Vaccini Informa

Morbillo? I dati reali e la “posizione ufficiale” del CDC

Morbillo? I dati reali e la “posizione ufficiale” del CDC

marzo 10
08:06 2015

Dati reali sul Morbillo?

Una farsa condotta dagli organi (IN)competenti per seminare terrore e panico.

GUARDIAMO I DATI

I dati affermati dal nostro Ministero della Salute e dal nostro Ministro Lorenzin sono una menzogna; a confermarlo la fonte di seguito.

La Figura 1. riporta i casi di morbillo segnalati in Italia per mese di insorgenza dei sintomi, a partire dal 2013, anno in cui è stata istituita la sorveglianza integrata.

6 Marzo 2015

morbillo,foto 2016

 

Interessante sarebbe capire come mai questa continua richiesta di vaccinazione del suddetto vaccino contro la realtà dei dati.

VACCINARE EQUIVALE AD IMMUNIZZARE?

Assolutamente NO.

 

AGGIORNAMENTO FONTI marzo 2016

I DATI REALI?

UNA EVIDENTE DIMINUZIONE NEL 2016

Attendiamo risposte.

“Da gennaio 2013 a gennaio 2016 sono stati segnalati 4.275 casi di morbillo di cui 2.257 nel 2013, 1.696 nel 2014, 253 nel 2015 e 69 nel 2016. Complessivamente il 57,3% dei casi è stato confermato in laboratorio, il 28,0% è stato classificato come caso probabile (criteri clinici ed epidemiologici soddisfatti, caso non testato in laboratorio) e il 14,7% come caso possibile (criteri clinici soddisfatti, nessun collegamento epidemiologico, non testato in laboratorio).

La Figura 1 nel link di EPICENTRO, mostra un picco epidemico nel mese di giugno 2013 con 382 casi segnalati. Ulteriori picchi di incidenza sono evidenti nei mesi di gennaio e marzo 2014, con oltre 300 casi segnalati in ognuno dei due mesi. Dal secondo semestre del 2014 si osserva una diminuzione del numero di casi segnalati, con un minimo di 10 casi segnalati a gennaio 2015. Nel 2013, 153 casi sospetti sono risultati negativi agli esami di laboratorio e pertanto classificati come non casi; nel 2014, i non casi sono stati 120, nel 2015, 95 e 3 nel 2016.

 

Quali sono i 200 morti di morbillo di cui parla il nostro Ministro?

Nel 2014 a Londra ci sono stati 59 casi di morbillo e non 200.

 

Table 3: Thimerosal and Expanded List of Vaccines(updated June 20, 2012)
Thimerosal Content in Currently Manufactured U.S. Licensed Vaccines

Vaccine Trade Name Manufacturer Thimerosal Concentration1 Mercury
Anthrax BioThrax Emergent BioDefense Operations Lansing, LLC 0 0
DTaP Tripedia (not available) Sanofi Pasteur, Inc. ≤ 0.00012% ≤ 0.3 µg/0.5 mL dose
Infanrix GlaxoSmithKline Biologicals 0 0
Daptacel Sanofi Pasteur, Ltd. 0 0
DTaP-HepB-IPV Pediarix GlaxoSmithKline Biologicals 0 0
DT No Trade Name Sanofi Pasteur, Inc. < 0.00012% (single dose) < 0.3 µg/0.5mL dose
Sanofi Pasteur, Ltd.3 0.01% 25 µg/0.5 mL dose
Td No Trade Name MassBiologics ≤ 0.00012% ≤ 0.3 µg mercury/0.5 ml dose
Decavac Sanofi Pasteur, Inc. ≤ 0.00012% ≤ 0.3 µg mercury/0.5 ml dose
No Trade Name Sanofi Pasteur, Ltd. 0 0
Tdap Adacel Sanofi Pasteur, Ltd. 0 0
Boostrix GlaxoSmithKline Biologicals 0 0
TT No Trade Name Sanofi Pasteur, Inc. 0.01% 25 µg/0.5 mL dose
Hib ActHIB Sanofi Pasteur, SA 0 0
Hiberix GlaxoSmithKline Biologicals 0 0
PedvaxHIB liquid Merck & Co, Inc. 0 0
Hib/HepB COMVAX4 Merck & Co, Inc. 0 0
Hepatitis B Engerix-B
Pediatric/adolescentAdult
GlaxoSmithKline Biologicals 00 00
Recombivax HBPediatric/adolescentAdult (adolescent)Dialysis Merck & Co, Inc. 000 000
Hepatitis A Havrix GlaxoSmithKline Biologicals 0 0
Vaqta Merck & Co, Inc. 0 0
HepA/HepB Twinrix GlaxoSmithKline Biologicals 0 0
IPV IPOL Sanofi Pasteur, SA 0 0
Poliovax Sanofi Pasteur, Ltd. 0 0
Influenza Afluria CSL Limited 0 (single dose)
0.01% (multidose)
0 (0.5mL single dose)
24.5 µg (0.5 mL multidose)
Agriflu Novartis Vaccines and Diagnostics Ltd. 0 0
Fluzone5
(multi-dose presentation)
Sanofi Pasteur, Inc. 0.01% 25 µg/0.5 mL dose
Fluvirin
(multi-dose vial)
Novartis Vaccines and Diagnostics Ltd. 0.01% 25 µg/0.5 ml dose
Fluzone (single-dose presentations) Sanofi Pasteur, Inc. 0 0
Fluvirin (single-dose prefilled syringe) Novartis Vaccines and Diagnostics Ltd. 0 0
Fluarix GlaxoSmithKline Biologicals 0 0
FluMist and FluMist Quadrivalent MedImmune Vaccines, Inc. 0 0
FluLaval ID Biomedical Corporation of Quebec 0.01% 25 µg/0.5 ml dose
Japanese Encephalitis IXIARO Intercell AG 0 0
MMR MMR-II Merck & Co, Inc. 0 0
Meningococcal Menomune A, C, AC and A/C/Y/W-135 Sanofi Pasteur, Inc. 0.01% (multidose)
0 (single dose)
25 µg/0.5 dose
0
Menactra A, C, Y and W-135 Sanofi Pasteur, Inc. 0 0
Menveo Novartis Vaccines and Diagnostics Inc. 0 0
Pneumococcal Prevnar 13 (Pneumo Conjugate) Wyeth Pharmaceuticals Inc. 0 0
Pneumovax 23 Merck & Co, Inc. 0 0
Rabies IMOVAX Sanofi Pasteur, SA 0 0
Rabavert Novartis Vaccines and Diagnostics 0 0
Smallpox (Vaccinia), Live ACAM2000 Acambis, Inc. 0 0
Typhoid Fever Typhim Vi Sanofi Pasteur, SA 0 0
Vivotif Berna Biotech, Ltd. 0 0
Varicella Varivax Merck & Co, Inc. 0 0
Yellow Fever Y-F-Vax Sanofi Pasteur, Inc. 0 0
Zoster Vaccine Live Zostravax Merck & Co., Inc. 0 0
Table Footnotes

Thimerosal is approximately 50% mercury (Hg) by weight. A 0.01% solution (1 part per 10,000) of thimerosal contains 50 µg of Hg per 1 ml dose or 25 µg of Hg per 0.5 ml dose.

Sanofi Pasteur’s Tripedia may be used to reconstitute ActHib to form TriHIBit. TriHIBit is indicated for use in children 15 to 18 months of age.

This vaccine is not marketed in the US.

COMVAX is not licensed for use under 6 weeks of age because of decreased response to the Hib component.

Children under 3 years of age receive a half-dose of vaccine, i.e., 0.25 mL (12.5 µg mercury/dose.)

Fonte

http://www.fda.gov/BiologicsBloodVaccines/SafetyAvailability/VaccineSafety/UCM096228#t3


Ultimamente troviamo bufera in tutto il web. La cattiva informazione e la manipolazione dei dati, fanno da padrone.

PANICO E PAURA SE LA GIOCANO ALLA PARI; QUESTE DIVENTANO SEMPRE PIU’ INGOMBRANTI IN UN MONDO DOVE I DATI PRINCIPALI E L’INFORMAZIONE CORRETTA,VENGONO OMESSE, LASCIANDO SPAZIO ALLA MANIPOLAZIONE DELLE TESTE ANCHE E SOPRATTUTTO,GRAZIE AI MEDIA.

Ma sui conflitti di interesse cosa sappiamo?

USA: TRIBUNALE DELLA PENNSYLVANIA CONDANNA MERCK NEL 2010 PER AVER FORNITO FALSE DICHIARAZIONI IN MERITO ALL’EFFICACIA DEL PROPRIO VACCINO MMR.

La Corte dell’ Eastern District della Pennsylvania, nel procedimento 10/4374, ha condannato la casa farmaceutica Merck per aver fornito false dichiarazioni alla Food and Drug Administration (FDA) in merito all’efficacia del vaccino MMR II.

Nella sentenza si legge che “Gli Stati Uniti hanno pagato centinaia di milioni di dollari per un vaccino che non conferisce un’adeguata immunizzazione” e che le false dichiarazioni avrebbero riguardato in particolare i dati forniti da Merck in ordine all’efficacia del vaccino in quanto “la falsificazione di Merck dei rapporti pre-vaccinali è stata eseguita in modo ampio e sistematico”
Da quasi quarant’anni Merck fornisce agli USA una serie di vaccini tra i quali il vaccino trivalente MMR anti morbillo, parotite e rosolia del quale era stata contestata la reale efficacia in considerazione di una serie di epidemie soprattutto di morbillo e parotite sviluppatesi soprattutto nel 2006 negli USA anche tra soggetti vaccinati.
Durante l’escussione dei testi e della parti, la Corte ha stabilito quanto segue: “CDC, FDA e Merck hanno lavorato pubblicamente insieme per determinare la causa di questa epidemia 2006. Naturalmente, solo Merck sapeva che la causa principale è stata l’efficacia insufficiente del suo vaccino. Ma Merck ha continuato a mantenere il suo tasso di efficacia gonfiato ed il governo ha continuato a credere che non c’era alcun problema con il vaccino. Durante l’indagine del focolaio del 2006, il direttore del CDC, Julie Geberding, ha ribadito la posizione del CDC – non vi era alcun dubbio sul fatto che Merck avesse fabbricato e continuato a travisare continuamente studi scientifici – che c’era alcun problema con il vaccino”.
La stessa Direttrice Geberding aveva dichiarato testualmente: “Non abbiamo assolutamente informazioni che suggeriscono che c’è qualche problema con il vaccino …. Che cosa sta succedendo qui, nel contesto dei focolai è che un certo numero di persone non hanno ricevuto entrambe le dosi stanno insieme con le persone che hanno ricevuto il vaccino, ma sono suscettibili comunque perché c’è un caldo perfetto, vivono in condizioni di sovraffollamento, come dormitori universitari o si mescolano con altri studenti nelle pause primaverili o durante le vacanze, e scatenando una trasmissione a cascata…” concludendo quindi enfatizzando che “la migliore protezione contro la parotite è il vaccino”.

123

http://www.naturalnews.com/gallery/documents/Merck-False-Claims-Act.pdf

 

Ogni mese nel sito epicentro vengono pubblicati i bollettini regionali MORBILLO:

RISULTATI REGIONALI 2014 Sorveglianza integrata del morbillo e della rosolia Rapporto n. 11 dicembre 2014 e gennaio 2015 in Italia, su un totale di 1.674 casi di morbillo segnalati nel 2014, solo il 57,8% (pari a 967 casi) ha avuto una conferma di laboratorio (range regionale: 27,3% – 94,7%); ciò significa che il 42,2% ovvero in 707 tale conferma non si è avuta per cui il presunto morbillo probabilmente non era tale. Sempre in Italia, il maggior numero dei casi è stato segnalato da 6 regioni: Piemonte, Emilia-Romagna, Liguria, Lazio, Lombardia e Sardegna che insieme hanno segnalato circa l’80,8% dei casi totali (Piemonte 31,4%, Emilia-Romagna 12,3%, Liguria 11,8%, Lazio 10,6%, Lombardia 8,7%, Sardegna 6,0%). In Italia, nel 2014, l’incidenza dei casi di morbillo è stata pari a 2,8 casi per 100.000 abitanti. L’incidenza più elevata è stata osservata in Liguria con 12,4 casi per 100.000 abitanti, seguita dal Piemonte con 11,9, dalla Sardegna e dall’Emilia-Romagna rispettivamente con 6,0 e 4,6 casi per 100.000 abitanti.
Il rapporto è accessibile on line al seguente indirizzo

:https://www.epicentro.iss.it/prob…/morbillo/bollettino.asp

Ecco una sintesi del Report dell’Aifa per il 2012.

Alla data del 31 marzo 2013 risultavano inserite in rete 2.638 segnalazioni di sospette reazioni avverse a vaccini con insorgenza nel 2012 pari a circa il 10% del totale delle segnalazioni da reazione avversa (27.688), che comprendono quelle riferite ai farmaci, letteratura esclusa. In pratica, le reazioni avverse da vaccini in Italia sono state 13,5 ogni 100.000 dosi somministrate.
Tuttavia, sottolinea l’Aifa, tra le 2.638 segnalazioni vi sono 83 casi in cui è stato riportato il vaccino sospetto solo in termini di componenti, senza alcun riferimento al nome commerciale sfuggendo così alle analisi per classificazione del prodotto utilizzato. Per questa ragione le analisi presentate nel rapporto si riferiscono a un totale di 2.555 segnalazioni. Che, evidenzia il rapporto, “ad eccezione di sette casi gravi e di un caso in cui la gravità non è stata definita, riguardano reazioni non gravi”.
Si segnala di più al Nord e tra i medici specialisti e ospedalieri
A livello regionale a segnalare di più è la P.A. di Bolzano, con un tasso di 35,1 segnalazioni per 100.000 dosi. Seguono la P.A. di Trento (28,1), il Veneto (27,6) e la Valle D’Aosta (26,3). In fondo alla classifica la Liguria (1,2), la Calabria (3,4) e il Lazio (3,9). In generale il tasso di segnalazione è del 18,1 nelle Regioni del Nord, del 10,7 in quelle del Centro e dell’8,4 al Sud.
La maggior parte delle segnalazioni, nel 2012, è arrivata dai medici specialisti (24,9%), seguiti dai medici ospedalieri (18,2), dai farmacisti (7,7), dai pediatri di libera scelta (7,6) e dai medici di medicina generale (7,4).
Reazioni avverse. Più esposti i bimbi e chi si sottopone ai vaccini virali
Circa il 53% delle segnalazioni (1.806) ha riguardato i bambini fino a 11 anni, il 6% gli adolescenti (208), il 10% gli adulti (342) e il 6% i soggetti ultrasessantacinquenni (199). Oltre metà delle segnalazioni 2012 ha riguardato i vaccini virali. Nel dettaglio, il tasso di segnalazione passa da 10,2 per 100.000 dosi per i vaccini virali a 25,5 per i vaccini batterici a 46,6 per i vaccini batterici e virali in associazione.
Tassi di segnalazione elevati si riscontrano anche per i vaccini rabici (106,1 per 100.000 dosi) e per i vaccini della diarrea da rotavirus (57,5), ma secondo l’Aifa, “nel primo caso il tasso risulta elevato anche in presenza di poche segnalazioni perché legato ad uno scarso uso del vaccino contro la rabbia”.
La maggior frequenza di segnalazione tra i vaccini batterici riguarda i vaccini pneumococcici, seguiti dai vaccini meningococcici e dai vaccini tetanici. Per quanto riguarda i vaccini virali la maggior parte delle segnalazioni riguarda i vaccini contro il morbillo, i vaccini antinfluenzali e i vaccini contro il papillomavirus.

http://www.quotidianosanita.it/studi-e…/articolo.php..

Vaccini. Nel 2012 segnalate 2.555 reazioni avverse. Non gravi nell’86% dei casi -…

EPIDEMIE DI MORBILLO TRA LA POPOLAZIONE VACCINATA
Nel 2012 e 2013 si sono verificati focolai di morbillo tra un gran numero di bambini e adulti che erano stati vaccinati e che vivevano in zone di popolazioni altamente vaccinate nel nord dell’Inghilterra.

https://childhealthsafety.wordpress.com/…/officials-covere…/


Su internet è largo alle frenetiche discussioni e dibattiti accesi sulla malattia tanto temuta e la relativa vaccinazione : il MORBILLO.

MORBILLO E VACCINAZIONE FACOLTATIVA MMR: SFATIAMO QUALCHE MITO

 

Nel frattempo perdiamo di vista la reale informazione: NESSUN DECESSO negli Stati Uniti dovuto al morbillo mentre le segnalazioni di reazioni avverse aumentano.

In primo luogo, il Centro per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC) mantiene un conteggio settimanale sui focolai delle malattie. Secondo una dichiarazione fatta dal Dr. Anne Schuchat, direttore del Centro Nazionale di CDC per le vaccinazioni e le malattie respiratorie,dichiara, ripresa da Fox News il 25 aprile 2014 quanto segue:

Nessun decesso è stato segnalato a causa del morbillo negli Stati Uniti, dal 2003. [1]

L’organo CDC, attraverso i suoi controlli settimanali (MMWR) a partire da quella data, non ha rilevato alcun decesso a causa del  morbillo.

Inutile dire quanto le autorità sanitarie diano per scontata un’altra realtà. I focolai di morbillo sono menzionati frequentemente dalle stesse; quando i reali dati vengono menzionati,le medesime autorità non perdono tempo per rimembrare a tutti il “falso mito delle vaccinazioni”.

Il calo della mortalità -secondo essi e non solo purtroppo- è dovuto alla pratica vaccinale.

Noi sappiamo che ciò sia una grande bufala.

ALLEGATI

Inghilterra e i dati

La seguente tabella mostra il numero totale di casi confermati in laboratorio riguardante la malattia del morbillo per ogni regione. Questa cifra comprende i casi confermati grazie all’ IgM e  PCR .

https://www.gov.uk/government/publications/measles-confirmed-cases/confirmed-cases-of-measles-in-england-and-wales-by-region-and-age-2012-to-2014

Calo della mortalità e il Mito dei Vaccini:Chi ne è l’artefice in realtà?

Questo Grafico illustra come la realtà sia diversa da ciò che si propina


I decessi avvenuti

Che dire sui decessi avvenuti dopo la vaccinazione contro il morbillo?

Il governo degli Stati Uniti mantiene un database di report chiamato The Adverse Event Reporting System Vaccine (VAERS).

La banca dati è a disposizione del pubblico, e vi è un portale di ricerca che chiunque può utilizzare andando su Medalerts.org .

Abbiamo eseguito una ricerca per un periodo di dieci anni sui decessi avvenuti post vaccinazione, prendendo in considerazioni tutti i vaccini in commercio contro il morbillo (diversi non sono più in produzione).

Il risultato della ricerca conteneva 108 decessi avvenuti in questo periodo, derivanti da quattro diversi vaccini contro il morbillo, venduti negli Stati Uniti nel corso degli ultimi 10 anni.

 

VAERS-Morbillo-vaccino-Morti


Oggi, abbiamo solo un vaccino contro il morbillo, in combinazione con parotite e rosolia (MMR).

Durante la ricerca della vaccinazione del “nuovo” combinato MMR nel corso degli ultimi 10 anni, sono stati segnalati 96 decessi:

 

MMR-morti

Ripetiamo che chiunque voglia osservare i dati,può ricercarli visitando l’autorevole sito MedAlerts.org

Questo database riflette solo i decessi segnalati e avvenuti in un periodo di tempo, e quindi rispecchia probabilmente,un numero molto inferiore di decessi reali dal momento che la maggior parte dei medici e delle autorità sanitarie, ritengono che i vaccini siano sicuri e non attribuiscono loro la causa del decesso.

ALLEGATO

LE SEGNALAZIONI E LA FARMACOVIGILANZA

Il governo americano,le leggi, i regolamenti sui danni da reazione e sui decessi avvenuti per la vaccinazione contro il morbillo

I cittadini americani,sono in gran parte inconsapevoli sulla sorta di “immunità legale”di cui godono vantaggio e profitto i produttori di vaccini.

Questa protezione è stata data loro dal 1986 .

Il Dipartimento di Giustizia emette le relazioni trimestrali su crediti e gli insediamenti; li attraverso il sito Stati Uniti Tribunali federali,si possono osservare altri dati reali omessi.

Quando in questo sito si cerca la parola “morbillo” il risultato che ne deriva è di ben 111 danneggiati risarciti a causa del vaccino MMR dal 2004.

 

Morbillo-vaccino-insediamenti

Conclusione: Il vaccino contro il Morbillo è basato anch’esso sul mito della paura.

ALLEGATI

“MMR”UNA SEZIONE DEDICATA

 

(1)Riferimenti e delucidazioni in merito

1. Dichiarazione della dottoressa Anne Schuchat, direttore del Centro Nazionale di CDC per l’immunizzazione e malattie respiratorie pubblicato da Fox News il 25 aprile 2014: “zero morti a causa del morbillo”.

* EDIT – Dopo la pubblicazione di questo articolo,sono giunte un paio di segnalazioni arrivate da siti “pro-vaccino”inerenti a 2 decessi  associati al morbillo nel 2009 , e 2 decessi elencati nello stesso rapporto del CDC nel 2.010 .

Ciò significherebbe avere avuto 4 decessi per morbillo secondo il National Vital Statistics Report, e non zero, come riportato dal CDC, e come dichiarato dalla dottoressa Anne Schuchat nell’intervista del 2014. Erano le sue dichiarazioni pubbliche ad essere in errore?

Un’altra mail ricevuta dal CDC nel quale viene affermato lo stesso dato: NESSUN DECESSO dal 2003.

Questa sembra essere perciò laposizione “ufficiale” del CDC.

no-morbillo-morti

 

ALLEGATI

“CDC” UNA SEZIONE DEDICATA

 

****INFORMAZIONI RILEVANTI****

La fonte di questo articolo è stata omessa dal web.

Questa è la seconda stesura.

“Ringraziamo” chi con tanto impegno e pochi propositi nella vita, cerca di entrare nei blog e siti altrui,forse crede di fare un favore.

Nonostante ciò, tutti gli articoli continueranno ad uscire malgrado tutto.

Noi continueremo ad informare.

***Aggiornamento fonti e articoli correlati.***

Astratto da PubMed

 

Abstract

Analysis of urine specimens by using reverse transcriptase-PCR was evaluated as a rapid assay to identify individuals infected with measles virus. For the study, daily urine samples were obtained from either 15-month-old children or young adults following measles immunization. Overall, measles virus RNA was detected in 10 of 12 children during the 2-week sampling period. In some cases, measles virus RNA was detected as early as 1 day or as late as 14 days after vaccination. Measles virus RNA was also detected in the urine samples from all four of the young adults between 1 and 13 days after vaccination. This assay will enable continued studies of the shedding and transmission of measles virus and, it is hoped, will provide a rapid means to identify measles infection, especially in mild or asymptomatic cases.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7494055

ALLEGATI

Focolaio di Mobillo in una scuola privata del Mingora; ricoverati al 
Saidu Teaching Hospital

http://tribune.com.pk/story/712640/mysterious-circumstances-over-50-schoolchildren-faint-after-measles-shots/

 

 

 

 

 

Share

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti