Vaccini Informa

La Sicurezza e l’efficacia del Vaccino HPV non è dimostrata: i governi chiedono chiarezza

La Sicurezza e l’efficacia del Vaccino HPV non è dimostrata: i governi chiedono chiarezza

giugno 19
15:17 2014

Non è dimostrata la sicurezza del Vaccino HPV  e nemmeno la prevenzione del cancro cervicale secondo  Judy Wilyman

 

hpv-vaccine-please

Non sono ancora stati dimostrati  la sicurezza e l’ efficacia  nella prevenzione del cancro al collo dell’utero attraverso la Vaccinazione HPV .

Il cancro cervicale è un basso rischio nei paesi sviluppati, ma un rischio elevato nei paesi in via di sviluppo, anche se la distribuzione di HPV è simile in tutti i paesi.

Questo perché le infezioni da HPV da sole, non causano il cancro cervicale.

Mentre molte donne nei paesi sviluppati potrebbero contrarre il papillomavirus umano (HPV), la maggior parte non sono a rischio di cancro cervicale, perché i co-fattori ambientali necessari per far si che l’ infezione da HPV  progredisca in cancro, non sono prevalenti in questi paesi.

vaccino-hpv-e-sesso-sicuro-le-adolescenti-credono-di-essere-protette-dalle-mst

I Programmi di vaccinazione universale nei paesi portano il 99% delle donne vaccinate , a non contrarre il cancro cervicale, ma ad avere come rischio  altri eventi avversi del vaccino.

I Problemi di sicurezza e dell’efficacia circa i vaccini HPV ,sono stati espressi da India, Utah, Francia e Giappone, il quale di recente ha rimosso questo vaccino dal programma di governo fino al completamento di ulteriori studi sulla sicurezza.

Non è stato dimostrato per questo vaccino,nemmeno la sicurezza di non contrarre il cancro cervicale,perché un surrogato inadeguato per l’efficacia è stato utilizzato negli studi clinici e negli studi di efficacia forniti ai regolatori di governo.

 Nel documento  presentato in occasione del vertice del Cancro “Controlli nei progressi nello screening del cancro e  prevenzione di Ricerca” (12 maggio 2014), ho fornito le prove che dimostrano la non sicurezza o efficacia del vaccino HPV, nella prevenzione del cancro cervicale.

Questo vaccino ha avuto rapidamente la sua immissione nel mercato da parte della FDA degli Stati Uniti nel giugno 2006.

Due questioni  sono state sollevate alla fine del mio intervento e vorrei chiarirle in questa newsletter

La mia ricerca dimostra che l’uso di lesioni pre-cancerose dal 15° al 26° anno ,non è un indicatore sufficiente per l’efficacia dei vaccini HPV nella prevenzione del cancro cervicale. Ad oggi, gli unici studi che sono stati utilizzati dal Cancer Council, hanno valutato la riduzione di CIN 2 e 3 delle lesioni  nelle donne in questa fascia di età.

Questo è anche il motivo per cui molti paesi non raccomandano lo screening per il cancro cervicale  dopo i 26 anni di età.

Nella mia presentazione ho anche dimostrato che le infezioni da HPV non sono l’unica causa necessaria del cancro cervicale .

Mentre è stato dimostrato che l’ HPV 16 e 18 è un fattore necessario per il  cancro cervicale, la letteratura medica afferma che le infezioni da HPV non progrediscono a cancro cervicale senza la presenza di  fattori ambientali .

Senza questi co-fattori, la maggior parte delle infezioni da HPV nelle donne sono asintomatiche e innocue,  raramente progresso di cancro cervicale.

Questo punto è importante per la teoria che i vaccini HPV siano utili nel prevenire il cancro cervicale nei  programmi di vaccinazione universale.

Anche se le infezioni da HPV sono una causa necessaria per il cancro cervicale,è anche vero che non sono l’unica causa , pertanto, i programmi di vaccinazione universale saranno efficaci solo se la maggioranza delle donne con infezione da HPV sono a rischio .

 

È noto che la maggior parte delle donne con infezione da HPV non sono a rischio di cancro cervicale e questo vale soprattutto nei paesi sviluppati.

Il rischio di sviluppare il cancro cervicale in un paese sviluppato è pari allo 0,8%. Questo significa che circa il 99% delle donne in questi paesi non sono a rischio di sviluppare il cancro cervicale, perché i co-fattori ambientali che sono necessari anche per la carcinogenesi non sono prevalenti in questi paesi.

Vaccinare tutte le donne in questi paesi comporterà la loro esposizione agli effetti collaterali del vaccino.

La prova più evidente che la maggior parte delle donne nei paesi sviluppati non è a rischio di cancro cervicale, si evince dal fatto che l’ 80-90% del cancro cervicale si verifica nei paesi in via di sviluppo, per esempio, Africa, Asia Centrale e Sud America, e non i paesi sviluppati , come ad esempio, l’Australia, il Regno Unito e Stati Uniti.

Mentre la distribuzione globale di HPV è simile in tutti i paesi si osserva che il rischio di ammalarsi di cancro al collo dell’utero è significativamente più alta nei paesi in via di sviluppo rispetto ai paesi sviluppati.

Questa è la prova che l’HPV non è l’ unico fattore necessario per lo sviluppo del cancro cervicale. Inoltre, è noto che ci sono ben 13 ceppi ad alto rischio di HPV ,e che non sono inclusi nei vaccini HPV correnti.

Pertanto il  30% non è coperto dal vaccino. Questo è il motivo per cui tutte le donne vaccinate avranno ancora bisogno di screening Pap.

Le preoccupazioni globali sul vaccino  HPV 

 

Il governo giapponese ha recentemente sospeso la vaccinazione HPV nel suo programma.

Dall’ aprile 2014 il governo giapponese non  consiglierà più questo vaccino fino a quando non saranno condotti ulteriori studi sulla sua sicurezza.

La Francia sta valutando un’azione simile e l’India e l’Utah hanno anche loro,espresso molte preoccupazioni in merito.

La sicurezza di questo vaccino non è stata stabilita nella fase 3 degli studi clinici precedenti la commercializzazione .

I Vaccini HPV contengono un quantitativo maggiore rispetto agli altri vaccini (3 volte in più) dell’ adiuvante alluminio come pure maggiori sono gli eventi avversi segnalati.

Gli eventi avversi più comuni associati con i vaccini HPV sono:

condizioni neurologiche – crisi epilettiche, convulsioni, paralisi, encefalopatia, tic, stanchezza cronica e malattie autoimmuni.

Tuttavia, nei paesi come l’Australia sono raccomandati  questi vaccini gratuiti a  tutte le ragazze adolescenti e ragazzi nei programmi scolastici, senza  avere la certezza sulla sicurezza ed efficacia nella prevenzione del cancro del collo dell’utero (una malattia non infettiva).

Il vaccino ha anche due ingredienti collegati a causare l’ infertilità.

Questi sono borato di sodio e polisorbato 80 ;  il governo australiano non ha spiegato perché questi ingredienti sono in un vaccino che  tuttavia,viene consigliato (gratuitamente) agli adolescenti.

Ricordiamo che  il vaccino, non copre i 13  ceppi ad alto rischio di HPV .

I riferimenti per queste informazioni possono essere ottenute da questo articolo pubblicato su agenti infettivi e cancro , dal titolo “i programmi di vaccinazione HPV non hanno dimostrato di essere efficaci ” .

 

FONTE DI RIFERIMENTO DI SEGUITO

http://eurosciconnews.com/archives/4449

 

 

Share

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Autore

Vacciniinforma

Vacciniinforma

Potrebbero interessarti

0 Commenti

Ancora nessun commento!

There are no comments at the moment, do you want to add one?

Scrivi un commento

Only registered users can comment.