zen_Glyphosate_10_Samples_Version_1.2-page-001_(1).jpg

312_Honeycutt__Zen_Glyphosate_10_Samples_Version_1.2-page-002_(1).jpg

Ma sono solo queste madri ad aver voluto capire meglio ciò che accadeva? Assolutamente no, infatti,diversi sono i PhD che si sono interrogati sul killer GLIFOSFATO.

Gli scienziati Anthony Samsel e Stephanie Seneff hanno preannunciato la pubblicazione di un peer reviewed
Glyphosate pathways to modern diseases V: Amino acid analogue of glycine in diverse proteins”.

Come è possibile? Ebbene, i produttori di vaccini a volte utilizzano sottoprodotti di origine animale nei vaccini quali ad esempio proteine derivanti dal pollo, dalle uova o gelatina che proviene dalle ossa. E se quei produttori di vaccini utilizzano gli animali che provengono da allevamenti intensivi, è probabile che essi sono stati nutriti con OGM e GLISOFATO.

Ebbene, avete capito bene.

Se non messi volontariamente,si tratta di contaminazione.

Le proteine ​​dell’uovo e la gelatina utilizzate per la coltura dei nostri vaccini,potrebbero essere contaminate da questo erbicida. Ovviamente non è difficile intuire quali malattie siano correlate ad esso.

Intanto i funzionari del governo americano non danno alcuna risposta. Ce lo aspettavamo, purtroppo.

Si attendono dei test più accurati da parte della FDA e CDC per confermare le cifre esatte. Tuttavia, qualsiasi quantità è inaccettabile. L’azione deve essere intrapresa per proteggere i nostri neonati e bambini.

Il glifosato è una sostanza chimica pericolosa. Ogni anni, centinaia di altri erbicidi  vengono utilizzati,  spruzzati sul 80% del nostro territorio. Si parla infatti di OGM e di molte colture alimentari e mangimi non biologici.  Il bestiame usato poi per tutto (dal cibo all’utilizzo per le collture )  mangiano questi grani contaminati.

OGM e l’agricoltura chimica sono prassi oramai

trattore-applicazione-fertilizzante-in-field.jpg

Il glifosato non viene mai usato solo come solo un erbicida. Ciò significa che i coformulanti di glifosato (utilizzti come erbicidi)  hanno dimostrato di essere dei perfetti interferenti endocrini e 1000 % più tossici rispetto al solo glifosato.
* Brevettato come antibiotico, distrugge i batteri intestinali benefici e la proliferazione di batteri intestinali patogeni che possono portare a disturbi cerebrali.
* Riconosciuto sulle Reporting EPA come effettore riproduttivo, può causare danni al fegato e ai reni .
  * OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) lo ha ritenuto un probabile agente cancerogeno .
Gli scienziati affermano che il glifosato può abbattere la barriera emato-encefalica.
 E ‘stato dimostrato nei polli che questo “parassita”,riesce a  distruggere i batteri intestinali benefici e promuovere batteri intestinali patogeni  che possono portare problemi serie nell’intestino e conseguentemente infiammazione cerebrale e cambiamenti comportamentali (autismo).
Il tasso di bambini con improvvisa perdita di funzione, problemi comportamentali e di apprendimento erratici è alle stelle in America e non solo . I genitori ed i bambini stanno lottando. Migliaia i risarciti e ritenut DANNEGGIATI DA VACCINO (CI SONO SENTENZE CHE LO ATTESTANO), ma se questo problema non verrà gestito dai governi di tutto il mondo,presto arriveremo ad avere un bimboautistico ogni due.
La FDA e CDC dovranno indagare urgentemente.

Clicca qui per il comunicato stampa completo.

Una settimana fa ,il gruppo di mamme americane,ha inviato la seguente lettera alla stessa EPA,ma senza alcuna risposta.

Lettera alla FDA, CDC, NIH, EPA, il senatore Boxer, e CDPH

1 settembre 2016

“Cari Pubblici Ufficiali Illustri,

Il commissario della FDA Robert Califf, FDA Acting Chief Scientist Luciana Borio, Associate Vice Commissario Rachel Sherman, il direttore CDC Dr. Tom Frieden, direttore NIH Francis S. Collins, direttore dell’EPA Gina McCarthy, EPA direttore di pesticidi Review Board Neil Andersen, senatrice Barbara Boxer, e CA Dipartimento di sanità pubblica direttore Dr. Karen Smith,

 

Preoccupato per la diffusa contaminazione di glifosato e di altri erbicidi a base di glifosato da OGM agricoltura chimica, Mom Across America ha avviato la sperimentazione e fatto analizzare diversi vaccini,trovandovi  una contaminazione di glifosato.

Tali vaccini utilizzano ingredienti derivati ​​dalla soia, mais, zucchero e altre colture geneticamente o animali esposto ai mangimi OGM e glifosato.

Il 14 marzo, 2016 Moms Across America ha ricevuto i risultati preliminari di screening da Microbe Inotech Laboratories Inc. di St. Louis, Missouri.

I dati hanno confermato che tutti e cinque i vaccini sono risultati positivi al  glifosato e ad altri 700 erbicidi a base di glifosato.
In particolare, le concentrazioni di glifosato riguardano : DTap vaccino (Adacel Sanofi Pasteur) il quale conteneva 0.123 ppb, l’influenza Fluvirin (Novartis): 0.331 ppb, HepB Energix-B (Glaxo SmithKline): 0.325 ppb, Pneumonoccal Vax polivalenti Pneumovax 23, (Merck): 0,107 ppb .
In modo allarmante, il vaccino MMR II (Merck), che il informatore CDC Dr. William Thompson (e NON SOLO) ha correlato all’autismo, aveva livelli fino a 25 volte superiore rispetto agli altri vaccini, a 2.671ppb.
Si può essere consapevoli del fatto che uno dei risultati più consistenti nella ricerca sull’autismo è proprio la grande anomalia del microbioma intestinale.

 

Questi risultati sono scioccanti e inaccettabili. Gli studi hanno dimostrato che a causa di cambiamenti ormonali, il glifosato ha perfino stimolato la crescita delle cellule del cancro al seno in quantità a partire da 0,1 PPT  e non solo.

ATTENDIAMO DELUCIDAZIONI DA PARTE DELLA STESSA FDA.

Dal momento che questo problema è una questione di enorme interesse pubblico, ci sentiamo dobbiamo liberare i nostri risultati del test. Di conseguenza, questi saranno resi pubblici immediatamente.

Chiediamo alla FDA, NIH, CDC e produttori di vaccini, di testare immediatamente tutte le partite di tutti i vaccini  e ritirare ciò che è pericoloso per i nostri figli.

Nessun genitore dovrebbe  vaccinare consapevolmente i loro neonati e bambini con una nota neurotossina , probabile cancerogena, o con cardiovascolari chimici dannosi e molto altro.

Zen Honeycutt, direttore esecutivo.

Mom Across America”.

Attendiamo con ansia lo sviluppo di questa questione e vi aggiorneremo a breve.

TRADUZIONE E CORRELATI A CURA DI VACCINIINFORMA.

Share
fratelli-alberto-giovanni-192591

Truffa Menarini: vertici condannati per frode, dopo un danno di 860 mln di euro

Menarini: truffa al Ssn per 860 mln e confisca dei beni per 1 mld. Condannati a 10 e 7 anni i fratelli Aleotti

Articolo condiviso da “IlSole24Ore”

I fratelli Aleotti sono stati interdetti per sempre dai pubblici uffici e la sola Lucia Aleotti dall’intrattenere rapporti con la pubblica amministrazione per tre anni.
Secondo gli inquirenti per ben 26 anni, dal 1984 al 2010, Alberto Aleotti avrebbe usato società estere fittizie per l’acquisto dei principi attivi, con lo scopo di far aumentare il prezzo finale dei farmaci, grazie a una serie di false fatturazioni truffando così il Sistema sanitario nazionale, che ha rimborsato medicinali con prezzi gonfiati. Il danno per lo Stato sarebbe stato di 860 milioni di euro. Il tribunale ha stabilito anche che la presidente dovrà risarcire, con 100mila euro, la presidenza del Consiglio dei Ministri che si era costituita parte civile.

Il pm aveva chiesto nove anni e mezzo per Lucia Aleotti e otto anni per Giovanni Aleotti.

Assolti collaboratori azienda
Il tribunale di Firenze ha invece assolto tutti gli altri imputati compreso la madre dei due fratelli, Massimiliana Landini. Gli altri imputati assolti sono Giovanni Cresci, Licia Proietti e Sandro Casini. Per alcuni capi di imputazione anche i due fratelli Aleotti sono stati comunque assolti.

La difesa annuncia ricorso in appello
«C’erano elementi seri per ritenere che i reati contestati non fossero sostenibili». Lo ha detto Sandro Traversi, difensore degli Aleotti che ha annunciato ricorso in appello dopo la sentenza di condanna pronunciata oggi dal tribunale di Firenze nei confronti dei vertici della Menarini.
«Si tratta di una sentenza complessa, che ha giudicato insussistente il filone relativo alla presunta truffa e all’ipotesi di riciclaggio, ritenendo invece sussistente quello della frode fiscale», ha spiegato Mario Casellato, componente del collegio difensivo dell’azienda.
«Presenteremo ricorso in appello, siamo certi di avere la documentazione che ci darà ragione e permetterà di escludere la frode fiscale», aggiunge Casellato.
Riguardo al filone della frode fiscale, relativa a somme all’estero «fatta oggetto di scudi» e sanatorie dal patron di Menarini, Alberto Sergio Aleotti, scomparso due anni fa. «Tutto, anche il sequestro della somma, è sospeso in attesa dell’appello e della Cassazione», precisa il legale, ribadendo la certezza che i documenti chiariranno le posizioni dei suoi clienti anche relativamente al filone della frode fiscale.

Il tribunale di Firenze, dopo 8 ore di camera di consiglio, ha condannato a 10 anni e sei mesi Lucia Aleotti, presidente della società, e a 7 anni e sei mesi il fratello Alberto Giovanni, vicepresidente, a conclusione del processo che li vedeva a giudizio per accuse, a vario titolo, di evasione fiscale, riciclaggio e corruzione. Lucia e Alberto Giovanni sono i figli di Alberto Aleotti, patron della azienda farmaceutica, morto nel 2014. Confiscato agli imputati oltre un miliardo di euro.

FONTE
Share
vaxxed 1

VAXXED: intervista integrale al produttore del film

VAXXED: intervista al produttore del film , Del Bigtree , censurata da ABC World News

vaxxed 1

Video condiviso da Autismo & Vaccini.

Pubblicato il 29 mar 2016

Questa è l’intervista integrale, TAGLIATA dalla ABC World News, condotta con Del Bigtree, produttore del documentario

“VAXXED: From Cover-Up To Catastrophe”, due ore dopo la cancellazione del film da parte di Robert De Niro e del Tribeca Film Festival.

Share
andrew wakefield

Autismo/Vaccini? Il dr.Wakefield risponde alle accuse

Video condiviso da  Autismo & Vaccini
Pubblicato il 03 lug 2016

andrew wakefield

Il Dr. Andrew Wakefield risponde alle accuse

“Dal momento della pubblicazione dello studio sulla rivista scientifica The Lancet, che suggeriva la possibilità di una correlazione tra una nuova forma di malattia infiammatoria intestinale, l’autismo, e il vaccino trivalente MPR [morbillo, parotite, rosolia], uno dei co-autori del studio, il Dottor Andrew Wakefield”.

Share
verità

Vaccini/Autismo? CDC, un informatore confessa la frode avvenuta

Informatore del CDC confessa la FRODE VACCINO-AUTISMO

spazzatura-sotto-il-tappeto

Video condiviso da Autismo & Vaccini

Pubblicato il 09 set 2014

“Lo slogan del CDC è “salvare vite umane e proteggere le persone“: dopo aver visto questo video non è possibile fare a meno di pensare “quali vite?” e “quali persone?” cercano di salvare.
Probabilmente vogliono proteggere loro stessi e qualche industria del farmaco, perché non vi è altra”.

 

Share
ragazze hpv

Alluminio? Un adiuvante che non dovrebbe trovarsi nei vaccini! La parola al PhD Chris Shaw

Ricordate le affermazioni sulla pericolosità dell’alluminio contenuto nei vaccini? Il PhD Chris Shaw, ci illustra nuovamente la tossicità di questo adiuvante attraverso il seguente video.

“Come ben sappiamo,l’alluminio è l’adiuvante comune a molti vaccini.

Per questo motivo,ho voluto comprendere il meccanismo del medesimo e la sua influenza sul sistema nervoso autonomo. E’ vero,noi, introduciamo l’alluminio attraverso il cibo,mangiandolo senza rendercene conto; ma c’è una grande differenza tra l’assorbire alluminio attraverso il cibo rispetto ad un’iniziezione; nel secondo caso,è destinato a restare li, nel corpo. E’ questo il compito di un adiuvante.

Così abbiamo semplicemente sperimentato il tutto, per poter verificare cosa accade realmente “.

Chris Shaw, PhD

 

CORRELATI

L’alluminio  interferisce con una varietà di processi cellulari e metabolici nel sistema nervoso e in altri tessuti.”

FONTE DI SEGUITO

AMERICAN ACADEMY OF PEDIATRICS

Tossicità dell’ alluminio nei neonati e bambini

“Il suddetto è pericoloso e nocivo quanto il thimerosal, collegato anch’esso a diversi disturbi come l’autismo, morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e altre patologie”.

Precedentemente a queste poche righe,vi consigliamo la visione dell’intervista al PhD Chris Shaw, un neuroscienziato e professore presso l’Università della British Columbia, il quale spiega perché un adiuvante come l’alluminio non dovrebbe trovarsi nei vaccini.

http://www.vacciniinforma.it/?p=1960

 

LINEE GUIDA? PROGRAMMA VACCINALE? IL 13% DEI PEDIATRI SI DISSOCIA

http://www.vacciniinforma.it/?p=2391

 

VACCINI? MEDICI FRANCESI DUBBIOSI SULL’UTILITÀ, L’EFFICACIA E LA SICUREZZA.

http://www.vacciniinforma.it/?p=3834

 

Share
dittatura1

Troll e propaganda costantemente provax? Ci ha pensato la stessa CIA con centinaia di profili fake

Si,avete letto bene.

Agenti della CIA per trollare eventuali discussioni che sul web non dovrebbero trovarsi perchè “scomode”. Come sia possibile definire ancora democrazia tutto questo poi, sarebbe opportuno comprenderlo.

Purtroppo conosciamo bene la realtà. Qui,non esiste alcuna logica, ma solo un grande intento; quello di omettere la veridicità dei fatti, qualunque essi siano.

 

CIA-agents-trolling-alternative-media-632x350

Di Troll sul web ne vediamo moltissimi ,ma  ora sappiamo chi sono e da chi sono voluti. Agenti della CIA ,creati e formati dalla medesima, per controllare e monitorare le notizie.

Dall’altra parte spesso,troviamo ragazzini molto giovani, la quale intelligenza e preparazione lasciano davvero a desiderare; eppure queste figure vengono letteralmente acquistate da questo organo massimo per uno scopo aberrante : controllare l’informazione e agire in merito a questo; la gente non può né deve sapere.

La CIA ha creato un programma che riesce ad influenzare  i media tradizionali per promuovere storie di propaganda false, e questo grazie alle migliaia di troll,agenti che vivono nei forum,pagine social,siti web e tra i commenti, nel tentativo di distruggere notizie vere ma scomode per loro.

Attraverso l’Operation Mockingbird , l’agenzia ha creato migliaia e migliaia di account fake,ovvero account di utenti falsi, su vari forum  e canali di social media, sostenendo una vera e propria campagna politica nei confronti degli utenti reali.

Questo come sempre,nel tentativo di soffocare e sovvertire le comunicazioni tra gli utenti che vogliono informarsi.

Americanintelligencereport.com reports:

Secondo le notizie RT, gli agenti hanno fino a 10  account falsi ( a testa) utilizzati per trollare e  creare l’illusione di avere una vera e propria rete di amici.
Stai chattando con un agente della CIA on-line? E ‘possibile saperlo subito.

Abby Martin, dal  RT  “Breaking the Set”  ha riferito di una importante operazione Mockingbird con il solo scopo di indurre in errore il pubblico on-line.


Nella seduta del Congresso dal 1976,  più di qualcuno ha raccontato la verità.

Proprio infatti,secondo il rapporto del Congresso pubblicato nel 1976,noi sappiamo che :

“La CIA attualmente mantiene una rete di diverse centinaia di individui stranieri di tutto il mondo che lavorano per la medesima CIA e, a volte tentano di influenzare l’opinione attraverso l’uso della propaganda occulta.

Questi individui  accedono in maniera diretta ad un gran numero di giornali e periodici, decine di servizi  e agenzie di stampa, emittenti radiofoniche e televisive, pagine e siti di editori ” eccetera eccetera.

Entro l’anno 1953 l’Operazione Mockingbird dettava informazioni in oltre 25 giornali e agenzie di stampa.

Queste organizzazioni sono state seguite e curate da molti nomi noti, sopratutto nella corrente politica di destra; troviamo infatti  William Paley (CBS), Henry Luce (Time e Life Magazine), Arthur Hays Sulzberger (New York Times), Alfred-friendly (caporedattore del Washington Post) , Jerry O’Leary (Washington stella), Hal Hendrix (Miami News), Barry Bingham, Sr., (Louisville Courier-Journal), James Copley (Copley Notizie Services) e Joseph Harrison (Christian Science Monitor). Anche Rolling Stone ha affermato che il giornalista Joseph Alsop era sotto il controllo di Operazione Mockingbird nel 1977.

I suoi articoli sono apparsi in oltre 300 diversi giornali. Altri giornalisti presunti da Rolling Stone Magazine sono stati “formati” e pagati per promuovere il punto di vista della CIA , inclusi Stewart Alsop (New York Herald Tribune), Ben Bradlee (Newsweek), James Reston (New York Times), Charles Douglas Jackson (Time Magazine), Walter Pincus (Washington post), William C. Baggs (The Miami News), Herb oro (The Miami News) e Charles Bartlett (Chattanooga Times).

Secondo Nina Burleigh , questi giornalisti, molte volte hanno scritto articoli  commissionati da Frank Wisner, creatore del programma.

La CIA ovviamente fornisce loro tutte le informazioni per poter “lavorare” in maniera completa.

Questa non è  una “TEORIA DEL COMPLOTTO” ma una vera e propria guerra dove a farne le spese è come sempre la popolazione.

 

 

Traduzione a cura di Vacciniinforma

Fonte

http://yournewswire.com/cia-agents-hired-to-troll-alternative-media-comments-online/

 

CORRELATI

http://americanintelligencereport.com/government-agents-hired-to-argue-politics-on-line

Share