Vaccini Informa

Aggiornamento dati ufficiali sul Morbillo

Aggiornamento dati ufficiali sul Morbillo

luglio 23
11:32 2014

Andamento della malattia e aggiornamento


MORBILLO Dati UFFICIALI  aggiornati con fonti nel 2015


ULTIMI AGGIORNAMENTI DI FEBBRAIO 2015


MORBILLO E ROSOLIA
Il report della ECDC (European Centre for Disease Prevention and Control)


vaccino ima

http://ecdc.europa.eu/…/Measles-rubella-quarterly-Dec2014.p…


Astratto

• Nel corso del periodo di riferimento di 12 mesi (ottobre 2013-settembre 2014), in 30 Paesi UE / SEE che effettuano la sorveglianza per morbillo sono stati segnalati 4.735 casi. Ventisei dei 30 paesi partecipanti hanno segnalato costantemente durante il periodo di 12 mesi.
• Germania, Italia e Paesi Bassi hanno rappresentato il 61,1% dei casi in questo periodo di 12 mesi.
• In otto, dei 26 paesi, il tasso di morbillo notificato era inferiore ad un caso per milione di abitanti, sei paesi hanno dichiarato 0 casi durante il periodo di 12 mesi.

• Nessuna epidemia di rosolia è stata rilevata da un’epidemia dopo l’ultima relazione.
• Nel mese di dicembre 2013 la rosolia è stata resa una malattia soggetta a denuncia in Germania.


 ALLEGATI


 

  • I tassi di mortalità infantile sono regrediti con il numero di dosi di vaccino
The infant mortality rate (IMR) is one of the most important indicators of the socio-economic well-being and public health conditions of a country….
NCBI.NLM.NIH.GOV

I dati di sorveglianza per il morbillo sono stati recuperati dal sistema europeo di sorveglianza (TESSy) il 27 ottobre 2014. L’analisi ha riguardato il periodo di 12 mesi da ottobre 2013 a settembre 2014. Ventisei Paesi della UE / SEE hanno riportato i dati basati sui casi per il periodo di 12 mesi. Croazia e Paesi Bassi non hanno
riportato tutti i dati dal luglio 2014. Lussemburgo ha riferito i dati aggiornati a gennaio 2014 (Figura 1, Tabella 1).
Durante il periodo di 12 mesi, sono stati riportati 4.735 casi di morbillo (tabella 1), che è inferiore rispetto all’epidemia del 2010 (n = 32.480), 2011 (n = 32.033), così come 2012 (n = 11.316) e il 2013 (n = 10.533) (Figura 2). Il numero di casi osservati nel mese di settembre 2014 e le notifiche per il periodo di 12 mesi sono mostrati nelle figure 3 e 4. Il tasso di notifica per morbillo è stato inferiore ad un caso per milione di abitanti in 8 dei 26 paesi che hanno riferito costantemente nel periodo di 12 mesi, tra cui sei paesi che non hanno registrato alcun caso (Tabella 1). I Paesi che hanno riportato il maggior numero di casi sono stati l’Italia (43,5% di tutti i casi), i Paesi Bassi (18,9%) e la Germania (7,9%) (Tabella 1).
I MAGGIORI TASSI NOTIFICATI HANNO RIGUARDATO I BAMBINI SOTTO UN ANNO DI ETA’ (43,3 casi per milione di abitanti), seguiti dai bambini di età 1-4 anni (33,4) e gli adolescenti di età compresa tra 15-19 anni (21,4) (Figura 5). Di tutti i casi, il 59,4% è risultato positivo per il morbillo (sierologia, rilevamento virus o isolamento) anche se ci sono grandi variazioni tra i paesi in proporzione ai casi confermati in laboratorio, tutto ciò può essere attribuito alla grande variazione nel numero dei casi segnalati da parte dei paesi, nonché alle diverse capacità di laboratorio.
Lo stato vaccinale è stato conosciuto per 4.368 (92,2%) dei 4.735 casi segnalati. Di questi, l’85,1% (3.719 casi) erano non vaccinati, il 9,2% (402) aveva ricevuto una dose di vaccino contro il morbillo, il 4,9% (214) aveva ricevuto due o più dosi, e lo 0,8% (33) aveva ricevuto un numero imprecisato di dosi. La percentuale di casi non vaccinati è stata elevata in tutte le età e la più alta tra i bambini di età compresa tra i 10-14 anni (89%) e meno di un anno di età (93%). Il numero dei casi in quest’ultimo gruppo di età riguarda SPESSO SOGGETTI TROPPI PICCOLI PER ESSERE AMMESSI ALLA VACCINAZIONE.

Tra i bambini di età compresa tra 1-4 anni che rientrano nei programmi di vaccinazione di routine dell’infanzia, il 76,5% dei casi sono stati vaccinati (Figura 6). La copertura vaccinale per morbillo (due dosi) per ciascun paese è raffigurata nella figura 3.
Il tasso di casi, notificato per fascia d’età, è stato calcolato per i tre paesi dichiaranti maggior parte dei casi (Figura 7a-f). I tassi di notifica hanno rivelato un modello molto eterogeneo, con l’Italia che mostra tassi più elevati tra gli adolescenti di età compresa tra i 15-19 anni e i bambini di età compresa tra 1-4 anni, e la Germania che mostra tassi più elevati nei bambini di età inferiore a uno e bambini dai 1-4 anni, mentre i Paesi Bassi hanno registrato tassi più elevati nei bambini di età compresa tra 5-14 anni. In tutti e tre paesi, la maggior parte dei casi sono stati vaccinati (figure 7a-f).
Durante il periodo di 12 mesi, cinque casi hanno presentato encefalite acuta da morbillo ed un caso di decesso da morbillo.
Il numero di casi di morbillo nell’Unione Europea è stato basso rispetto agli ultimi anni. E’ probabile attribuire la dinamica della trasmissione dell’infezione nella popolazione successivamente agli anni epidemici nel 2010 e 2011.

Tuttavia, il numero di casi rimane elevato, visto che il morbillo e la rosolia sono mirati per
eliminazione in Europa entro il 2015. L’ immunità nella popolazione e la sorveglianza di alta qualità sono essenziali per raggiungere questo obiettivo. Per interrompere la circolazione del virus, la copertura di vaccinazione di almeno il 95% deve essere raggiunta con due dosi di vaccino contenente morbillo somministrato attraverso la vaccinazione di routine *
I dati ( OMS) a partire dal 2013 mostrano che tassi di copertura in 22 Stati membri dell’UE / SEE sono al di sotto di questo obiettivo, mentre esistono ancora sacche di soggetti suscettibili in tutta l’Unione europea, anche nei paesi con alta copertura vaccinale. Le misure attuate negli Stati membri devono essere ampliate e accelerato se il bersaglio eliminazione è da raggiungere.


 

Aspetti epidemiologici in Italia

Morbillo & Rosolia News: il bollettino della sorveglianza integrata morbillo-rosolia

foto di Sandra Sandy Piccioni.

In Italia, sul totale dei 1259 casi di morbillo segnalati nel 2014, solo il 51,5% è stato confermato in laboratorio. Il maggior numero dei casi si è verificato in Piemonte, in Liguria e in Emilia-Romagna che insieme hanno segnalato il 66,3% dei casi osservati (Piemonte 39,2 ; Liguria 15,0% e Emilia-Romagna 12,1%).


fonte di seguito

http://ecdc.europa.eu/en/publications/Publications/Measles-rubella-quarterly-Dec2014.pdf


 

L’incidenza dei casi di morbillo nei primi cinque mesi del 2014 è stata pari a 2,1 casi per 100.000 abitanti. 


L’incidenza più elevata è stata osservata in Liguria con 12,1 casi per 100.000, seguita dal Piemonte con 11,3 e dall’Emilia-Romagna e dalla Sardegna con 3,5 e 3,3 casi per 100.000 rispettivamente.
La diarrea è la complicanza più frequentemente segnalata. Sono stati riportati 53 casi di polmonite, 45 casi cheratocongiuntivite, 29 casi di epatite e 9 casi di trombocitopenia.


NON SONO STATI SEGNALATI CASI DI ENCEFALITE


 http://www.epicentro.iss.it/problemi/morbillo/bollettino/R&M_News_2014_06.pdf


epicentro

Share

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti

0 Commenti

Ancora nessun commento!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Only registered users can comment.